Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Crescita post-pandemia, risale il Pil: come le imprese affrontano la ripresa

in Economia/Tendenze by

Il post pandemia sorprende con una notizia molto incoraggiante: il PIL dei paesi del G20 è in salita e in Italia le previsioni dicono +6% su base annua, in rialzo rispetto a quanto previsto dalle analisi precedenti. Un risultato che fa ben sperare per il futuro, con un’iniezione di ottimismo per lavoratori e imprese. La crescita post-pandemia, trainata soprattutto dalla ripresa dei mercat internazionali, dovrà però essere gestita nel migliore dei modi, con nuovi investimenti, progetti innovativi e una rinnovata cultura aziendale. La pandemia ha infatti mostrato forze e debolezze del sistema, testando in maniera anche molto brusca la resilienza delle aziende e la loro capacità di adeguarsi a nuove condizioni, di rispondere agli shock, di migliorare il controllo di gestione nei più diversi aspetti, ad esempio il calcolo e controllo dei costi industriali, per evitare di soccombere. Dai primi dati, le imprese che hanno primeggiato uscendo meglio dalla crisi legata al Covid sono quelle che avevano investito sul digitale e sui processi di automazione. Si tratta infatti di imprese che sono riuscite a tenere testa alla crisi grazie ad un’organizzazione interna eccellente e ad una velocità di elaborazione dei processi più alta della concorrenza. Secondo le analisi di McKinsey in Europa sono ancora a rischio circa 59 milioni di posti di lavoro, con una conseguente accentuazione dei divario sociale. Le emergenze sanitarie sono devastanti dal punto di vista sociale ed economico e se non si reagisce puntando sui fattori trainanti, si rischia di inasprire il dibattito sociale, fomentando rabbia e disperazione.

Il Covid-19 ha tuttavia aperto la strada ad una riflessione concreta su quali saranno gli aspetti su cui focalizzare l’attenzione nei prossimi anni e il PNRR è l’occasione per rispondere con entusiasmo alla crisi, investendo in maniera oculata nei settori che porteranno alla crescita.

Come le imprese affrontano la ripresa


Lo scenario che si apre davanti all’impresa è nello stesso tempo esaltante e preoccupante. C’è il desiderio di rinascita a farla da padrone, ma la paura del collasso improvviso è sempre dietro l’angolo. Durante la pandemia, il 73% delle imprese ha avuto problemi con la produzione e la distribuzione dei prodotti. Va quindi subito ripensata la metodologia di approvvigionamento delle materie prime e la gestione della distribuzione, che dovrà necessariamente essere affidata al digitale. Come dimostrano i dati emersi dal World Economic Forum, le aziende che hanno integrato il digitale nelle loro operazioni di vendita e distribuzione hanno migliorato la produttività e hanno generato fatturato e sostenibilità.
Ad un’ottimizzazione del sistema produttivo dunque va aggiunto il passaggio definitivo alla digitalizzazione aziendale.

Il 90% delle aziende ha scelto di inserire il lavoro da remoto nei piani organizzativi e il 60% ha scelto di usufruire dei servizi online per gestire diversi processi aziendali. Questa è la strada per la creazione di una cultura di impresa che si basa sulle performance e non sulla richiesta di presenza oraria, con una ricaduta positiva anche in termini di abbattimento delle emissioni e di miglioramento della qualità della vita. Il nostro pianeta e le giovani generazioni chiedono a gran voce ai potenti di smetterla con il “bla bla bla” e di intervenire con azioni concrete per scongiurare il surriscaldamento globale ed evitare che le catasfrofi ambientali diventino sempre più frequenti. L’impegno dell’Europa su questo fronte si è concretizzato con il Recovey Fund considerato una leva fondamentale per la crescita e con gli investimenti sempre più orientati alla sosteniblità ambientale, ma anche le imprese dovranno affrontare la ripresa con una mentalità green, basata sulla ricerca costante di metodologie a basso impatto ambientale e sull’utilizzo di sistemi che ottimizzino i consumi, evitando gli sprechi.

Confindustria Lombardia, Bonometti lascia il posto a Buzzella

in Aib/Associazioni di categoria by

Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Lombardia ha eletto con consenso unanime Francesco Buzzella Presidente per il quadriennio 2021-25. Buzzella nel corso delle consultazioni dei componenti del Consiglio, svolte dalla Commissione di designazione (composta dagli ultimi tre Past President di Confindustria Lombardia), era stato individuato come candidato unico.

Nato nel 1968 a Crema, Francesco Buzzella, laureato in Economia presso l’ìUniversità Bocconi, amministratore di Coim e Presidente di Green Oleo, aziende chimiche con un fatturato superiore ad un miliardo di euro e con 1250 dipendenti, operanti nella chimica dei poliuretani e nella chimica verde da fonti rinnovabili’. Presidente dell’Associazione Industriali della Provincia di Cremona dal 2017 al giugno 2021, Buzzella dal 2014 è membro della giunta di Federchimica e dal Luglio 2017 membro del Consiglio di Presidenza di Federchimica.

