Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Calore, pasticcerie, gommisti: le imprese dell’inverno danno lavoro a 11mila bresciani

in Economia/Tendenze by
Pasticceria

L’inverno fa bene alle imprese, il settore coinvolto dal periodo più freddo dell’anno supera le 144mila imprese in Italia e 22 mila in Lombardia a settembre 2018 e cresce in un anno del +0,2% a livello nazionale e del +0,7% in Lombardia. Hanno sede in Lombardia il 15,4% delle imprese nazionali nel settore. Il comparto dà lavoro a 480 mila addetti in Italia, di cui 93 mila in Lombardia e ha un business annuale di 30 miliardi nel Paese, di cui 9 in regione e 3 a Milano.

Sono soprattutto imprese che si occupano di impianti di riscaldamento (circa 50 mila attività in Italia di cui 9.500 circa in Lombardia), pasticcerie e sale da tè (complessivamente oltre 48mila in Italia, 6mila in regione),  di articoli sportivi (9mila in Italia, mille in regione), 6.530 attività di sostituzione pneumatici per auto (781 in Lombardia), 4.270 palestre per lo sport indoor (quasi 900 in regione) a cui si aggiungono circa 1.900 organizzatori di corsi sportivi e ricreativi (368 in regione). Tra i “settori dell’inverno” in Italia anche 171 stabilimenti balneari, 1.416 cinema, 4.617 imprese di calzetteria in maglia e 1.310 cappellerie/ombrellai, 1.193 produttori di abbigliamento in pelle e 435 pelliccerie. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati Registro Imprese.

In Italia prima è Roma con 8.150 imprese (+1,3% in un anno) e numero di addetti, complessivamente 28 mila, seguita da Milano con 6.514 imprese (+2,2%) e 26 mila addetti. Seguono per numero di imprese  Napoli, al terzo posto, con 5.879 attività (+0,4%), Torino con 5.515 imprese (-0,1%) e Bari (3.547, -0,8%). Guardando al numero degli addetti, dopo Roma e Milano ci sono Torino con 16.202 addetti, Monza Brianza (13.791) e Napoli (13.280).

Tra le lombarde, dopo Milano con più di 6mila imprese nei settori invernali ci sono Brescia (2.962, +0,6% e 11 mila addetti), Bergamo (2.507 -0,1% e 10 mila addetti), Varese (2.084 e 7 mila addetti) e  Monza (1.874, +1,4% e 14 mila addetti). Sopra mille imprese Pavia (1.202, -0,7% in un anno), Como (1.233, +0,4%) e Mantova (1.234, -0,2%).

Brexit, Aib: se non governata effetto sconvolgente anche per Brescia

in Economia/Export by
Brexit

L’esito negativo del voto di martedì 15 gennaio (432 voti sfavorevoli all’accordo sul divorzio dall’UE contro 202 favorevoli) e un’uscita disordinata della Gran Bretagna dall’Unione potrebbero avere conseguenze sconvolgenti per le imprese italiane e per la provincia di Brescia, all’ottavo posto in Italia per export verso il Regno Unito (pari a 549 milioni di euro nel periodo tra gennaio e settembre 2018) e al sesto per saldo commerciale (436 milioni di euro nei primi tre trimestri dello scorso anno)

“L’effetto Brexit-non governata, nel caso non si arrivi a un accordo entro il 19 marzo come presumibile, sarà sconvolgente: ci si ritroverà improvvisamente ad avere dogane per le persone e per le merci senza le necessarie procedure, ormai dismesse da più di 20 annicommenta Germana Bergomi, delegata allo Sviluppo Mercati e Internazionalizzazione dell’Associazione Industriale Bresciana –.Non si tratta di un problema esclusivamente legato all’accesso nel Regno Unito, quanto a un possibile blocco delle merci in entrata. Siamo di fronte a un momento di tensione e incertezza che non fa certamente bene al sistema economico italiano ed europeo: i numerosi colleghi imprenditori, anche bresciani, presenti in Gran Bretagna vivono da lungo tempo in uno stato di incertezza, all’interno del quale si sono trovati a dover effettuare scelte e investimenti senza avere alcuna certezza su dove – e come – il mercato si sarebbe orientato. Una situazione che avrà ripercussioni importanti, in particolare, per le esportazioni del comparto bevande.”

