Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Author

Brescia2.it

Brescia2.it has 1865 articles published.

Value China della bresciana Neoesperience è partner italiano di ByteDance

in Economia/Innovazione/Tech by
Neosperience, foto da ufficio stampa

Neosperience S.p.A., uno dei principali player nel settore della Digital Customer Experience, quotata su AIM Italia dal 20 febbraio 2019, comunica che la controllata Value China ha siglato in data odierna una partnership strategica con ByteDance, una delle più grandi “aziende unicorno” tech al mondo, e proprietaria di TikTok e altre App di successo.

Scopo della collaborazione è permettere alle aziende italiane di promuoversi efficacemente su alcune delle piattaforme di short video più utilizzate da utenti cinesi e non. Negli ultimi anni infatti le app di brevi contenuti video – prime fra tutte TikTok e la controparte cinese Douyin – hanno visto una diffusione sempre maggiore e la crisi del Covid-19 non ha fatto altro che accelerare la crescita di un’industria già in piena espansione. In Cina 7 utenti di telefonia mobile su 10 utilizzano attivamente le piattaforme di short video.  

La partnership con ByteDance si segue una serie di accordi siglati da Value China con altri colossi cinesi tra cui Tencent, società proprietaria dell’App WeChat, come da comunicato stampa del 20 gennaio 2020.  

Luca Qiu, CEO di Value China, al riguardo afferma: “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di trovare servizi innovativi e all’avanguardia per i nostri clienti, in un mercato in continuo cambiamento ed evoluzione come quello cinese. Siamo davvero soddisfatti dei risultati raggiunti”. 

Dario Melpignano, Presidente del Gruppo Neosperience dichiara: “Siamo davvero orgogliosi di questa partnership perché conferma ancora una volta la validità della strategia che stiamo portando avanti con la controllata Value China, volta a creare sinergie con grandi player del settore tech. Con quest’ultimo accordo diventiamo il primo partner in Italia di ByteDance, azienda di risonanza globale grazie a TikTok”. L’accordo firmato tra le due aziende è di particolare rilievo in quanto è la prima volta che il gruppo cinese sigla una partnership di questo tipo con un’azienda italiana.  

“Abbiamo lavorato a questa partnership per mesi – ha dichiarato Anna Ye, Managing Director di Value Chinae siamo felici di portare valore al mercato e di offrire ai nostri clienti questa grande opportunità”. 

Il giovane team italo cinese diValue China non intende fermarsi con questo accordo e continua ad impegnarsi per sfruttare appieno gli ecosistemi dei più grandi player tech cinesi con l’intento di promuovere i territori e le eccellenze italiane in Cina.  

*** 

ByteDance, nata nel 2012, ha raggiunto l’apice del successo grazie a TikTok, una delle app più utilizzate al mondo, e a Douyin, app di short video che conta più di 400 milioni di utenti in Cina, che è la versione originale cinese di TikTok. Altro prodotto di punta dell’azienda cinese ma meno conosciuto in occidente è Toutiao, la più grande piattaforma di informazioni e content creation in Cina, con 120 milioni di utenti attivi al giorno.  

Value China è una start up nata nel 2019, controllata del gruppo Neosperience e affermatasi nello sviluppo di tecnologie di marketing e digital commerce per il mercato cinese. Value China è composta da un team cross culturale, costituitosi con la mission di connettere strettamente Cina ed Italia, offrendo servizi digitali completi e su misura alle aziende che vogliono aprirsi al mercato cinese. Come partecipata del gruppo Neosperience, fornisce soluzioni di digital marketing basate sull’intelligenza artificiale per incentivare la customer engagement e la fedeltà dei clienti.  

Neosperience è una PMI innovativa quotata all’AIM Italia che opera come “software vendor”, recentemente indicata da Gartner come unica realtà italiana, tra le sei società produttrici di software più innovative al mondo, insieme a Salesforce e SAS. Fondata a Brescia nel 2006 da Dario Melpignano e Luigi Linotto, rispettivamente Presidente e Vice Presidente Esecutivo, la società è attiva nel settore della Digital Customer Experience con Neosperience Cloud: la piattaforma software alla base di numerose Solution che grazie all’Intelligenza Artificiale permettono alle aziende di offrire ai propri clienti un’esperienza digitale personalizzata ed empatica, con cui attrarre nuovi clienti e aumentare il valore dei clienti esistenti. Tra le aziende clienti di Neosperience figurano società leader nel settore della moda, del retail e dei servizi finanziari.