“Ringrazio i colleghi del Consiglio di Presidenza per la fiducia riposta nella mia persona – ha dichiarato Francesco Buzzella –. Rappresentare tutta l’industria lombarda, in una fase storica così decisiva per il futuro economico e sociale della nostra regione e dell’Italia, è un grandissimo onore e una forte responsabilità. Per affrontare le sfide e i cambiamenti che ci attendono le peculiarità che contraddistinguono la nostra industria – laboriosità, qualità, capitale umano, collaborazione pubblico-privato, fiducia nei giovani – devono continuare ad essere il nostro punto di forza. Queste sono caratteristiche che hanno fatto grande l’industria lombarda e che continueranno a guidarci negli anni a venire, anni che vorrei fossero all’insegna del più puro orgoglio lombardo” ha concluso il neo eletto presidente di Confindustria Lombardia Buzzella

Al termine del Consiglio di Presidenza elettivo si è svolto, presso l’ADI Museum a Milano, l’evento di presentazione pubblica del nuovo Presidente di Confindustria Lombardia alla presenza della stampa e dei principali stakeholders degli industriali lombardi. All’incontro sono intervenuti il Presidente uscente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti, destinatario di un caloroso ringraziamento da parte dei colleghi imprenditori per l’ottimo lavoro svolto in questi quattro anni di presidenza, il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi.

L’incontro è stato anche l’occasione per annunciare agli attori sociali ed economici lombardi la nomina del nuovo Segretario Generale di Confindustria Lombardia, il Dott. Dario Voltattorni, entrato in carica il 1° luglio 2021.

Brescia città, apre oggi il terzo supermercato Aldi

in Città e Hinterland/Commercio/Economia/Zone by

ALDI, parte del Gruppo ALDI SÜD, realtà multinazionale di riferimento della Grande Distribuzione Organizzata, apre giovedì 30 settembre 2021 il suo terzo negozio a Brescia, in Via XX Settembre 18/d, nel quartiere Centro Storico Sud.

Dopo il debutto nel 2019 in città con un primo negozio in via Triumplina 75, a cui è seguita lo scorso giugno l’apertura di un secondo punto vendita in via Nicolini 5, ALDI continua a sviluppare la sua presenza in città. Un successo che trova conferma negli ottimi risultati messi a segno e nei continui riscontri positivi da parte dei bresciani verso la sua offerta, conveniente e di qualità, che oggi arriva anche nel cuore della provincia lombarda.

Aperto dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 21:00 e la domenica dalle 9:00 alle 20:00, il punto vendita, che mette a disposizione dei propri clienti un’ora di sosta gratuita, ogni 30 Euro di spesa, presso il parcheggio Stazione, si estende su una superficie di vendita di oltre 970 m2 con un contributo di riqualificazione e miglioramento della pavimentazione del marciapiede.

Per festeggiare l’apertura del nuovo negozio, ALDI ha previsto speciali offerte in sottocosto, in aggiunta alle promozioni settimanali, per invitare i clienti a scoprire i suoi prodotti e lasciarsi conquistare dalla sua offerta discount, conveniente ma ricca di qualità e freschezza.

L’azienda, grazie a questa nuova apertura, taglia il traguardo dei 9 negozi nella sola provincia di Brescia, per un totale di 39 store in Lombardia. L’apertura del nuovo negozio ha contribuito alla creazione di 13 nuove opportunità lavorative, per un totale di 506 collaboratori della regione. Con questo nuovo taglio del nastro, l’azienda raggiunge il traguardo dei 124 negozi in Italia, proseguendo il piano di espansione  nel Nord e portando nuovo impulso all’economia e all’occupazione.

Il “PREZZO ALDI”  è l’impegno di ALDI verso le famiglie italiane, grazie al suo assortimento compatto e completo con la garanzia del Made in Italy. Circa l’80% dei prodotti alimentari in vendita nasce dalla collaborazione con realtà agricole italiane di eccellenza: una valorizzazione che si ritrova nelle 130 referenze tra frutta e verdura e nelle sue oltre 30 marche, garanzia di prezzi accessibili senza alcuna rinuncia a bontà e freschezza.

Il piano costante di aperture ALDI vede sempre in Lombardia un’altra inaugurazione: insieme al negozio di Brescia, ALDI raddoppia la propria presenza anche a Bergamo, confermando l’impegno a investire in Italia e a dare slancio all’economia nazionale.

Finanza, Banca Valsabbina stringe un patto con la fintech Modefinace

in Banche/Economia/Finanza/Innovazione/Valsabbina by

Banca Valsabbina e modefinance, agenzia di rating Fintechspecializzata nella valutazione del rischio di credito delle aziende, hanno siglato un accordo di collaborazione finalizzato ad efficientare ed ottimizzare alcuni processi creditizi interni, con particolare riferimento alla pre-valutazione delle società di capitali.