Secondo una nota diramata oggi dal Centro Studi di Confindustria, inoltre, “lo spettro dei possibili risultati finali della Brexit spazia ancora dallo scenario di un no deal, che si verificherebbe nel caso di un mancato accordo tra le parti, a quello di un no Brexit, nello scenario in cui venga indetto un nuovo referendum a seguito della quale prevalga la scelta del popolo britannico di restare nell’Unione Europea. L’esito negativo del voto rende ancora possibile l’allungamento dei tempi per le trattative, con UK che potrebbe richiedere l’estensione come previsto dall’Articolo 50 dei trattati dell’Unione Europea”.

Lombardia, le imprese della neve fatturano 267 milioni di euro all’anno

in Economia/Tendenze by
Neve, foto generica

Neve, shopping, relax e buona cucina. Ammonta a oltre 267 milioni di euro il giro d’affari in un anno generato dalle imprese della ricettività, commercio e ristorazione attive nei comuni montani della Lombardia dove sono presenti sedi di scuole di sci. Si tratta complessivamente di una quarantina di comuni in tutta la regione, concentrati tra Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Sondrio, nei quali, anche grazie alla presenza di scuole da sci e in generale alla spinta del turismo invernale, i ricavi delle vendite delle imprese del commercio al dettaglio arrivano nel complesso a oltre 161 milioni di euro. Nel dettaglio, il business della vendita di articoli sportivi in esercizi specializzati in questi comuni della Lombardia ammonta a circa 8,5 milioni di euro. 79 milioni di euro vanno al comparto della ricettività e oltre 26 milioni di euro a tutte le imprese dei servizi di ristorazione.

Il giro d’affari per territorio Per i comuni montani di Sondrio sede di scuole di sci (Aprica, Bormio, Chiavenna, Chiesa in Valmalenco, Gerola Alta, Madesimo, Livigno, Teglio, Tirano, Valdidentro, Valdisotto e Valfurva) il giro d’affari tra acquisti, cene fuori e alloggi in hotel, b&b e case vacanza supera complessivamente i 217 milioni di euro, per i comuni montani di Brescia considerati (Artogne, Bagolino, Borno, Collio, Edolo, Pisogne e Ponte di Legno) i ricavi per le imprese del commercio, dell’alloggio e della ristorazione sono più di 27 milioni di euro. Il giro d’affari per i comuni bergamaschi (Branzi, Castione della Presolana, Colere, Foppolo, Gromo, Piazzatorre, Schilpario, Selvino, Serina, Valbondione, Valleve, Valtorta) ammonta a oltre 9 milioni di euro, per quelli di Como (Asso e Bellagio) i ricavi sono attorno ai 13 milioni di euro e oltre 1 milione per Lecco (Barzio, Bellano, Introbio e Margno).

Le imprese dei comuni montani sede di scuole di sci Il comune della bergamasca, con sedi di scuole di sci, che conta più attività commerciali di ristorazione e alloggio è Castione della Presolana (120 imprese), seguito da  Selvino (78 attività). Nel bresciano il primo comune montano legato al business della neve è Ponte di Legno con 118 imprese tra negozi hotel, servizi ricettivi e ristoranti. Seguono, per vivacità commerciale legata al turismo invernale Edolo e Pisogne (rispettivamente 117 e 116 imprese), e poi Bagolino (108). Nel comasco il primo comune è Bellagio con 84 negozi, 30 attività di alloggio e 46 nella ristorazione. A Lecco sono Bellano e Barzio a contare più imprese del commercio, ricettività e alloggio (rispettivamente 64 e 50 imprese). È quanto emerge da una elaborazione della  Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Registro Imprese, Aida – Bureau Van Dijk e dati Regione Lombardia.

Solidarietà, ecco il nuovo vertice dellla Congrega della carità apostolica

in Economia/Partner 2/Solidarietà by
Il notaio Alberto Broli

Nella serata di lunedì 14 gennaio 2019, il Collegio degli Amministratori della Congrega della Carità Apostolica ha eletto il nuovo Comitato di Presidenza per il triennio 2019-2021.