Confartigianato, Massetti è il nuovo vicepresidente nazionale

in Associazioni di categoria/Confartigianato/Economia by

«Un riconoscimento per Brescia. Un segno importante del peso che ha raggiunto la nostra organizzazione sul piano nazionale». Così Eugenio Massetti, presidente Confartigianato Brescia e Lombardia commenta l’elezione avvenuta per acclamazione stamane a Vice Presidente nazionale di Confartigianato Imprese per il prossimo quadriennio a fianco di Marco Granelli nuovo Presidente di Confartigianato Imprese.

L’Assemblea della Confederazione che rappresenta 700.000 artigiani, micro e piccole imprese ha eletto i vice Presidenti: Eugenio Massetti (Vicario), Domenico Massimino e Filippo Ribisi. Marco Granelli è nato nel 1962 a Salsomaggiore (Parma) dove è titolare di un’impresa nel settore delle costruzioni e dal 2012 è Vice Presidente Vicario di Confartigianato. Granelli raccoglie il testimone da Giorgio Merletti che ha guidato la Confederazione dal 2012.

Nell’indicare il programma di lavoro della sua Presidenza, Granelli ha sottolineato: «Usciremo da questa crisi con uno sforzo eccezionale di responsabilità e coraggio da parte di tutti per ricostruire un modello di sviluppo economico e sociale che faccia leva sul valore espresso dagli artigiani e dalle piccole imprese che rappresentano il 98% delle aziende italiane. Confartigianato intensificherà l’impegno di rappresentanza e di servizio al fianco degli imprenditori. A chi guida il Paese sollecitiamo altrettanto impegno deciso e concreto nel costruire un contesto favorevole alle potenzialità imprenditoriali del nostro Paese, puntando su competenze, innovazione, sostenibilità, fattori indispensabili per irrobustire il tessuto produttivo e migliorarne la capacità competitiva. In questi mesi – ha detto ancora il neo Presidente Granelli – le micro e piccole imprese italiane hanno sofferto ma hanno anche dato una grande prova di reattività. Ora non possiamo vanificare i loro sforzi. Ci giochiamo il futuro: mai come quest’anno la manovra economica deve essere una legge di rilancio e non possiamo permetterci esitazioni nell’utilizzare le risorse europee per investire sui punti di forza del nostro sistema produttivo, vale a dire gli oltre 4 milioni di artigiani e piccole imprese italiani».

FONTE: BSNEWS – BRESCIA NEWS

Dalla Regione 8 milioni di euro per le Comunità montane bresciane

in Economia/Istituzioni/Regione/Turismo by

Regione Lombardia stanzia 35 milioni di euro a favore delle 23 Comunità Montane, di cui circa 8 milioni per il Bresciano. Risorse che potranno essere spese per progetti strategici volti a migliorare lo sviluppo e la tutela dei territori ad alta quota. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale a Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, nell’ambito della legge regionale 9 del 4 maggio 2020, ‘Interventi per la ripresa economica’, che assegna finanziamenti agli Enti Locali.

AL LAVORO PER FAR CRESCERE LA MONTAGNA LOMBARDA – “Abbiamo messo in campo in maniera tempestiva queste importanti risorse – spiega l’assessore Massimo Sertori – per aiutare a far ripartire e crescere la montagna lombarda, anche a seguito degli effetti negativi provocati dalla pandemia da Covid-19”. 

“Questa misura infatti è stata pensata per realizzare opere strategiche che concorreranno allo sviluppo sostenibile e alla tutela del territorio e dell’ambiente. L’assessorato che guido – ha continuato – prosegue nell’obiettivo prioritario di creare le migliori condizioni di servizi e di lavoro per i cittadini che abitano i territori montani. Gli interventi, che dovranno essere completati entro il 31 dicembre 2022, sono individuati direttamente dai territori stessi, garantendo l’unità di intenti e il lavoro di condivisione messo a frutto dai presidenti delle Comunità Montane lombarde”, conclude Sertori.  

AMBITI DI INTERVENTI – Le Comunità Montane possono destinare le risorse alla realizzazione di propri progetti di opere pubbliche nelle materie inerenti alle funzioni proprie, conferite o delegate, in materia di:

– sviluppo territoriale sostenibile, compresi interventi in materia di mobilità sostenibile; interventi per la realizzazione, l’adeguamento e la messa in sicurezza di strade, scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale; abbattimento delle barriere architettoniche e interventi per fronteggiare il dissesto idrogeologico e per la riqualificazione urbana;

– efficientamento energetico, compresi interventi volti all’efficientamento dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica nonché all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;

– rafforzamento delle infrastrutture indispensabili alla connessione internet, alla fibra ottica e alla realizzazione e ampliamento di aree ‘free wi-fi’.