La Banca bresciana, che nel corso di questi mesi ha perfezionato diversi accordi con aziende Fintech, prosegue nell’ambito della propria strategia, con l’obiettivo di avviare anche un percorso di ulteriore implementazione di alcuni tradizionali processi interni. In particolare, con modefinance è stata siglata una partnership strategica che prevede l’adozione della piattaforma tecnologica tigran, soluzione “Rating-as-a-service” sviluppata sulle specifiche esigenze del mondo bancario, che integra le funzionalità di un’agenzia di rating in una piattaforma modulare, automatizzando alcune fasi del processo di valutazione del rischio ed efficientando le relative attività di monitoraggio.

La soluzione, personalizzata dalla Banca, permetterà in particolare di effettuare una pre-valutazione digitale del merito creditizio delle società di capitali, riducendo i tempi di analisi degli operatori ed efficientando i processi creditizi interni, con conseguente ottimizzazione dello sviluppo del business.

“La collaborazione con Modefinance è stata avviata in quanto crediamo nelle partnership tra operatori tradizionali e Fintech, nell’ambito di una positiva e sana contaminazione reciproca. Abbiamo avviato un progetto trasversale, rivedendo alcuni processi interni con l’obiettivo di efficientare l’analisi creditizia e mitigare quindi i rischi tradizionali della Banca, ricorrendo però a tecnologie evolute, rilasciate da una società leader nel suo segmento”, premette Hermes Bianchetti, Responsabile Divisione Business di Banca Valsabbina. “Con questo progetto iniziamo a rivisitare alcune fasi dei processi di credit risk management, cercando al contempo di sviluppare al meglio il business. Innovare e rivedere certi processi è impegnativo e non sarà immediato, ma vediamo diverse opportunità nel Fintech e dobbiamo continuare a coglierle, per rendere sempre più efficiente e moderna la nostra Banca”, ha poi aggiunto Enrico Cremonesi, Viceresponsabile della stessa Divisione.

La digitalizzazione e l’automatizzazione dei processi rappresentano oggi per le banche un fattore di competitività sul mercato” – aggiunge Mattia Ciprian, CEO e co-fondatore di modefinance. “Questa nuova collaborazione conferma la validità delle nostre soluzioni come strumento per efficientare i processi interni di valutazione del credito e come tigran, facilmente integrabile e adattabile alle esigenze delle specifiche realtà che la adottano, sia un valido alleato per gli attori bancari tradizionali e non solo. Un approccio Explainable AI permette alla piattaforma di rispondere velocemente e coerentemente alle evoluzioni di mercato. Soggetti con una forte impronta territoriale, ed una notevole apertura all’innovazione, come Banca Valsabbina confermano la validità delle nostre soluzioni nonché le enormi possibilità, in termini di automazione e digitalizzazione di processo, che il Fintech porta in dote.”

Neosperience: in forte crescita ricavi e utili nel primo semestre 2021

in Bilanci/Economia/Innovazione by
Neosperience, foto da ufficio stampa

Consiglio di Amministrazione di Neosperience S.p.A. (“Neosperience” o la “Società”), uno dei principali player nel settore della Digital Customer Experience, quotata su AIM Italia dal 20 febbraio 2019, ha approvato oggi la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2021, redatta secondo i principi contabili nazionali (OIC) e sottoposta a revisione contabile limitata.

I PRINCIPALI RISULTATI

  • RICAVI CONSOLIDATI: EURO 8,8 MILIONI,
    +23,0% (1H 2020: EURO 7,1 MILIONI / 1H 2019: EURO 5,1 MILIONI)
  • EBITDA CONSOLIDATO: EURO 3,1 MILIONI (35,5% DEI RICAVI),
    +27% (1H 2020: EURO 2,4 MILIONI / 1H 2019: EURO 2,3 MILIONI)
  • EBIT CONSOLIDATO: EURO 1,2 MILIONI (13,6% DEI RICAVI),
    +83% (1H 2020: EURO 655 MIGLIAIA / 1H 2019: EURO 631 MIGLIAIA)
  • UTILE NETTO CONSOLIDATO: EURO 642 MIGLIAIA (7,3% DEI RICAVI), +76% (1H 2020: EURO 365 MIGLIAIA)

Al 30 giugno 2021 Neosperience ha registrato ricavi consolidati pari a Euro 8,8 milioni (+23% rispetto ai 7,1 milioni di Euro al 30 giugno 2020), grazie all’acquisizione di numerosi nuovi clienti (oggi oltre 700, rispetto ai 200 del 2019), e al contributo delle società Myti S.r.l. e ADChange S.r.l. entrate a far parte del perimetro di consolidamento nel corso del secondo semestre 2020.