Per i prossimi tre anni, a presiedere il più antico sodalizio caritativo bresciano i Confratelli della Congrega hanno confermato il notaio Alberto Broli, come vice Presidenti sono stati invece designati il prof. Antonio Porteri e il dr. Pietro Ghetti, che subentrano al dr. Agostino Mantovani e al dr. Giovanni Falsina. A comporre la squadra come consiglieri ci sono l’avv. Stefano Bontempi, il notaio Franco Bossoni, il dr. Franco Gheza, l’arch. Giuseppe Milanesi, don Armando Nolli, l’avv. Francesco Onofri, il dr. Franco Polotti e il dr. Marcellino Valerio.

Come revisori dei conti sono stati indicati il dr. Flavio Gnecchi, il dr. Giovanni Nulli e il dr. Guido Piccinelli.

Con il rinnovo delle cariche statutarie – servizio assolto gratuitamente dai Confratelli del Sodalizio – la Congrega della Carità Apostolica si prepara ad affrontare le attività per il 2019. I budget confermano investimenti in beneficenza e progetti di solidarietà in favore di famiglie, minori, enti ed associazioni non profit nelle province di Brescia e di Mantova; a ciò si aggiungono i tradizionali impegni sui fronti dell’housing sociale, più di 400 abitazioni in città (il 71% del patrimonio immobiliare totale), e dei servizi alla persona, soprattutto anziani e minori.

Alla Congrega della Carità Apostolica, le cui origini sono attestate all’inizio del Cinquecento, fanno riferimento la Fondazione conte Gaetano Bonoris, la Fondazione Luigi Bernardi, la Fondazione Guido e Angela Folonari, la Fondazione Pasotti Cottinelli Onlus, la Fondazione Alessandro Cottinelli, la Fondazione Dominique Franchi Onlus, la Fondazione Liliana Giordano e Giuseppe Scalvi, l’Istituto Vittoria Razzetti Onlus e, dal 2018, la Fondazione Coniugi Daniele Bonicelli Reggio e Eva Pederzani.

Sicurezza e ambiente, dalla Regione 9 milioni per le imprese col bando Ies

in Bandi/Economia/Istituzioni/Regione by

Viene pubblicato oggi il Bando ‘IES Lombardia’ (Impresa eco-sostenibile e sicura), come deliberato dalla Giunta regionale nel dicembre scorso su istanza dell’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzoli, per sostenere investimenti innovativi, sia per la sicurezza sia per la riduzione dei consumi energetici e dell’impatto ambientale delle micro e piccole imprese commerciali e dell’artigianato. Le risorse complessivamente disponibili sono pari a 9 milioni di euro.

CHI PUo’ PARTECIPARE – Al bando possono partecipare le micro e piccole imprese commerciali e artigiane che abbiano almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia.

AREE DI INTERVENTO – Due sono le aree d’intervento. Con una misura si finanziano interventi per la sicurezza (sistemi
antifurto, antirapina o antintrusione ad alta tecnologia) o per l’acquisto di dispositivi di pagamento per la riduzione del
flusso di denaro contante. Con l’altra misura si sostiene l’acquisto di apparecchiature e impianti per la riduzione del
consumo energetico e dell’impatto ambientale della loro attività. Ogni impresa potrà presentare domanda su entrambe le misure.

ASCOLTO DELLE ESIGENZE REALI DEL MONDO PRODUTTIVO – “Anche con questo provvedimento, insieme al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, confermiamo la nostra attenzione al nostro mondo produttivo, fatto di micro e piccole imprese – commenta l’assessore Mattinzoli -. In questo modo teniamo alto il livello non solo dell’efficienza, ma soprattutto della lungimiranza e della capacità di tradurre in atti concreti e utili i bisogni di tutto il nostro tessuto imprenditoriale. Queste misure dimostrano che la Giunta della Lombardia guarda a chi investe e crea lavoro, nel rispetto dell’ambiente e della sicurezza.

IL CONTRIBUTO – Il contributo a fondo perduto è pari al 50 per cento delle sole spese considerate ammissibili nel limite
massimo di 5.000 euro per la sicurezza e di 10.000 euro per la sostenibilità ambientale.