I progetti possono riguardare il patrimonio pubblico di competenza delle Comunità Montane o dei Comuni ad esse afferenti.

RIPARTIZIONE DEI CONTRIBUTI A DISPOSIZIONE 

Alta Valtellina 2.398.698 euro,  

Alto Garda Bresciano 1.329.784 euro,   

Laghi Bergamaschi 1.408.893 euro,     

Lario Intelvese 979.839 euro,   

Lario Orientale – Valle San Martino 1.364.203 euro,    

Oltrepo Pavese 1.709.518 euro,   

Piambello 1.053.159 euro,  

Scalve 1.473.423 euro,   

Sebino Bresciano 971.193 euro  

Triangolo Lariano 1.222.570 euro,    

Valchiavenna 1.766.734 euro,     

Valle Brembana 1.744.460 euro,    

Valle Camonica 2.628.783 euro,    

Valle Imagna 812.605 euro,  

Valle Sabbia 1.604.334 euro,  

Valle Seriana 2.020.255 euro,    

Valle Trompia 1.556.678 euro,  

Valli del Lario e del Ceresio 1.401.647 euro,     

Valli del Verbano 1.297.352 euro,     

Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera 1.303.442 euro,  

Valtellina di Morbegno 1.493.551 euro,  

Valtellina di Sondrio 1.982.914 euro,     

Valtellina di Tirano 1.475.954 euro.

Perde tutto per il terremoto: il tribunale gli cancella i debiti

in Economia/Finanza/Uncategorized by

Dopo la tragica scossa del 2009 a L’Aquila si era trovato senza lavoro e con due figli a carico. Il tribunale – grazie all’assistenza dello studio Pagano & Partners di Brescia – lo ha “salvato” applicando la legge 3/2012

L’AQUILA – Il terremoto lo aveva letteralmente rovinato, facendogli perdere le proprietà immobiliari e portandolo in pochi anni ad accumulare ben 90.000 euro di debiti. Ma, grazie all’assistenza dello studio legale Pagano & Partners di Brescia, i giudici – applicando la cosiddetta legge Ammazza-Debiti – lo hanno “graziato”.

Protagonista della vicenda è un 40enne che vive a L’Aquila con la moglie e due figli in tenera età. Fino al 2009 l’uomo conduceva una vita assolutamente normale, mantenendosi con il suo lavoro e con gli introiti derivanti dall’affitto di alcuni immobili. Ma la tragica scossa del 6 aprile di quell’anno (che provocò oltre 300 morti e 7mila sfollati) lo ha rovinato.

I soldi dell’affitto sono venuti meno e la sua sede lavorativa è stata distrutta. L’agenzia assicurativa per cui lavorava è stata successivamente trasferita a Teramo, obbligandolo a costose trasferte senza nemmeno rimborsi spese. Nel frattempo il 40enne faticava a versare i contributi all’Inps e nel 2013 ha perso il lavoro.

“Per pagare le spese quotidiane – racconta l’avvocato Monica Pagano, che ha seguito il caso con il collega Matteo Marini – il nostro cliente aveva dovuto contrarre un primo prestito da 25.000 euro, che sono saliti fino a 90.000 dopo che altre sue esperienze lavorative si sono rivelate scarsamente redditizie.  Pur ospitato gratuitamente in un’abitazione della madre – continua la legale – il 40enne è arrivato a un passo dal baratro, con un monte debiti a cui difficilmente avrebbe potuto far fronte percependo uno stipendio di poco più di mille euro al mese e avendo due figli a carico”.

Ma – dopo essersi rivolto allo studio legale Pagano & Partners – il 40enne ha trovato la sua salvezza nella legge 3/2012. I giudici, infatti, hanno stabilito che l’uomo dovrà pagare 240 euro al mese (circa un quinto del suo attuale) per sette anni, versando così complessivamente 20.230 euro: circa un quarto del debito. Poi – rispettando la procedura – potrà ottenere l’esdebitazione, cioè la cancellazione totale dei debiti rimanenti. E tornare a sperare nel futuro.

Camera di commercio, ecco i comunicati stampa ufficiali

in Associazioni di categoria/Camera di commercio/Economia by

Pubblichiamo di seguito, come di consueto, i comunicati stampa settimanali della Camera di commercio di Brescia.