L’EBITDA si è attestato a Euro 3,114 milioni, con un significativo incremento del 27,3% rispetto all’analogo valore del 30 giugno 2020, con un’incidenza del 35,5% sui ricavi, sempre molto elevata grazie al rilevante contributo delle attività scalabili. Questi importanti risultati, a maggior ragione poiché raggiunti in un periodo difficile per l’economia italiana, evidenziano la solidità del modello di business Neosperience, basato su una crescente pluralità di competenze e di mercati che diversifica il rischio di dipendenza da poche linee di attività.

I consistenti investimenti sulle piattaforme Neosperience effettuati dal Gruppo per far fronte all’evoluzione della tecnologia e sviluppare nuove Solution hanno comportato un notevole incremento dei valori di attivo immobilizzato: le immobilizzazioni immateriali nette sono salite a oltre 18 milioni, rispetto a 12,3 milioni alla fine del primo semestre 2020. Tutto questo nel primo semestre 2021 si è riflesso in modo significativo anche sull’ammortamento delle immobilizzazioni immateriali, per cui gli ammortamenti nel primo semestre 2021 sono stati pari a Euro 1,9 milioni rispetto a Euro 1,8 milioni del primo semestre 2020, peraltro inclusivi anche dell’ammortamento del goodwill sulle partecipazioni acquisite.

L’EBIT del I semestre 2021, in linea con l’EBITDA, è fortemente cresciuto dell’83%, passando da Euro 655 migliaia ad Euro 1,196 milioni. L’utile netto del gruppo è stato pari a Euro 234 migliaia, in significativo incremento rispetto al semestre precedente (+24,5%), così come l’utile al lordo degli interessi di terzi.

Il patrimonio netto di Gruppo al 30 giugno 2021, grazie anche al consolidamento di Myti S.r.l. e ADChange S.r.l. avvenuto nel corso del secondo semestre 2020, è salito a Euro 16,8 milioni, rispetto ai 16,0 milioni del 31 dicembre 2020. L’indebitamento finanziario netto ammonta a Euro 5,9 milioni rispetto a Euro 5,4 milioni al 31 dicembre 2020 e a Euro 2,8 milioni al 30 giugno 2020, in parte per effetto delle acquisizioni effettuate nel periodo, il cui esborso è stato finanziato in parte emettendo nuove azioni Neosperience e in parte attingendo a nuove linee di credito a medio termine.

IL COMMENTO

Dario Melpignano, Presidente di Neosperience, ha commentato: “Il primo semestre dell’anno ha visto un’ottima evoluzione delle nostre attività che si è riflessa in una significativa crescita dei risultati finanziari, in forte incremento rispetto al I semestre 2020. Il Gruppo ha reagito efficacemente alle conseguenze della pandemia, mantenendo il focus su risultati in continua e costante crescita, con un’attenzione ai canoni ricorrenti e alle soluzioni proprietarie che hanno generato un impatto positivo sulla marginalità.

Fra le direttrici strategiche e le evidenze più significative:
– sviluppo di iniziative nel mondo Health con Ospedali e Istituti di Ricerca per dare un contributo alla ricerca di soluzioni/rimedi ai problemi per il Paese derivanti dalla pandemia, in vista della prossima riconfigurazione del mondo della Sanità europea in chiave digital;
– accelerazione della strategia di crescita in Italia, con l’obiettivo di rafforzare il ruolo di Neosperience come polo di aggregazione delle realtà più esperte nella realizzazione di prodotti e servizi digital; in quest’ottica si inquadrano sia le importanti acquisizioni di Workup S.r.l. e Myti S.r.l., aziende rispettivamente leader nel digital commerce e nella digitization delle imprese manifatturiere, con una vasta base clienti, sia numerosi altri contatti con primari operatori italiani, prossimi a maturare auspicabilmente entro la fine di quest’anno in ulteriori acquisizioni;
– rallentamento dell’espansione internazionale, dove la finalizzazione delle trattative in corso richiede che si chiarisca l’evoluzione del quadro pandemico. In particolare, nei confronti del mercato cinese, l’impossibilità di accogliere i turisti ha temporaneamente frenato gli ambiziosi progetti già avviati con Tencent/WeChat; tuttavia abbiamo registrato con soddisfazione l’interesse da parte di numerosi nuovi clienti italiani – in particolare nei settori vitivinicolo e design/arredamento – che hanno scelto di approfittare di questo momento storico per rinnovare e completare gli investimenti digital verso i mercati del Far East;
– completamento dell’integrazione tra Neosperience e le società entrate a far parte del Gruppo, che ha portato a rilevanti economie di scala e forti benefici dalla messa in comune di conoscenze tecnologiche e di mercato.

Più in generale, le modifiche di abitudini e comportamenti indotte e accelerate dal Covid-19, quali il maggiore ricorso al remote working, all’home delivery e al digital commerce, spingono le aziende ad accelerare l’adozione di tecnologie digital che migliorino l’operatività e rendano più facili ed empatiche le relazioni con i clienti. Questo è ancora più vero per le PMI europee, che per ragioni culturali e dimensionali erano state finora lente nell’effettuare i necessari investimenti per realizzare la propria digital transformation. Neosperience, con la sua offerta di soluzioni e servizi rivolti alle PMI, oggi ancora più completa grazie alle acquisizioni effettuate e a quelle in programma, si posiziona in modo ottimale per servire questo vasto mercato emergente.