PRESENTAZIONE DOMANDE E TEMPISTICA – La domanda di contributo deve essere presentata a Unioncamere Lombardia esclusivamente tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it dal 12 febbraio 2019 al 7 marzo 2019.

Confagricoltura Brescia, al via gli incontri del presidente con i soci

in Agricoltura e allevamento/Associazioni di categoria/Economia/Eventi by
Giovanni Garbelli, Confragricoltura Brescia

SI svolgeranno nei prossimi giorni, a partire da venerdì 11 gennaio a Brescia, i tradizionali incontri del presidente con i soci di Confagricoltura Brescia, riuniti negli Uffici Zona.

“Ringrazio fin d’ora tutti coloro che parteciperanno e che porteranno il proprio contributo – ha detto Giovanni Garbelli, presidente di Confagricoltura Brescia, che per la prima volta incontrerà in questa veste i soci dell’organizzazione -: dal confronto con gli associati potrò ricavare spunti

fondamentali per iniziare nel modo migliore la mia attività al vertice di questa organizzazione. Grazie al dialogo con gli associati infatti – ha affermato il presidente – io, la giunta, il consiglio, la direzione e l’intera struttura di Confagricoltura Brescia possiamo migliorare la nostra attività nell’interesse delle imprese agricole”.

Gli incontri sono anche funzionali a preparare nel modo migliore le tematiche che saranno affrontate nel corso dell’assemblea generale di Confagricoltura Brescia, l’appuntamento più importante dell’organizzazione, in programma quest’anno sabato 23 febbraio.

Il calendario completo degli appuntamenti è allegato a questo comunicato stampa.

Calendario incontri di zona

 

 

Contraffazione, 28 mila le imprese a maggior rischio in Lombardia

in Economia/Evidenza/Tendenze by
Contraffazione

Sono 28 mila in Lombardia le imprese nei settori del lusso, si tratta dei settori a maggior rischio contraffazione nei marchi del design di moda, orologi, gioielli e accessori. Di queste 11 mila sono  a Milano su un totale italiano di 212 mila imprese.  Si tratta delle attività di design specializzate, della  fabbricazione di profumi e cosmetici, di oggetti di gioielleria e oreficeria, del commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento, calzature,  articoli in pelle, articoli di profumeria, orologi e gioielleria. Circa 100 mila gli addetti coinvolti in Lombardia su 400 mila in Italia, di cui 60 mila a Milano. Un business da 17 miliardi a  Milano su circa 80 miliardi  in Italia.

 

 

 

Benessere senza crisi: 12 mila imprese in Lombardia, 1535 a Brescia

in Economia/Tendenze by
Benessere

Dopo i pranzi di Natale, i cenoni di Capodanno e i dolci della Befana, si torna in forma. Sono quasi 12 mila le imprese attive nel settore del benessere efitnessin Lombardia nel 2018, in crescita del 2% in un anno e del 7,2% in tre, per un giro d’affari di 5 miliardi di euro all’anno. Pesano un sesto di tutte le imprese attive in Italia nel comparto (70 mila, +5,3%, con un business di oltre 9 miliardi) grazie anche alla presenza tra le prime dieci province italiane di tre lombarde: Milano con 3.848 imprese, il 5,4% nazionale (+9,1% dal 2015), al secondo posto per attività dopo Roma ma prima per giro d’affari, circa 3 miliardi di euro e per numero di addetti, oltre 19 mila. Brescia è sesta con 1.535 imprese (+5,1% in tre anni) e Bergamo settima con 1.357 (+7,2%). La Lombardia pesa soprattutto nel settore delle palestre, concentrando il 21% delle attività italiane, nei centri benessere (30%) e nei servizi di manicure e pedicure (22%) e di bellezza (18%). Forte anche la presenza di imprese lombarde nel settore del commercio di prodotti macrobiotici e dietetici (178 sedi di impresa su 1.061 in Italia, il 17% del totale). Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese al 2018, 2017 e 2015.

Le province lombarde. Dopo Milano, prima in regione, vengono Brescia per imprese (1.535) e Monza Brianza per addetti (10 mila). Superano le mille attività anche Bergamo e Varese, sono circa 900 a Monza e 600 a Pavia e Como. In forte crescita in tre anni oltre a Milano, Cremona e Lecco (+9%).