101/20 – INDUSTRIAL REBOOT

La Camera di Commercio di Brescia, in collaborazione con Talent Garden Brescia, ripropone il ciclo di incontri “Industrial Reboot”: la serie di tre incontri dedicati agli imprenditori e top manager bresciani con la finalità di favorire l’innovazione ed incrementare la competitività delle imprese del territorio.
Di seguito il programma della rassegna:

3 dicembre Digital learning per continuare a competere in un mondo che cambia
10 dicembre La digitalizzazione inizia dall’interno: come innovare partendo dalla propria struttura aziendale
Maggiori dettagli nella pagina Competitività imprese Punto Impresa Digitale del sito camerale www.bs.camcom.it

102/20 – WEBINAR SOFTWARE CERT’O

A partire dal 1 gennaio 2021 la Camera di Commercio di Brescia adotterà il software CERT’O, realizzato da Infocamere, per la richiesta ed il rilascio dei certificati di origine ed altri documenti per l’estero.
E’ quindi prevista una sessione formativa per il suo utilizzo, in modalità webinar.
Le date previste in programma sono il
2 e il 3 dicembre.

Ulteriori informazioni e iscrizioni nella pagina dedicata Internazionalizzazione – Certificati d’origine – Procedura telematica del sito camerale www.bs.camcom.it


103/20 – SIBONUS


SiBonus è la piattaforma realizzata da InfoCamere, società delle Camere di Commercio per l’innovazione digitale, che consente alle PMI e ai titolari di crediti fiscali di cederli per ricavare liquidità immediata e ai soggetti interessati all’acquisto di valutare le opportunità e completare in modo sicuro la transazione.
Tutte le informazione alla pagina di Infocamere
https://sibonus.infocamere.it/

104/20 – RASSEGNA GRATUITA ONLINE TEMPI DIGITALI

La Camera di Commercio di Brescia, con il patrocinio del Comitato Imprenditoria Femminile, promuove la rassegna gratuita “Tempi Digitali – Come digitale, social media e organizzazione possono migliorare l’azienda e la qualità di vita”, prossimo evento:

11 dicembre: Organizzati & Felici – strategie di semplificazione per lavorare meglio

Programma e iscrizioni alla pagina Competitività delle imprese – Imprenditoria femminile del sito camerale www.bs.camcom.it

105/20 – PORTALE RIPARTIRE IMPRESA


E’ online la versione aggiornata del portale “RipartireImpresa”, la piattaforma ideata da Unioncamere, con il supporto di InfoCamere, per far conoscere agli imprenditori i provvedimenti nazionali e regionali e locali diretti a fornire benefici finanziari alle imprese, relativi a ciascun settore economico, emanati a seguito dell’emergenza Covid-19.
La piattaforma è disponibile al link:
ripartireimpresa.unioncamere.it

Digital Career Day 2020: gli universitari bresciani incontrano (online) il mondo del lavoro

in Economia/Formazione by

Martedì 1, mercoledì 2, giovedì 3 e venerdì 4 dicembre, dalle 9:30 alle 18:00, online sulla piattaforma Tutored. Attesi oltre 700 studenti e 70 aziende

Brescia, 30 novembre 2020 – Quattro giorni, 70 aziende partecipanti e oltre 700 gli studenti e laureati iscritti. Sono questi i numeri del primo Digital Career Day 2020 dell’Università degli Studi di Brescia, il tradizionale evento di placement, quest’anno in modalità online, che fa incontrare studenti e laureati con il mondo del lavoro. L’appuntamento è per martedì 1, mercoledì 2, giovedì 3 e venerdì 4 dicembre, dalle 9:30 alle 18:00, online sulla piattaforma Tutored.

Ai desk virtuali delle aziende, provenienti dal panorama locale, nazionale e internazionale, studenti e laureati delle quattro macroaree dell’ateneo bresciano (Economia, Giurisprudenza, Ingegneria e Medicina) avranno la possibilità di consultare opportunità lavorative e di stage, inoltrare il proprio curriculum e sostenere colloqui individuali. Tanti i settori rappresentati: accounting, automotive, chemicals, consumer goods, electrical & electronics, food production, gestione rifiuti, healthcare, HR, automazione industriale, ingegneria industriale, assicurazioni, IT, logistica e supply chain, machinery, management consulting, mining & metals, oil & energy, plastics, energie rinnovabili, servizi idrici, sporting goods, recruiting, finanza, servizi finanziari e trasporti.

«Soprattutto in un momento come questo è importante che l’Università supporti i giovani laureandi e laureati e li aiuti ad orientarsi al meglio nei futuri scenari lavorativi che li attendono. – sottolinea il prof. Franco Docchio, Delegato alla terza missione, rapporti con le associazioni e placementQuest’anno il tradizionale “Career day” si trasforma in un innovativo incontro virtuale della durata di quattro giornate, per consentire il dialogo tra il maggior numero di aziende e di studenti e laureati».

Ma Career Day è anche approfondimento sul mondo del lavoro. Per tutta la durata dell’evento, presentazioni aziendali, webinar e sfide saranno proposte direttamente dalle aziende, mentre l’ufficio Placement dell’Università si occuperà dell’organizzazione di seminari a tema. Si comincia martedì 1 dicembre, dalle 9:30 alle 10:30, con i saluti istituzionali e l’incontro dal titolo “Cosa vuoi fare da Grande?”, curato dalla dott.ssa Silvia Cusmai. Mercoledì, dalle 10 alle 11, sarà invece la volta di Francesco Agostini con il suo contributo “Le esperienze di un imprenditore in epoca COVID”. Completano il calendario degli incontri, sempre dalle 10 alle 11, rispettivamente giovedì 3 e venerdì 4 dicembre, Bernd Fass con “Mobilità internazionale: come prepararsi per un tirocinio all’estero” e Paolo Zanzottera con “Linkedin: i social network per la ricerca del lavoro”.

Per partecipare al Digital Career Day è necessario iscriversi sul sito:

https://www.tutored.me/it/universita/unibs/c/career-day-dicembre-2020?utm_source=dem&utm_medium=unibs

Per informazioni placement@unibs.it

Tecnologie Digitali vs Covid: le soluzioni per convivere con il presente

in Economia/Evidenza/Innovazione/Partner 2/Salute by

La gestione dell’emergenza portata dal Covid 19 richiede non solo una risposta sanitaria ma soprattutto sociale. Il primo problema è quello di limitare i contatti pur garantendo una qualità della vita accettabile della popolazione anche per limitare una crisi economica non più sostenibile. Accedere ad un ufficio, frequentare una scuola e collaborare con i propri colleghi sul lavoro erano solo un anno fa attività facenti parte della nostra normalità ma in questa nuova situazione diventano una fonte di pericolo.  

Da sempre la gestione delle malattie infettive respiratorie facilmente trasmissibili non è mai stato un compito banale: basti pensare che l’influenza pur con i vaccini colpisce mediamente circa 8 milioni di persone in Italia ogni anno. Consideriamo che Covid 19 ha un tasso di riproduzione Rt circa tre volte superiore all’influenza.

Applicare sempre le buone pratiche che abbiamo imparato a conoscere come l’uso del distanziamento sociale e della mascherina presenta nella prassi delle difficoltà perchè non è semplice tenere per un lungo periodo ed in condizione di stress da “pandemic fatigue” la soglia d’attenzione alta di tutta la popolazione. 

Le tecnologia può essere un supporto in questo difficile momento con una serie di sistemi basati sull’Intelligenza Artificiale che ci aiutano a tenere sempre i comportamenti più corretti. 

Paesi asiatici come Giappone, Corea del Sud e Taiwan che hanno gestito la crisi sanitaria con livelli di contagio molto più bassi rispetto all’Europa hanno fatto massiccio uso di questa strategia tecnologica. Vediamo attraverso quattro esempi come la tecnologia può aiutare a convivere con il nostro presente:

ORGANIZZARE L’ACCESSO AI MEZZI PUBBLICI

Per identificare il numero di utenti e determinare i livelli di occupazione, può inoltre essere utilizzata una soluzione software disponibile su tablet, smartphone o altri dispositivi, al fine di garantire una facile comprensione da parte degli autisti dei mezzi. Tali componenti, insieme, garantiscono il monitoraggio delle persone che salgono e scendono dal mezzo e dei posti occupati sul numero dei posti disponibili. La sensoristica on-board può essere composta da telecamere, ricevitori satellitari, lettori e altri dispositivi utili alla rilevazione e all’invio dei dati ad un server in cloud. Questo garantisce l’elaborazione dei dati per fornire al conducente le informazioni necessarie alla gestione di eventuali problemi, come il sovraffollamento e le distanze di sicurezza non rispettate. Possono essere integrate anche le eventuali strumentazioni già presenti sul mezzo, utilizzabili a supporto del sistema.

CONSENTIRE IL RITORNO A SCUOLE E UNIVERSITÀ

Smart Campus è l’app ufficiale dell’Università della Calabria creata da alcuni spin-off di Unical tra cui Somos. Con Smart Campus Docenti e Studenti potranno gestire il ritorno in aula in tutta sicurezza e direttamente dal dispositivo mobile. I docenti potranno creare i corsi, le lezioni e tutte le attività legate al Campus per consentire agli studenti l’accesso rapido alle informazioni.Gli studenti potranno accedere alle informazioni dei corsi, prenotarsi alle lezioni e accedere agli spazi universitari attraverso la scansione di qr code che identificano le aule. La piattaforma verifica la disponibilità dei posti in aula in tempo reale e garantisce la sicurezza all’interno del Campus universitario. Questo modello consente di organizzare al meglio la presenza di molte persone all’interno di un’area comune come anche un’istituto scolastico o degli uffici comunicali.

PREVENIRE GLI ASSEMBRAMENTI NEGLI SPAZI CHIUSI

Un software “anti assembramento” collegato alle telecamere presenti in uno spazio chiuso, rileva e segnala in automatico gli affollamenti: è una nuova possibiel soluzione tecnologica di cui si ci si può dotare per combattere il Covid-19. Il sistema puà essere installato in stazioni, aereoporti, edifici pubblici.  Questo software, in modo automatico, fornisce una rappresentazione grafica dei livelli di affollamento delle aree monitorate  In caso di criticità, gli operatori possono essere allertati e vedere direttamente le immagini delle telecamere per verificare l’assembramento: invitando così da remoto le persone, attraverso dispositivi acustici, a fare maggiore attenzione alle distanze.

CONTROLLARE IL DISTANZIAMENTO  CON DEI WRISTBAND

I wristband sono dei dispositivi indossabili che avvisano l’utente se questo si avvicina troppo a un’altra persona. Entrambi i soggetti devono ovviamente indossare il device perché il sistema funzioni. Per questo è consigliabile adottare il sistema in luoghi “controllabili”, come aziende, stabilimenti balneari, biblioteche e così via: il wristband sarà di conseguenza fornito a ogni singola persona che vorrà entrarci. I vari dispositivi, per poter dare l’allarme, si devono “parlare”; perché ciò avvenga, di solito viene utilizzato un sistema Bluetooth a bassa potenza, come quello adottato dall’app Immuni. Questo permette di avere misurazioni precise e un basso consumo energetico.

Il 10 Dicembre si svolgerà un webinar organizzato in maniera congiunta dalle società SOMOS e Neosperience dedicato alla presentazione di soluzioni tecnologiche utili a supportare soggetti pubblici e privati nella lotta alla pandemia, in particolare aiutandoli nel monitoraggio dei comportamenti su mezzi di trasporto, nei luoghi di ritrovo e di lavoro. Saranno raccontati inoltre alcuni dei casi d’uso pratici e i successi ottenuti sul campo. 

A questo link si può effettuare l’iscrizione: https://us02web.zoom.us/webinar/register/8516057107759/WN_v4Nah7e-TxGIKtMt45I9ig

LINK AL VIDEO

Allarme di Confesercenti: a rischio la stagione invernale nelle valli bresciane

in Associazioni di categoria/Confesercenti/Economia/Sport/Turismo by
man using ski

Confesercenti della Lombardia Orientale Brescia lancia l’allarme sulla prossima stagione invernale. «Apprendiamo dagli organi di stampa le dichiarazioni del premier Conte in merito alle decisioni che verranno prese nelle prossime ore dal Governo e che avranno pe-santi ripercussioni sulla stagione invernale, in particolare sul periodo natalizio – afferma il direttore Stefano Boni – Se come annunciato entrerà in vigore nel prossimo Dpcm la chiusura degli impianti sciistici, per il territorio della Valcamonica e della Valtrompia sarà un colpo durissimo, che si andrà ad aggiungere alla già complicata situazione in cui versano tutte le nostre aziende a causa delle re-strizioni anti-Covid e della trasformazione della Lombardia in zona rossa. A preoccupare non è solo la tenuta di quel settore specifico, fatto di impianti, stazioni sciistiche e scuole di sci, ma di tutto l’indotto: alberghi, ristoranti, attività commerciali. In pericolo non c’è banalmente la «settimana bianca», ma imprese e, a cascata, l’occupazione».

In Lombardia ci sono 900 chilometri di piste, 310 impianti, 27 stazioni sciistiche. E ancora 2.700 maestri di sci che operano in oltre 67 scuole divise nelle province di Brescia, Bergamo, Como, Lec-co, Sondrio e Varese. «Da sempre come Confesercenti affermiamo la necessità che gli interventi re-strittivi avvengano in maniera mirata, tenendo conto della realtà delle cose e considerando tutte le misure che ciascuna attività, attendendosi alle disposizioni e ai protocolli, ha messo in campo per garantire sicurezza a clienti e utenti – continua, concludendo Boni – A maggior ragione ora è fon-damentale che chi governa faccia questo sforzo: la nostra provincia e la zona della Valcamonica so-no attualmente sotto controllo dal punto di vista dei contagi, dunque chiediamo che vengano fatte scelte puntuali guardando finalmente ai territori e ai numeri».

Poste, a Brescia è boom di spedizioni e-commerce

in Commercio/Economia by

Nei primi nove mesi del 2020 si registra un incremento del 191% delle consegne e-commerce rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Pronti nuovi servizi

Brescia, 26 novembre  2020 – Cresce ancora il numero dei pacchi consegnati da Poste Italiane a Brescia. Nei primi nove mesi del 2020, infatti, si è registrato un incremento del 191% dei pacchi e-commerce rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’Azienda, grazie alla propria capillarità e all’efficienza della rete distributiva che sul territorio può contare su 20Centri di recapito e 264 uffici postali, è riuscita a far fronte alle nuove esigenze del mercato, ai nuovi bisogni dei consumatori e soprattutto al considerevole incremento di richieste dei cittadini in questo periodo di emergenza.

E grazie alla spinta del Black Friday e degli acquisti natalizi ormai alle porte, le prossime settimane rappresenteranno un periodo di alti volumi di consegna per la rete logistica di Poste Italiane, che si conferma fra i partner di distribuzione più scelti dal mercato, grazie ai suoi servizi, ai suoi 27 mila portalettere, 33.500 mezzi e oltre 1.800 centri di distribuzione.

Attualmente in provincia di Brescia la rete Punto Poste, l’insieme di attività commerciali che offrono i servizi di ritiro e spedizioni pacchi, conta 190 tabaccherie, bar, cartolerie, negozi ed edicole presso le quali è possibile ritirare i propri acquisti in modo semplice e veloce. A questi si affiancano 9 Locker, punti self-service con orari di apertura estesi attraverso i quali è possibile anche effettuare il reso dei propri acquisti online che devono essere spediti con Poste Italiane.

Inoltre, anche per i cittadini della provincia di Brescia la consegna e-commerce di Poste Italiane si arricchisce di nuovi servizi. Attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, sarà infatti possibile consultare lo stato della spedizione direttamente via WhatsApp. Con il servizio di tracciatura online, già disponibile su web ed APP, è possibile seguire lo stato della spedizione in modo semplice e veloce, per qualsiasi tipo di prodotto di Poste Italiane.

Inviando un messaggio WhatsApp al numero 3715003715, si entra in contatto con l’Assistente Digitale Poste, che restituisce un apposito link alle informazioni richieste per verificare lo stato della spedizione. Per eseguire la tracciatura è necessario indicare il codice di invio presente sotto il simbolo a barre del prodotto inviato o, in caso di acquisto online, il numero fornito dal venditore.

A livello nazionale nei primi nove mesi dell’anno, grazie al modello di recapito Joint Delivery, è stato consegnato il numero record di 53 milioni di pacchi, circa il 42% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, determinando un risultato operativo (EBIT) in crescita del 34,7%.

 “Per Poste Italiane – come ricordato dall’Amministratore Delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante in occasione della presentazione dei risultati del terzo trimestre – il segmento B2C mostra un trend solido dopo aver registrato un terzo trimestre molto forte, con volumi di vendite significativi. A ottobre, che è andato ancora meglio di settembre, e a novembre abbiamo assistito ad una costante crescita. Inoltre, stiamo entrando in un periodo importante per questo tipo di mercato”.

La rete logistica di Poste Italiane è destinata ad ampliarsi: nei giorni scorsi Poste Italiane ha annunciato di aver sottoscritto un accordo preliminare per acquistare l’intero capitale sociale dell’operatore postale Nexive Group. Un risultato che, ad autorizzazione definitiva dell’operazione, porterà Poste Italiane a poter contare su sinergie importanti, come sottolineato dall’AD Matteo Del Fante: “L’accordo per la possibile acquisizione di Nexive è utile al Paese, crea valore e nello stesso tempo migliora la qualità del servizio di recapito”.

Camera di Commercio di Brescia: ecco i comunicati settimanali

in Associazioni di categoria/Camera di commercio/Economia by

Pubblichiamo di seguito i comunicati stampa settimanali diffusi dalla Camera di commercio di Brescia.


94/20 – FUTURA DIGITAL TIME

FUTURA crede nella sostenibilità come grande fattore di competitività per il Paese e le sue imprese e si pone come un riferimento aperto al grande pubblico.

L’edizione 2020 Futura Digital Time sarà in versione digitale il 27 28 e 29 novembre 2020, con i funzionari europei e i referenti degli European Technology Platform, per illustrare alle imprese i programmi ed i finanziamenti europei del prossimo settenato 2021/2027.

Per iscrizioni:https://www.futura-brescia.it/registrazione-streaming-seminari2020/


95
/20 – INDUSTRIAL REBOOT

La Camera di Commercio di Brescia, in collaborazione con Talent Garden Brescia, ripropone il ciclo di incontri “Industrial Reboot”: la serie di tre incontri dedicati agli imprenditori e top manager bresciani con la finalità di favorire l’innovazione ed incrementare la competitività delle imprese del territorio.
Di seguito il programma della rassegna:

26 novembre Costruire un marchio per il digitale: innovazione, visione globale e rapporto con i distributori
3 dicembre Digital learning per continuare a competere in un mondo che cambia
10 dicembre La digitalizzazione inizia dall’interno: come innovare partendo dalla propria struttura aziendale
Maggiori dettagli nella pagina Competitività imprese Punto Impresa Digitale del sito camerale www.bs.camcom.it

96/20 – WEBINAR SOFTWARE CERT’O

A partire dal 1 gennaio 2021 la Camera di Commercio di Brescia adotterà il software CERT’O, realizzato da Infocamere, per la richiesta ed il rilascio dei certificati di origine ed altri documenti per l’estero.
E’ quindi prevista una sessione formativa per il suo utilizzo, in modalità webinar.
Le date previste in programma sono il
2 e il 3 dicembre.

Ulteriori informazioni e iscrizioni nella pagina dedicata Internazionalizzazione – Certificati d’origine – Procedura telematica del sito camerale www.bs.camcom.it


97/20 – SIBONUS

SiBonus è la piattaforma realizzata da InfoCamere, società delle Camere di Commercio per l’innovazione digitale, che consente alle PMI e ai titolari di crediti fiscali di cederli per ricavare liquidità immediata e ai soggetti interessati all’acquisto di valutare le opportunità e completare in modo sicuro la transazione.
Tutte le informazione alla pagina di Infocamere https://sibonus.infocamere.it/

98/20 – RASSEGNA GRATUITA ONLINE TEMPI DIGITALI

La Camera di Commercio di Brescia, con il patrocinio del Comitato Imprenditoria Femminile, promuove la rassegna gratuita “Tempi Digitali – Come digitale, social media e organizzazione possono migliorare l’azienda e la qualità di vita”, prossimi eventi:
27 novembre: V per vendita online – tutte le possibilità per vendere sfruttando la Rete
11 dicembre: Organizzati & Felici – strategie di semplificazione per lavorare meglio

Programma e iscrizioni alla pagina Competitività delle imprese – Imprenditoria femminile del sito camerale www.bs.camcom.it

99/20 – WEBINAR SERVIZI DIGITALI

La Camera di Commercio di Brescia, con il supporto del team di Impresa Lombardia, organizza un webinar gratuito lunedì 30 novembre dalle ore 10 alle ore 11 per favorire la conoscenza e l’utilizzo degli strumenti digitali per l’impresa: Firma digitale, SPID, Cassetto digitale, Fatturazione elettronica e Libri digitali.
Maggiori informazioni alla pagina Internazionalizzazione – Fiere missioni incontri del sito camerale www.bs.camcom.it

100/20 – PORTALE RIPARTIRE IMPRESA


E’ online la versione aggiornata del portale “RipartireImpresa”, la piattaforma ideata da Unioncamere, con il supporto di InfoCamere, per far conoscere agli imprenditori i provvedimenti nazionali e regionali e locali diretti a fornire benefici finanziari alle imprese, relativi a ciascun settore economico, emanati a seguito dell’emergenza Covid-19.
La piattaforma è disponibile al link:
ripartireimpresa.unioncamere.it

1 2 3 187
Go to Top
Vai alla barra degli strumenti