Dal punto di vista dell’offerta, sono state messe a punto nuove Solution, basate sull’impiego delle tecniche più avanzate di Intelligenza Artificiale, che hanno trovato ampia accoglienza nei settori in cui operiamo, permettendoci di rafforzare ulteriormente il nostro vantaggio competitivo. Nuove acquisizioni, in fase di avanzata discussione, consentiranno di estendere ulteriormente la gamma di soluzioni offerte e accompagnare ancor più efficacemente i nostri clienti nel loro percorso di creazione delle loro piattaforme di prodotti digitali e nella digitalizzazione delle loro operation.”

La sfida per il futuro? “Stare investiti”, parola di Toschi (Jp Morgan) nella sede di Bcc Agrobresciano

in Banche/Bcc/Economia/Tendenze by

La sfida per chi vuole guardare al futuro salvaguardando e possibilmente incrementando i propri risparmi è “stare investiti”. Si è svolto giovedi scorso 23 settembre il primo convegno promosso da BCC Agrobresciano presso la sala polivalente della nuova filiale di Piazza Duomo a Brescia, .

Nella cornice di Piazza Duomo BCC Agrobresciano ha ospitato un incontro dedicato a 20 ospiti, in ottemperanza alle restrizioni anti-Covid, dal titolo “Opportunità e sfide della nuova normalità” al quale ha partecipato una delle figure più illustri di JP Morgan: Maria Paola Toschi. L’incontro è stato organizzato infatti in collaborazione con il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea e JP Morgan, primario attore internazionale del settore finanziario. La Dott.ssa Toschi ha tenuto un intervento dal titolo “Variante Delta e Tapering: quali le implicazioni di mercato?” nel quale ha ampliamente raccontato le sfaccettature di questo tema raccontando gli interventi messi in campo dalla BCE, seguiti dalle banche nazionali degli stati membri europei, per sostenere l’economia a seguito della dolorosa crisi sanitaria dovuta al Covid-19. Tradizionalmente, ha raccontato Toschi, le Banche Centrali hanno usato i tassi di interesse come strumento principale per facilitare investimenti e quindi generare redditi e ricchezze. Tassi di interesse bassi significa pagare di meno per attuare un investimento e quindi permette di avare maggiore liquidità a disposizione. Maggiori investimenti e maggiore liquidità sui mercati portano però a un aumento della capacità di spesa, aumento della domanda e, di conseguenza, aumento dei prezzi. Tutto ciò scaturisce nella cosiddetta inflazione.

“Il termine inflazione,” – ha raccontato Toschi – “era quasi uscito dal nostro vocabolario dopo anni di politiche restrittive, mentre nel prossimo futuro torneremo tutti a farci i conti.” Attualmente i Governi e la Banche Centrali stanno tutti spingendo con politiche monetarie molto espansive necessarie per ripartire post pandemia. Questi attori hanno comprato essi stessi titoli – con tassi di interesse bassi e che lo resteranno a lungo – per immettere sul mercato grandi quantità di denaro e aiutare la ripresa. Al contempo le persone ricominciano a chiedere tutti quei beni e servizi cui hanno dovuto rinunciare per oltre un anno – pensiamo all’entertainment o ai viaggi – e maggiore domanda determinerà aumento dei prezzi e quindi inflazione.

Nell’ultima parte del suo intervento Toschi ha spiegato come prepararsi al futuro e a risparmiare nonostante l’inflazione. Investire è la risposta migliore. L’esperta ha utilizzato proprio le parole “stare investiti”, diversificando il più possibile. 

Internet, Eolo annuncia 6 nuovi ripetitori nel Bresciano

in Economia/Tech/Web e digitale by

Brescia e i comuni nel suo territorio sono centrali nel percorso di sviluppo che EOLO,Società Benefit leader in Italia nella fornitura di connettività tramite tecnologia FWA – fixed wireless access, porta avanti da anni. Attraverso la sua connessione infatti EOLO raggiunge la totalità del territorio di Brescia, grazie alla presenza di 111 ripetitori, di cui 30 implementati dall’inizio della pandemia, quando la richiesta di una maggiore accessibilità a internet è esplosa in tutto il Paese. Inoltre, nei prossimi tre mesi, EOLO investirà nel territorio per portare 6 ulteriori ripetitori, che serviranno a potenziare la connessione.