Il benessere fa impresa in tutta Italia.Sono 70 mila le imprese del settore, +1,6% in un anno, +5,3% in tre anni. In testa Roma dove si concentra il 7,9% delle attività italiane legate al fitness e benessere (5.563, +11,1%), specializzata per lo più in istituti di bellezza (2.763). Al secondo posto Milano (3.848), prima per centri benessere (490) e palestre (321), terza Napoli (3.001) specializzata  nelle profumerie (1.093). Per addetti del settore prevale Milano con 19 mila, seguita da Roma (12.574), Monza Brianza (10.195) e Padova (6.185). Circa 5 mila occupati anche a Napoli, Bergamo e Torino.

Settore al femminile e giovanile, record di imprese straniere a Milano. Quasi due imprese su tre nel settore sono femminili (68%) e una su sei è in mano a giovani (17,6% in Lombardia e 17,8% in Italia). Più alta in Lombardia la presenza di imprese con titolari nati all’estero, 12,1% contro una media nazionale dell’8,3%, grazie al dato di Milano dove le imprese “straniere” pesano il 18,8%, il valore più alto d’Italia. Dopo Milano, per peso delle imprese di titolari nati all’estero vengono Trieste (17,4%) e Prato (16,9%), per peso di imprese femminili prime in Italia sono invece Nuoro, Pordenone e Ascoli Piceno (78% circa l’una) e per presenza di under 35 Catanzaro, Isernia e Crotone (oltre 30% ciascuna).

Formazione e consulenza aziendale, i percorsi inFinance arrivano a Brescia

in Economia/Formazione/Sei consulting by
Ivan Losio

Dal 2019, in aggiunta alle consolidate sedi di Milano, Padova e Bologna, i percorsi di inFinance saranno erogati anche a Brescia. La nuova sede era nell’aria, vista la provenienza dei suoi due direttori scientifici: Ivan Losio, partner EY, per l’area del controllo di gestione, e Ivan Fogliata, CEO di FSA, per l’area del corporate finance.

inFinance, attiva nella formazione e nella consulenza nella finanza aziendale, nel controllo di gestione e nell’analisi creditizia, si caratterizza per un approccio didattico estremamente diretto e pragmatico. Tutti i docenti sono analisti, consulenti e manager operativi in azienda: ciò consente di portare in aula l’esperienza concreta e quotidiana vissuta in ambito lavorativo.

inFinance, inoltre, si caratterizza per l’impegno nella diffusione della cultura finanziaria attraverso la produzione di working paper, approfondimenti e video liberamente disponibili sul proprio sito, la proposizione continua di Workshop di aggiornamento e approfondimento ad accesso libero e, soprattutto, la pubblicazione di una collana editoriale dal titolo “Keep it Simple!” giunta al momento al terzo libro.

A marzo inizieranno a Brescia i primi Master e Corsi, i quali saranno preceduti da due Workshop a partecipazione gratuita, che si svolgeranno il 2 febbraio presso Sfida 4.0, in loc. Flero, e che consentiranno di “toccare con mano” l’approccio di inFinance su due temi di particolare interesse per le aziende:

  • Le scelte di finanziamento, con un workshop guidato da Ivan Fogliata dal titolo “Quanto e quale debito?”
  • Il passaggio dalla definizione degli obiettivi alle misure di performance per valutare i risultati, con un workshop guidato da Ivan Losio dal titolo “La Balanced Scorecard, passare dalla strategia all’azione”

Il primo Master inizierà il 22 marzo ed è dedicato al Controlling, con l’obiettivo di inquadrare e delineare tale importante funzione nei suoi risvolti strategici e operativi. Il percorso è proposto in formula week end, con frequenza al sabato, e prevede 12 incontri d’aula e una giornata esperienziale nella digital factory EY Sfida 4.0, nell’ambito della quale i partecipanti avranno l’opportunità di vivere direttamente e concretamente le dinamiche di due imprese 4.0 (di produzione e di servizi).