Non solo, attraverso EOLO Missione Comune, il progetto per supportare i comuni sotto i 5.000 abitanti a diventare sempre più digitali, i comuni nel territorio bresciano hanno ottenuto oltre 110.000€ in premi tech, che variano da connessione gratis per due anni, soluzioni per digitalizzare le scuole, strumenti per la sicurezza e molto altro ancora. Infine, Brescia e il suo territorio sono coinvolti nel programma speciale di EOLO per il Back to School, che, pensato per spingere la digitalizzazione dei piccoli comuni, prevede sconti sull’abbonamento a EOLO più.  La scontistica è inversamente proporzionale al numero di abitanti, più piccolo è il comune più grande è lo sconto.

“La necessità di un maggiore accesso alla connessione e alla banda ultra larga esplosa durante la pandemia ha coinvolto tutto il Paese in maniera trasversale, facendo sentire la sua importanza specialmente nei piccoli comuni e quelle aree che spesso sono dimenticate dagli altri operatori. – commenta Sergio Grassi, Sales and Marketing Director di EOLO Come EOLO abbiamo intensificato gli sforzi e aumentato gli investimenti nel corso dell’ultimo anno e mezzo per colmare il gap fra i piccoli comuni e i grandi centri urbani, in modo da contrastare il digital divide che affligge il Paese. Siamo molto soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto, di cui i risultati di Brescia sono uno splendido esempio, e siamo convinti che il meglio debba ancora venire”.

Con la sua rete di oltre 3.000 BTS, EOLO connette oltre 1 milione e 200 mila persone tra clienti consumer, imprese ed enti della pubblica amministrazione ed impiega circa 15 mila persone tra dipendenti, installatori, partner commerciali e collaboratori.

Educazione finanziaria, con Btl arriva anche agli alunni dei Cfp

in Banche/Btl/Economia/Formazione by

Un (piccolo) contributo nel grande mare della educazione finanziaria. Nasce da questi presupposti il progetto formativo che vedrà l’impegno condiviso di BTL Banca del Territorio Lombardo, del centro di coordinamento dei Centri di Formazione Professionale di Brescia, della Fondazione Padernello con l’esperienza maturata in questi anni nel progetto “Verso il Borgo”, e della Associazione Artigiani di Brescia oltre a FEduf, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio che avrà il compito di portare avanti la proposta operativa.

L’educazione finanziaria è sempre più al centro dell’interesse delle istituzioni finanziarie e statali, e del mondo della scuola in particolare. L’importanza di individuare percorsi e strumenti di educazione finanziaria da attuare fin dall’età scolare sta via via trovando riscontri in numerosi ambiti e studi che sottolineano – se mai ce ne fosse bisogno – il profondo legame tra cultura economica dei singoli e la correttezza delle loro decisioni finanziarie. Con tutte le implicazioni di carattere sociale ed economico che questo comporta in prospettiva sulle future scelte in tema di risparmio e previdenza di giovani e famiglie.

Il tema dell’introduzione e della educazione ai temi del risparmio, della pianificazione finanziaria, della imprenditorialità e degli strumenti di pagamento è oggi tanto più importante per coloro che, per la scelta di intraprendere un percorso scolastico di formazione professionale, saranno chiamati in breve tempo a entrare nel mondo del lavoro e a “fare i conti”, non solo con le specificità della propria professione, ma anche con le tematiche finanziarie.

Da qui l’idea di proporre un percorso formativo nell’anno scolastico 2021/2022 dedicato e pensato per gli studenti dei centri professionali della provincia di Brescia finalizzato a suscitare l’attenzione e la sensibilità sui temi dell’educazione finanziaria e della imprenditorialità. Una realtà significativa e preziosa quella dei CFP bresciani non solo numericamente – potendo contare sulla presenza di 19 istituti di formazione per un totale di circa 8.500 studenti – ma anche per la capacità ed efficacia del percorso formativo e nell’inserimento nel mondo del lavoro e delle professioni artigiane.

Il patrimonio di esperienze maturate nei vari ambiti sul tema della formazione, della alternanza scuola-lavoro, hanno suggerito che l’iniziativa dovesse essere portata avanti nell’ambito di un percorso condiviso, coinvolgendo diverse realtà su di un unico obiettivo.

Promotrice della iniziativa BTL Banca che nel 2021 ha avviato un proprio progetto di Educazione Finanziaria in collaborazione con FEDUF – la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio costituita da ABI (Associazione Bancaria Italiana) per promuovere la cultura economica in Italia. Una partnership che si è concretizzata nel corso della scorsa primavera in un ciclo di incontri dedicati agli studenti delle scuole secondarie di II grado della provincia di Brescia sul tema dell’educazione finanziaria che ha visto la partecipazione di oltre 1.300 studenti in rappresentanza di quindici istituti e 52 classi.

La fotografia di Confartigianato: nel Bresciano le imprese sono 100.879 e danno lavoro a 289.470 persone

in Associazioni di categoria/Confartigianato/Economia/Tendenze by
Eugenio Massetti, Confartigianato Brescia

«Gli artigiani e le micro e piccole imprese sono pronte a guardare oltre a fare la loro parte per rilanciare lo sviluppo economico e il benessere sociale del nostro territorio. Confartigianato Lombardia è da sempre al fianco di queste imprese coraggiose, che hanno dimostrato ancora una volta la loro capacità di resistere, pronta a sostenerne i valori e il prezioso contributo che saranno in grado di fornire alla crescita che ci auguriamo caratterizzerà i mesi a venire». Con queste parole, pronunciate nel corso della presentazione dell’11° Rapporto Confartigianato Lombardia, tenutasi a Palazzo Lombardia alla presenza dell’Assessore regionale Guido Guidesi e che ha visto tra gli altri gli interventi di Giulio Sapelli, la relazione di Enrico Quitavalle e Licia Redolfi per l’esposizione dei dati contenuti nel Rapporto e del segretario generale di Confartigianato Lombardia Carlo Piccinato, il presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia Eugenio Massetti ha ribadito la centralità della piccola impresa diffusa sul territorio lombardo, mettendone in luce la capacità di crescere, innovare e competere e di essere fattore chiave di coesione economica e sociale, rappresentando un importante luogo di integrazione.

Nel Rapporto annuale “Con lo sguardo oltre. MPI che resistono”, curato dall’Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia (che si allega, ndr) sono raccolte evidenze che permettono di andare oltre il pregiudizio, smentendo le false convinzioni che associano la bassa crescita del paese all’eccessiva presenza di MPI. Per fare ciò, sono state tratteggiate le peculiarità delle piccole e piccolissime imprese oggi pronte ad impegnasti per sostenere, da protagoniste, la risalita dell’economia lombarda.

In Lombardia, quando si parla di MPI e imprese artigiane si volge l’attenzione a 810.224 imprese, (100.879 a Brescia) il 99,1% del totale imprese (è il 99,2% nella nostra provincia) che occupano 2.155.569 addetti in Lombardia, 289.470 addetti a Brescia. La diffusione capillare di queste realtà rappresenta una specificità tutta italiana che non ha paragone con le altre maggiori economie europee: il peso dell’occupazione nelle MPI lombarde è pari al 52,3%, il 68,7% nella nostra Provincia ben al di sopra rispetto alla media europea (49%).

Nella narrazione di questi numeri si evidenzia come, contrariamente al racconto del mainstream, queste piccole e piccolissime imprese danno un contributo importante alla crescita, all’occupazione e alla capacità competitiva del tessuto produttivo. In Lombardia in quattro anni, precedenti alla diffusione del Covid-19 (2015-2018), la produttività delle MPI ha segnato un incremento del +8,7%, superiore a quello delle imprese più strutturate (+1,8%).

L’apporto delle MPI alla sostenibilità sociale e occupazionale si rileva sia guardando al pre-pandemia (2015-2019), quando l’occupazione in Lombardia nelle MPI saliva del +3,3% e nella nostra provincia del +3,1%sia guardando oltre, ponendo attenzione alle entrate previste dalle MPI per il periodo agosto-ottobre 2021: sono146 mila, pari al 57,2% degli oltre 256 mila ingressi totali previsti da tutte le imprese, e in crescita del 18,1% (+22 mila assunzioni) rispetto alle previsioni occupazionali dello stesso periodo pre Covid-19 (agosto-ottobre 2019). Solo nella nostra provincia sono previsti 20.480 ingressi totali nel periodo agosto-ottobre con una variazione positiva del 24,7% rispetto ai 16.430 dello scorso anno.

Si dimostrano, inoltre, essere imprese vivaci, capaci di competere avvalendosi di ricerca e innovazione: la quota di MPI lombarde che partecipa a progetti innovativi si attesta al 41,8%, secondo valore più alto della classifica italiana. Va osservato inoltre che queste MPI innovative rappresentano il 93,6% delle imprese totali impegnate in attività di innovazione. La spinta all’innovazione profila anche la domanda di lavoro, sempre più indirizzata verso competenze digitali e green di alto e medio-alto livello.

Non va dimenticato che queste realtà costituiscono un fattore sociale ed economico chiave e un importante luogo di integrazione. Infatti, la presenza diffusa di MPI in Lombardia, con il 78,7% di occupati in aree montane (il 77,4% nella nostra provincia) e il 78,2% in aree interne (il 79,6% a Brescia), entrambi valori superiori alla media, contribuisce ad attenuare la tendenza al declino che le caratterizza.

Queste realtà d’impresa sono anche terreno fertile per giovani e stranieri, offendo opportunità sia sul fronte occupazionale, che su quello d’impresa. Laquota di occupati giovani tra i 15 e i 29 anni nelle MPI rappresenta nella provincia di Brescia il 20,3%, superiore di 6,3 punti a quella rilevata nelle imprese medio-grandi (14,6%). Mentre la quota di occupati stranieri in MPI raggiunge un valore del 20,7%, sopra di 4,3 punti alla quota rilevata per le imprese più strutturate (16,4%).