Il primo Corso, invece, è dedicato all’analisi di bilancio ed inizierà il 15 marzo. Il percorso trasferisce logiche di analisi e coinvolge direttamente i partecipanti nella costruzione di modelli e strumenti immediatamente utilizzabili. Prevede, inoltre, un particolare focus sul rendiconto finanziario e sui temi speciali di analisi di bilancio.

Maggiori informazioni su Master, Corsi e Workshop disponibili sul sito di inFinance: www.infinance.it

Auto, il gruppo Bossoni si allarga ancora: acquisito anche il marchio Peugeot

in Automotive/Economia/Evidenza by
Peugeot, foto generica

E’ arrivata l’ufficialità: da oggi il Gruppo Bossoni Automobili parla anche francese. Confermata l’acquisizione del brand Peugeot e delle concessionarie di Brescia rilevate dal Gruppo Liberini. Con PuntoErre-Liberini, da oltre 15 anni l’unica concessionaria Peugeot per Brescia, il Gruppo Bossoni Automobili aggiunge due nuove Sedi nella zona Nord della Città (Via Triumplina) e nella zona Sud (Viale Sant’Eufemia) consolidando ulteriormente la propria presenza nel capoluogo di Provincia.

Nella Sede di via Triumplina, oltre allo showroom, i Clienti potranno usufruire dell’Officina Certificata Peugeot per manutenzione straordinaria e programmata, gomme e revisioni, ma anche del Magazzino Ricambi con vendita aperta di ricambi originali e disponibilità costante dei Sales Specialist.

Le nuove concessionarie Peugeot si andranno ad aggiungere a quelle già presenti in Via Valcamonica (sedi FCA e Kia), in via Triumplina (Volvo) e a Rezzato, dove oltre alla Sede FCA sorge il nuovo Centro Usato Multi-Brand che, inaugurato lo scorso Marzo, è già diventato un importante punto di riferimento per il mercato auto di Brescia e della Provincia.

“Siamo orgogliosi di accogliere nel nostro Gruppo un marchio storico come Peugeot che da oltre 200 anni è sinonimo di innovazione e diversificazione di prodotto” rivela Mauro Bossoni, Amministratore Delegato del Gruppo Bossoni Automobili. “E l’attenzione del brand allo sport, dai rally alla Dakar fino al tennis, è sicuramente un punto in comune con la nostra realtà Aziendale, dove lo sport va di pari passo con il lavoro e la spinta all’innovazione”.

“E non dimentichiamo certo il Gruppo Liberini”, continua l’AD. “E’ un onore acquisire una realtà affermata come PuntoErre che da anni ormai è il riferimento di Peugeot a Brescia e anche per la Provincia. Sarà un’acquisizione simbiotica e faremo di tutto per rendere il passaggio più fluido possibile: entriamo in una nuova realtà con un nuovo brand e metteremo a fattore comune le conoscenze e le competenze per sviluppare l’Azienda, insieme.”

Il Gruppo Bossoni conferma quindi il trend di espansione degli ultimi anni: nel 2008 l’acquisizione della Lorenzetti SpA e l’ingresso di Volvo, primo marchio straniero nel portafoglio Aziendale. Nel 2009 rileva la Giorgio Marra di Cremona, diventata poi Bossoni Automobili con un’espansione a Bagnolo Cremasco (CR) e Mantova (Sedi FCA, Audi, Volkswagen e Škoda).

Oggi il Gruppo Bossoni può contare su 13 Sedi distribuite capillarmente nelle provincie di Brescia, Cremona e Mantova, alle quali si aggiungono le Sedi della Bossoni Automobili situate nelle province di Cremona, Mantova, Brescia con la neonata Sede Škoda di Orzinuovi, inaugurata solo lo scorso Ottobre e Piacenza, a seguito dell’acquisizione dei brand Audi, Volkswagen e Vic.

Numeri importanti che si riflettono anche nel comparto Risorse Umane: otre 600 collaboratori con un’età media di 45 anni e più di 120 assunzioni solo negli ultimi due anni distribuite non solo nei settori più “classici” del comparto automotive (Vendita, Officina e Ricambi), ma anche in quelli più innovativi (ICT & Digital Innovation, Marketing Digitale, CRM), per uno sguardo già proiettato verso il Futuro dell’Auto.

1 2 3 134
Go to Top
Vai alla barra degli strumenti