Stessa evidenza sul fronte impresa: distinguendo le artigiane dalle non artigiane, si osserva che per le prime, nella nostra provincia, il peso delle imprese giovanili si attesta a 9,7%, sopra di 1,6 punti alla quota delle imprese non artigiane (8,1%). Per quanto riguarda le imprese artigiane gestite da stranieri, queste rappresentano 15,0% del totale, ben al di sopra del 10,1% delle imprese non artigiane. Ciò ribadisce che il valore delle piccole realtà risiede anche nel loro essere elemento di inclusione e integrazione sociale. Questi accenni alle evidenze illustrate nell’11° Rapporto danno dimostrazione del fatto che il problema del Paese non sono le dimensioni delle realtà imprenditoriali, ma l’ambiante che le circonda, spesso poco favorevole all’iniziativa economica: poco credito, misure fiscali ingiuste e burocrazia opprimente non mettono gli imprenditori nella condizione di svolgere la loro attività serenamente.

«Non è corretto – conclude il presidente Massetti – prendersela con le piccole imprese: i problemi dell’Italia stanno altrove: dal costo dell’energia, all’eccesso di burocrazia, alla scarsa efficienza delle P.A. che penalizza le imprese lombarde. È senza dubbio più utile per tutti correggere errate percezioni sul nostro sistema produttivo e migliorare, finalmente e davvero, le condizioni nelle quali gli imprenditori svolgono la propria attività, permettendogli diventare grandi imprenditori, in termini di creatività, lungimiranza, capacità manageriale e flessibilità pur restando piccoli».

Camera di commercio di Brescia, ecco i comunicati stampa di questa settimana

in Associazioni di categoria/Camera di commercio/Economia by

Pubblichiamo, di seguito, il comunicato stampa con gli eventi settimanali promossi dalla Camera di commercio di Brescia.

129/21 – PROGETTO CONSAPEVOLEZZA FINANZIARIA – SPORTELLI RIEMERGO

“Consapevolezza Finanziaria” è il progetto promosso dagli Sportelli RiEmergo delle Camere di commercio di Brescia, Bergamo, Como – Lecco, Cremona, Mantova, Pavia, Sondrio e Varese, rivolto a piccoli imprenditori, titolari di partita iva e consumatori, composto da 4 webinar gratuiti con l’obiettivo di fornire competenze finanziarie di base.
Il primo appuntamento del ciclo è in programma giovedì 30 settembre 2021, a partire dalle ore 10:30, e sarà focalizzato su “La gestione efficiente del denaro per garantire l’equilibrio dei conti”.

Il programma e le modalità di iscrizione sono disponibili sul sito camerale www.bs.camcom.it

130/21 – IMPRESE DIGITALI – CICLO DI WEBINAR FORMATIVI – PORTALE LIBRI DIGITALI: VENERDI’ 8 OTTOBRE 2021

Venerdì 8 ottobre 2021, dalle ore 10:15 alle ore 11:15, con il webinar dedicato al “Portale Libri Digitali” prosegue il ciclo di incontri formativi organizzati dalla Camera di Commercio di Brescia e dedicati alla digitalizzazione delle imprese.
L’iniziativa intende fornire la possibilità di conoscere e approfondire tutto quanto riguarda il “Portale Libri Digitali”, servizio che consente di conservare, gestire e consultare i propri libri d’azienda (libri contabili, libri sociali, libri contabili tributari) in formato digitale.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione.
Per il programma e le modalità di iscrizione consultare il sito camerale www.bs.camcom.it

131/21 – WEBINAR GRATUITI – PROGETTO A.G.I.RE

Sono aperte le iscrizioni ai primi due seminari della rassegna:

12 ottobre 2021 ore 09,30-12,30 Come gestire gli obiettivi di impresa Come definire quali sono gli obiettivi da raggiungere – perché è importante definire degli obiettivi – come raggiungerli e attraverso quali strategie

19 novembre 2021 ore 09,30-12,30 Marketing e strategie di gestione del cliente

Il cliente come valore principale dell’azienda – il CRM (customer relationship management) – come creare un rapporto di fidelizzazione – la personalizzazione del servizio/prodotto

Informazioni e iscrizioni sul sito www.bs.camcom.it .

132/21 – ACCESSO AI SERVIZI ONLINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dal 1° ottobre 2021 i privati cittadini potranno accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione e della Camera di commercio di Brescia solo con l’identità digitale tramite SPID, CIE o CNS.
L’identità digitale ha lo scopo di favorire la diffusione dei servizi in rete e agevolare l’accesso ai portali istituzionali da parte di cittadini e imprese.

In particolare, per i privati cittadini l’identità digitale sarà l’unico modo per accedere a tutti i servizi di Telemaco (Registro Imprese, Registro Protesti) e di altri servizi quali: Certificati d’Origine, Agef – Bandi Camerali, Servizio Metrico, Impresainungiorno e SUAP.

La misura nei mesi successivi verrà gradualmente estesa agli altri soggetti giuridici (imprese, studi, associazioni).

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti