Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Bilanci

Giochi Preziosi entra nella bresciana Promotica

in Bilanci/Economia/Garda/Uncategorized/Zone by

Secondo quanto riporta Brescia news, Promotica S.p.A. (EGM: PMT) – agenzia loyalty specializzata nella realizzazione di soluzioni marketing atte ad aumentare le vendite, la fidelizzazione e la brand advocacy quotata su Euronext Growth Milan – comunica che Giochi Preziosi S.p.A. e Dieci.Sette S.r.l. si sono accordate affinché quest’ultima, proprietaria alla data odierna di n. 13.600.000 azioni ordinarie, pari al 84,63% del capitale sociale di Promotica S.p.A., ceda entro il 15 gennaio 2022 n. 500.000 azioni Ordinarie Promotica a Giochi Preziosi S.p.A., rappresentative di circa il 3,11% del capitale sociale di Promotica, ad un prezzo di € 3,00 cadauna per un controvalore complessivo di € 1.500.000,00.

Tale transazione fa seguito all’acquisto da parte di Promotica dell’80% detenuto da Giochi Preziosi di Grani & Partners S.p.A., player internazionale che opera nel mercato promozionale per prodotti dedicati al mondo del bambino, avvenuta in data 30 novembre 2021 (cfr comunicato stampa in pari data) e rafforza il progetto di crescita posto in essere dalla società.

Si precisa che, per dare esecuzione all’operazione in oggetto, Integrae SIM S.p.A., Euronext Growth Advisor di Promotica S.p.A., ha autorizzato lo svincolo parziale dell’impegno di inalienabilità assunto in data 30 marzo 2021 da Dieci.Sette S.r.l. nei confronti dell’Euronext Growth Advisor, limitatamente alle 500.000 azioni ordinarie Promotica oggetto di cessione, a fronte del subentro in tale accordo da parte di Giochi Preziosi S.p.A. per n. 500.000 azioni ordinarie Promotica (pari a circa il 3,11% del capitale sociale di Promotica) con durata sino al 24° mese successivo alla data di acquisto delle azioni.

Diego Toscani, Amministratore Delegato di Promotica, ha così commentato: “La decisione di Giochi Preziosi di investire in Promotica e di condividere il nostro progetto di crescita, ci rende orgogliosi e fiduciosi sulla bontà dell’acquisizione di Grani&Partners e sulle sue prospettive di sviluppo. L’ acquisizione, ricordo, ci permette di diversificare la nostra presenza geografica e per Industry, sviluppando la nostra offerta loyalty nei settori Kids Promotion, Automotive ed Industry e consolidando la nostra presenza a livello internazionale, in particolare nel mercato asiatico. “

Enrico Preziosi, Presidente di Giochi Preziosi S.p.A., ha dichiarato “Abbiamo grande fiducia nel futuro di Promotica e per questa ragione abbiamo deciso di investire i proventi della cessione di Grani&Partners in acquisto di azioni Promotica con l’ambizione di diventarne un partner di riferimento. Stiamo da subito disponibili a valutare tutte le possibili iniziative commerciali riguardanti i Brands del nostro gruppo che possano supportarne il processo di sviluppo in Italia e all’estero”.

Marcello Gabana Holding: più utili e più sostenibilità

in Agricoltura e allevamento/Alimentare/Ambiente/Aziende/Bilanci/Economia/Gabeca/Gabeca by

CALCINATO (BS) – Il gruppo Marcello Gabana Holding (Mgh), guidato da Daniela Grandi, archivia l’anno con una crescita significativa nei fatturati, negli utili e negli investimenti. E, nell’ottica di “guardare lontano”, vara il primo report di sostenibilità: uno strumento ambizioso, che ancora pochissime aziende bresciane – anche tra quelle di dimensioni ben maggiori – utilizzano.

I NUMERI IN SINTESI

I numeri del rendiconto 2020 (dati aggregati) – che si confermano anche per l’anno in corso – parlano di una significativa crescita del valore della produzione: 50,1 milioni di euro (+12%), contro i 44,5 del 2019 e i 35,1 del 2018. In forte crescita (+ 21%) anche l’Ebitda (10,7 milioni, mentre erano 6,1 nel 2019, 4,3 nel 2018). Ma significativo è stato anche l’aumento contestuale degli investimenti, passati da 4,3 milioni (2018), a 6,6 (2019) e 7 milioni (2020), risorse in buona parte destinate allo sviluppo tecnologico di Grandi Riso.

GRANDI RISO PRIMA AZIENDA DEL GRUPPO

La società principale del gruppo di Calcinato (ex Gabeca) si conferma Grandi Riso, quarto produttore italiano di riso con sede operativa a Codigoro (Fe). Nel 2020, il valore della produzione è salito a 24,1 milioni di euro con un balzo in avanti di 3,5 rispetto all’anno precedente (il settore Agroalimentare vale per Mgh 24,5 milioni, includendo anche le rendite delle tenute Grandi & Gabana, 0,4 milioni). Ma soprattutto, nel 2020, Grandi Riso è tornata all’utile (+24mila euro) dopo la difficile annata 2019 (-816mila euro). Una crescita dovuta alle dinamiche di acquisto della materia prima, ma anche al crescente interesse estero (i principali mercati di esportazione sono Stati uniti, Slovenia, Brasile, Germania e Spagna, che ha registrato un balzo in avanti del 42%).

Bene anche il settore Ecologia di Mgh, che vale complessivamente 22,7 milioni con ricavi in aumento in tutte le società (utile +30%). Mentre il settore Immobiliare ha fatturato 2,8 milioni.

LE PROSPETTIVE

“Continuiamo a crescere nonostante le difficoltà del contesto nazionale e internazionale”, spiega Daniela Grandi, “non possiamo fermarci e riteniamo di dover guardare al futuro con strumenti adeguati ai tempi: sotto il profilo della pianificazione, del controllo di gestione, della sostenibilità e degli investimenti. Stiamo lavorando da tempo per disegnare le prospettive del gruppo in modo che rimanga florido per i prossimi decenni, perché un’azienda davvero sostenibile è quella che dura nel tempo e che produce valore, oltre che per gli azionisti, per i territori in cui opera”.

“Il punto di partenza del nostro futuro – continua Grandi – rimane Grandi Riso, su cui vogliamo continuare ad investire per accrescere i margini e il legame con il territorio, che (insieme alla qualità del prodotto) è già il nostro valore aggiunto. Per quanto riguarda l’Ecologia”, ha aggiunto, “l’impianto di smaltimento di Calcinato va verso la naturale chiusura e la nostra prospettiva è quella di rimanere nel settore, mettendo ancora sul piatto importanti investimenti per sostituire il business dello smaltimento con quello del recupero e del miglioramento delle prestazioni ambientali: un percorso che abbiamo già da tempo avviato con Ecoplant (piattaforma di recupero con sede a Cremona, ndr), Gelab (società di analisi) e Gedit, con interventi complessivi per 10 milioni di euro. Nel 2020 – tra biogas e fotovoltaico – la sola Gedit ha immesso in rete un quantitativo di energia pari quasi a quello dell’intero consumo residenziale annuo di un Comune come Calcinato. Per il futuro”, ha concluso Daniela Grandi, “stiamo già lavorando nuove – e innovative – tipologie di impianti, che possano garantire il massimo recupero dei rifiuti nell’ottica di una transizione ambientale che porterà a una riduzione significativa dei consumi di materie prime, privilegiando la rigenerazione e la valorizzazione di tutti quegli scarti fino ad oggi destinati a discarica”.

FOCUS SULLA SOSTENIBILITA’

Il 2020, come detto, è stato per il gruppo Mgh l’anno del primo report di sostenibilità: uno strumento per ragionare sul presente e il futuro nell’ottica della responsabilità sociale. Anche nei mesi del lockdown, va sottolineato, tutte le aziende del gruppo hanno continuato a operare, garantendo pagamenti puntuali ai fornitori, ai dipendenti (64) e ai collaboratori stagionali (un centinaio, quasi tutti legati a Grandi Riso), che sono rimasti stabili nel numero.

Per quanto riguarda i consumi energetici è da segnalare il forte aumento dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. In particolare, Gedit autoproduce 10.219 MWh, di cui 274 MWh tramite pannelli fotovoltaici e la restante parte tramite co-generazione, alimentata dal biogas da smaltimento dei rifiuti: energia che viene venduta alla rete, contribuendo direttamente alla riduzione del mix energetico italiano. Inoltre Ecoplant, con il suo impianto fotovoltaico, consente al gruppo Mgh di evitare ogni anno l’emissione in atmosfera di 5,1 tonnellate di anidride carbonica (il corrispettivo di 30.241 chilometri percorsi con un’autovettura a diesel di medie dimensioni).

Importanti poi sono le ricadute dirette dell’attività delle società del gruppo sui territori in cui operano. I fornitori sono 1.091: il 99 per cento sono italiani e oltre la meta ha sede in Lombardia ed Emilia-Romagna.

Il gruppo Mgh, infine, è attivo sul fronte sociale, con il fondo Marcello Gabana, operativo da anni all’interno della Fondazione della Comunità Bresciana. Ma significativo è anche il contributo diretto alla cultura, con il sostegno al progetto Camp Now della Fondazione Soldano di Brescia e, in particolare, al festival le X Giornate di Brescia.

Cembre, nel 2021 ricavi a 123 milioni (+26%)

in Aziende/Bilanci/Cembre/Economia by
Cembre

Il Consiglio di Amministrazione di Cembre S.p.A., società quotata al segmento Star di Borsa Italiana, tra i principali produttori europei di connettori elettrici e utensili per la loro installazione, riunitosi oggi a Brescia sotto la guida del Presidente e Amministratore Delegato Ing. Giovanni Rosani, ha approvato il resoconto intermedio di gestione relativo al 30 settembre 2021.

Nei primi nove mesi del 2021 il Gruppo ha evidenziato ricavi delle vendite consolidati pari a 124,3 milioni di euro, in crescita del 26,0% rispetto ai 98,7 milioni di euro dei primi nove mesi del 2020; i ricavi sono cresciuti del 12,7% anche rispetto a quelli registrati nei primi nove mesi del 2019.

Le vendite del Gruppo in Italia, pari a 53,1 milioni di euro, sono aumentate del 36,2%, mentre quelle estere, pari a 71,2 milioni di euro, sono salite del 19,3%. Nei primi nove mesi dell’anno i ricavi delle vendite sono stati realizzati per il 42,7% in Italia (39,5% nei primi nove mesi del 2020), per il 47,2% nella restante parte dell’Europa (47,5% nei primi nove mesi del 2020) e per il 10,1% fuori dal continente europeo (13,0% nei primi nove mesi del 2020).

Il risultato operativo lordo consolidato (EBITDA) dei primi nove mesi del 2021, pari a 35,6 milioni di euro, corrispondenti al 28,6% dei ricavi delle vendite, è aumentato del 47,5% rispetto a quello dei primi nove mesi del 2020, pari a 24,1 milioni di euro, corrispondenti al 24,4% dei ricavi delle vendite. Tale risultato fa segnare un incremento del 24,1% anche rispetto ai primi nove mesi del 2019.

In crescita, nel periodo, l’incidenza del costo del venduto mentre sono in diminuzione sia l’incidenza del costo per servizi, sia l’incidenza del costo del personale, quest’ultimo cresciuto in termini assoluti ma in proporzione inferiore all’aumento del fatturato. Il numero medio dei dipendenti del Gruppo nel periodo è passato da 754 a 780 unità.

Il risultato operativo consolidato (EBIT) dei primi nove mesi del 2021, pari a 27,1 milioni di euro, corrispondenti ad un margine del 21,8% sui ricavi delle vendite, è cresciuto del 69,7%, rispetto ai 16,0 milioni di euro dei primi nove mesi dello scorso esercizio, pari al 16,2% dei ricavi. Tale risultato è in aumento del 26,7% anche rispetto ai primi nove mesi del 2019.

L’utile consolidato ante imposte, pari a 27,3 milioni di euro, corrispondente al 21,9% delle vendite, è in crescita del 71,5% rispetto a quello dei primi nove mesi del 2020, pari a 15,9 milioni di euro e corrispondente al 16,1% delle vendite. Tale risultato appare in crescita del 28,4% anche rispetto ai primi nove mesi del 2019.

L’utile netto di periodo ha raggiunto i 20,2 milioni di euro, in aumento del 69,9%, rispetto agli 11,9 milioni di euro dello stesso periodo dello scorso anno. L’incidenza percentuale dell’utile netto sul fatturato rappresenta quindi il 16,3% delle vendite, contro il 12,1% dello stesso periodo del 2020. L’utile netto risulta in crescita del 21,5% anche rispetto a quello dei primi nove mesi del 2019.

La posizione finanziaria netta consolidata, passata da un saldo positivo di 8,4 milioni di euro al 31 dicembre 2020 ad un valore positivo di 15,3 milioni di euro al 30 settembre 2021, sconta gli effetti del pagamento di dividendi per 15 milioni di euro da parte della Capogruppo e investimenti in immobilizzazioni per 7,0 milioni di euro. Al 30 settembre 2020, la posizione finanziaria netta era positiva per 3,7 milioni di euro.

Gli investimenti effettuati nel periodo ammontano a 7,0 milioni di euro, principalmente in impianti e macchinari, a fronte di investimenti nello stesso periodo del 2020 pari a 5,3 milioni di euro.

Per una migliore comprensione dell’andamento del Gruppo nei primi nove mesi del 2021, si espone di seguito il confronto con i risultati dei primi nove mesi del 2019.

Neosperience: in forte crescita ricavi e utili nel primo semestre 2021

in Bilanci/Economia/Innovazione by
Neosperience, foto da ufficio stampa

Consiglio di Amministrazione di Neosperience S.p.A. (“Neosperience” o la “Società”), uno dei principali player nel settore della Digital Customer Experience, quotata su AIM Italia dal 20 febbraio 2019, ha approvato oggi la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2021, redatta secondo i principi contabili nazionali (OIC) e sottoposta a revisione contabile limitata.

I PRINCIPALI RISULTATI

  • RICAVI CONSOLIDATI: EURO 8,8 MILIONI,
    +23,0% (1H 2020: EURO 7,1 MILIONI / 1H 2019: EURO 5,1 MILIONI)
  • EBITDA CONSOLIDATO: EURO 3,1 MILIONI (35,5% DEI RICAVI),
    +27% (1H 2020: EURO 2,4 MILIONI / 1H 2019: EURO 2,3 MILIONI)
  • EBIT CONSOLIDATO: EURO 1,2 MILIONI (13,6% DEI RICAVI),
    +83% (1H 2020: EURO 655 MIGLIAIA / 1H 2019: EURO 631 MIGLIAIA)
  • UTILE NETTO CONSOLIDATO: EURO 642 MIGLIAIA (7,3% DEI RICAVI), +76% (1H 2020: EURO 365 MIGLIAIA)

Al 30 giugno 2021 Neosperience ha registrato ricavi consolidati pari a Euro 8,8 milioni (+23% rispetto ai 7,1 milioni di Euro al 30 giugno 2020), grazie all’acquisizione di numerosi nuovi clienti (oggi oltre 700, rispetto ai 200 del 2019), e al contributo delle società Myti S.r.l. e ADChange S.r.l. entrate a far parte del perimetro di consolidamento nel corso del secondo semestre 2020.

L’EBITDA si è attestato a Euro 3,114 milioni, con un significativo incremento del 27,3% rispetto all’analogo valore del 30 giugno 2020, con un’incidenza del 35,5% sui ricavi, sempre molto elevata grazie al rilevante contributo delle attività scalabili. Questi importanti risultati, a maggior ragione poiché raggiunti in un periodo difficile per l’economia italiana, evidenziano la solidità del modello di business Neosperience, basato su una crescente pluralità di competenze e di mercati che diversifica il rischio di dipendenza da poche linee di attività.

I consistenti investimenti sulle piattaforme Neosperience effettuati dal Gruppo per far fronte all’evoluzione della tecnologia e sviluppare nuove Solution hanno comportato un notevole incremento dei valori di attivo immobilizzato: le immobilizzazioni immateriali nette sono salite a oltre 18 milioni, rispetto a 12,3 milioni alla fine del primo semestre 2020. Tutto questo nel primo semestre 2021 si è riflesso in modo significativo anche sull’ammortamento delle immobilizzazioni immateriali, per cui gli ammortamenti nel primo semestre 2021 sono stati pari a Euro 1,9 milioni rispetto a Euro 1,8 milioni del primo semestre 2020, peraltro inclusivi anche dell’ammortamento del goodwill sulle partecipazioni acquisite.

L’EBIT del I semestre 2021, in linea con l’EBITDA, è fortemente cresciuto dell’83%, passando da Euro 655 migliaia ad Euro 1,196 milioni. L’utile netto del gruppo è stato pari a Euro 234 migliaia, in significativo incremento rispetto al semestre precedente (+24,5%), così come l’utile al lordo degli interessi di terzi.

Il patrimonio netto di Gruppo al 30 giugno 2021, grazie anche al consolidamento di Myti S.r.l. e ADChange S.r.l. avvenuto nel corso del secondo semestre 2020, è salito a Euro 16,8 milioni, rispetto ai 16,0 milioni del 31 dicembre 2020. L’indebitamento finanziario netto ammonta a Euro 5,9 milioni rispetto a Euro 5,4 milioni al 31 dicembre 2020 e a Euro 2,8 milioni al 30 giugno 2020, in parte per effetto delle acquisizioni effettuate nel periodo, il cui esborso è stato finanziato in parte emettendo nuove azioni Neosperience e in parte attingendo a nuove linee di credito a medio termine.

IL COMMENTO

Dario Melpignano, Presidente di Neosperience, ha commentato: “Il primo semestre dell’anno ha visto un’ottima evoluzione delle nostre attività che si è riflessa in una significativa crescita dei risultati finanziari, in forte incremento rispetto al I semestre 2020. Il Gruppo ha reagito efficacemente alle conseguenze della pandemia, mantenendo il focus su risultati in continua e costante crescita, con un’attenzione ai canoni ricorrenti e alle soluzioni proprietarie che hanno generato un impatto positivo sulla marginalità.

Fra le direttrici strategiche e le evidenze più significative:
– sviluppo di iniziative nel mondo Health con Ospedali e Istituti di Ricerca per dare un contributo alla ricerca di soluzioni/rimedi ai problemi per il Paese derivanti dalla pandemia, in vista della prossima riconfigurazione del mondo della Sanità europea in chiave digital;
– accelerazione della strategia di crescita in Italia, con l’obiettivo di rafforzare il ruolo di Neosperience come polo di aggregazione delle realtà più esperte nella realizzazione di prodotti e servizi digital; in quest’ottica si inquadrano sia le importanti acquisizioni di Workup S.r.l. e Myti S.r.l., aziende rispettivamente leader nel digital commerce e nella digitization delle imprese manifatturiere, con una vasta base clienti, sia numerosi altri contatti con primari operatori italiani, prossimi a maturare auspicabilmente entro la fine di quest’anno in ulteriori acquisizioni;
– rallentamento dell’espansione internazionale, dove la finalizzazione delle trattative in corso richiede che si chiarisca l’evoluzione del quadro pandemico. In particolare, nei confronti del mercato cinese, l’impossibilità di accogliere i turisti ha temporaneamente frenato gli ambiziosi progetti già avviati con Tencent/WeChat; tuttavia abbiamo registrato con soddisfazione l’interesse da parte di numerosi nuovi clienti italiani – in particolare nei settori vitivinicolo e design/arredamento – che hanno scelto di approfittare di questo momento storico per rinnovare e completare gli investimenti digital verso i mercati del Far East;
– completamento dell’integrazione tra Neosperience e le società entrate a far parte del Gruppo, che ha portato a rilevanti economie di scala e forti benefici dalla messa in comune di conoscenze tecnologiche e di mercato.

Più in generale, le modifiche di abitudini e comportamenti indotte e accelerate dal Covid-19, quali il maggiore ricorso al remote working, all’home delivery e al digital commerce, spingono le aziende ad accelerare l’adozione di tecnologie digital che migliorino l’operatività e rendano più facili ed empatiche le relazioni con i clienti. Questo è ancora più vero per le PMI europee, che per ragioni culturali e dimensionali erano state finora lente nell’effettuare i necessari investimenti per realizzare la propria digital transformation. Neosperience, con la sua offerta di soluzioni e servizi rivolti alle PMI, oggi ancora più completa grazie alle acquisizioni effettuate e a quelle in programma, si posiziona in modo ottimale per servire questo vasto mercato emergente.

Dal punto di vista dell’offerta, sono state messe a punto nuove Solution, basate sull’impiego delle tecniche più avanzate di Intelligenza Artificiale, che hanno trovato ampia accoglienza nei settori in cui operiamo, permettendoci di rafforzare ulteriormente il nostro vantaggio competitivo. Nuove acquisizioni, in fase di avanzata discussione, consentiranno di estendere ulteriormente la gamma di soluzioni offerte e accompagnare ancor più efficacemente i nostri clienti nel loro percorso di creazione delle loro piattaforme di prodotti digitali e nella digitalizzazione delle loro operation.”

Promotica, nel 2021 crescono i ricavi: a giugno sono 23,4 milioni

in Bilanci/Commercio/Economia by

Principali Dati Consolidati:

• RICAVI pari a € 23,4 milioni in crescita di circa l’1,2% rispetto a € 23,1 milioni consolidati pro-forma del 30 giugno 2020;
• EBITDA1 pari a € 3,2 milioni; EBITDA Margin al 13,5%;
• EBIT pari a € 2,0 milioni, EBIT Margin all’ 8,7%;
• Risultato netto positivo per € 1,4 milioni;
• Posizione Finanziaria netta attiva (cassa) per € 0,3 milioni, in significativo miglioramento rispetto ai
€ 3,1 milioni passivi (debito) registrati al 31 dicembre 2020.

Il Consiglio di Amministrazione di Promotica S.p.A. (AIM:PMT) – agenzia loyalty specializzata nella realizzazione di soluzioni marketing atte ad aumentare le vendite, la fidelizzazione e la brand advocacy – riunitosi in data odierna sotto la presidenza di Diego Toscani, ha esaminato e approvato la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2021.

I Ricavi di Vendita consolidati, espressione del core business del Gruppo ovvero l’organizzazione e la  gestione di campagne di fidelizzazione, realizzate attraverso la progettazione delle meccaniche, lo  sviluppo degli aspetti creativi, la definizione degli aspetti legali e la gestione fisica dei premi, compresa  la loro fornitura e la consulenza nell’ambito del retail, sono pari a € 23,4 milioni, in aumento del +1,2%  rispetto ai € 23,1 milioni di ricavi consolidati pro-forma del 30 giugno 2020.

In particolare, nel corso del primo semestre 2021 la Società ha gestito in totale 209 campagne  promozionali per un totale di premi erogati pari a 10,5 milioni.

I clienti sono aumentati dai 101 al 31 dicembre 2020 ai 155 al 30 giugno 2021, a testimonianza  dell’attenta gestione rivolta ad una riduzione dei rischi di concentrazione della clientela.

Il Margine Industriale è pari a circa € 7,26 milioni (pari al 31,1% dei ricavi) dopo aver spesato €16,1  milioni relativi ai costi del venduto.

L’EBITDA risulta pari a € 3,2 milioni al 30 giugno 2021, con un EBITDA Margin del 13,5%, dopo costi per  servizi per circa € 2,6 milioni con un’incidenza in sensibile riduzione, costi per godimento beni di terzi  per € 167 migliaia composti dai noleggi e dai canoni per i contratti di leasing in essere, costi per il  personale per circa € 1,1 milioni, oneri diversi di gestione per circa € 0,3 milioni.

Si segnala che le variazioni di rimanenze di materie prime e merci sono pari a € 2,6 milioni, l’indice di  rotazione media del magazzino (2,71) è influenzato dall’attività tipica della gestione campagne loyalty  per la quale il livello di scorte è fortemente influenzato dall’inizio di significative campagne di  fidelizzazione in ragione del quale è stato effettuato l’approvvigionamento delle merci. 
Dopo accantonamenti per € 0,9 milioni attinenti agli oneri per contributi promozionali afferenti al primo  semestre 2021, ancora non giuridicamente maturati, ma la cui sussistenza è ragionevolmente certa, e  ammortamenti e svalutazioni per € 0,3 milioni, il risultato operativo (EBIT) si attesta a € 2,0 milioni,  con una marginalità all’ 8,7%.

Il Risultato Netto è pari a circa € 1,4 milioni dopo aver spesato oneri finanziari per € 89 migliaia,  rettifiche di valore di attività e passività finanziarie per € 10 migliaia e imposte per circa € 0,6 milioni.

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO

La Posizione Finanziaria Netta al 30 giugno 2021 è attiva (cassa) per € 0,3 milioni, in significativo  miglioramento rispetto ai € 3,1 milioni (debito) registrati al 31 dicembre 2020; Le Disponibilità liquide  sono pari a circa € 5,8 milioni.

Il Patrimonio netto è pari a € 12,2 milioni, in miglioramento rispetto ai € 11,8 milioni registrati al 31  dicembre 2020. Il Capitale Circolante Netto è pari a € 10,7 milioni.

Diego Toscani, Amministratore Delegato di Promotica, ha così commentato: “Archiviamo questi primi sei mesi da società quotata pienamente soddisfatti dei risultati raggiunti e dei KPI ottenuti. La corretta  gestione del business ha consentito un buon andamento della marginalità ed una generazione di cassa  positiva, oltre a determinare un significativo aumento del numero di clienti attivi e del valore delle  campagne gestite, indicatori inequivocabili del consolidamento di Promotica quale azienda leader nel  settore loyalty. Nel primo semestre 2021 abbiamo infatti gestito oltre 200 campagne promozionali per  le maggiori insegne della GDO a livello nazionale ed internazionale, collaborando con attori del calibro  di Carrefour Italia e Selex Gruppo Commerciale, accelerando la nostra espansione al di fuori dei confini  nazionali grazie alle commesse di SPAR Croazia e Delhaize Serbia, e diversificando in settori quali quello farmaceutico. Permangono tuttavia a livello globale elementi di incertezza sia connessi all’emergenza  sanitaria, che ai fenomeni di shortage che stanno investendo il settore con conseguenti fenomeni inflattivi, in particolare in relazione alla componentistica e ai costi logistici. Alla luce di ciò, nonostante la  domanda da parte dei clienti del Gruppo nei diversi settori di riferimento continui ad essere robusta, è  tuttavia ragionevole prevedere uno slittamento delle campagne con un allungamento del lead time da 4  a 6/7 mesi per garantire la partenza corretta delle attività di fidelizzazione.”

Lucchini Rs Spa: nel 2020 utile netto consolidato di 24,8 milioni

in Acciaio/Bilanci/Economia by
Laminatoio Lucchini Rs, foto da sito ufficiale

I ricavi netti di Gruppo della Lucchini Rs Spa, pur se impattati dalle restrizioni causate dalla pandemia da Covid-19, si attestano a 404 milioni di Euro, inferiori del 4,9% rispetto all’esercizio precedente.  Il fatturato estero è pari al 77% del totale.

Il risultato netto di periodo evidenzia un utile netto di 24,8 milioni di Euro. Il Gruppo ha mantenuto una robusta politica di investimenti tecnici, realizzati nell’esercizio per 21,6 milioni di Euro.

Un’attenta gestione patrimoniale ha permesso di finanziare tali investimenti tramite la generazione di cassa derivante dalla gestione e al contempo di migliorare ulteriormente il livello di indebitamento, con una Posizione Finanziaria netta, scesa da 64 milioni di Euro a fine 2019 a 13,4 milioni di Euro a fine 2020. La solidità finanziaria ne risulta ulteriormente rafforzata, grazie  anche a un patrimonio netto cresciuto a 458 milioni di Euro, il Gruppo si presenta perciò con un “Indice di Indebitamento Debt/Equity” inferiore al 3% a fine 2020.

L’organico complessivo medio del 2020 si attesta a 2.040 dipendenti, di cui 654 nelle controllate estere. Sempre maggiore rilevanza e attenzione hanno avuto le tematiche di sviluppo delle Risorse Umane, con una gestione particolarmente attenta della Sicurezza, della Salute, dell’Ambiente e di tutti i temi legati alla Sostenibilità.

Si ricorda che lo stabilimento di Lovere (BG), il principale sito produttivo del Gruppo, ha autonomamente deciso di fermare tutte le produzioni con una settimana di anticipo rispetto al primo lockdown nazionale di marzo, per poter garantire la messa  in sicurezza del proprio personale, adottare tutte le misure preventive indicate dal Governo e poter riavviare la propria attività con maggior sicurezza in aprile. È stato così possibile garantire ai clienti la continuità di approvvigionamento, in particolare del materiale rotabile destinato alle ferrovie di tutto il mondo, anche attraverso la rete di controllate in diverse aree geografiche che hanno rappresentato un punto di forza e bilanciamento. Una volta ripresa l’attività, per merito del grande impegno profuso da tutti i lavoratori nel mondo, è stato possibile recuperare le produzioni perse, proseguire nei programmi di efficientamento ed investimento e raggiungere i positivi risultati sopra esposti.

La divisione Forgiati & Fusi, a cui fanno capo anche le controllate Lucchini Mamè Forge e Lucchini Tool Steel, ha visto una contrazione dei volumi, ma è riuscita a mantenere sostanzialmente invariata la propria marginalità, grazie ai progetti di efficientamento lanciati. I principali mercati di riferimento, oil&gas ed automotive, sono infatti stati trai settori più colpiti dalla pandemia.

Quanto alle controllate estere ferroviarie del Gruppo, si segnala che Lucchini Unipart Rail, la JV inglese con Unipart Rail controllata al 60% da Lucchini RS, ha subìto un significativo calo di fatturato, pari a circa il 21% rispetto all’esercizio precedente, determinato dalla combinazione degli effetti pandemici e dalla Brexit. Ciò nonostante, la società ha chiuso con un utile di 1,4 milioni di Euro.

Le controllate Lucchini Sweden, Lucchini Poland e Lucchini Central Europe hanno conseguito risultati positivi, confermandosi come importanti tasselli della strategia internazionale del Gruppo

LBX, la controllata belga, rilevata qualche anno fa da una molto precaria situazione aziendale, continua nel programma di turnaround: nel 2020 registra un fatturato pari a 16,4 milioni di Euro in crescita del 28,8% rispetto all’esercizio precedente.

Lucchini South Africa, di cui la nostra società detiene il controllo al 70%, è stata particolarmente impattata dalla grave situazione pandemica della Nazione sudafricana, che ha notevolmente rallentato la propria attività industriale. L’esercizio chiude con un fatturato in calo ed un risultato netto leggermente negativo ma le potenzialità di crescita di quest’area geografica restano sempre interessanti per il futuro.

Infine, l’importante collegata cinese Zhibo Lucchini Railway Equipment (partecipata al 30% da Lucchini RS e perciò consolidata non con il metodo integrale) con i suoi 471 dipendenti ha conseguito anche nel 2020 ottimi risultati con un valore di fatturato di 208,8 milioni di Euro ed un utile netto pari a circa 44,9 milioni di Euro. Si segnala che la JV sta rafforzando ulteriormente il proprio ruolo di primo piano nel settore dell’alta velocità cinese, grazie alla costituzione di una rete di centri manutentivi dedicati al materiale rotabile situati nei centri nevralgici della rete dell’Alta Velocità, direttamente all’interno dei depositi di China Railways.

Promotica, ricavi a 56,7 milioni (+53%), utile a 4,5 milioni

in Bilanci/Economia by

RICAVI al 31 dicembre 2020 a € 57,0 milioni in crescita del 52,3% rispetto a €37,4 milioni del 31 dicembre 2019;

EBITDA al 31 dicembre 2020 pari a € 6,8 milioni in crescita a doppia cifra +79,1% rispetto ai € 3,8 milioni al 31 dicembre 2019 e EBITDA Margin a 12,0% rispetto al 10,2% del 2019;

EBIT al 31 dicembre 2020 a € 6,3 milioni, in crescita dell’81,6% rispetto ai € 3,5 milioni al 31 dicembre 2019;

Risultato netto al 31 dicembre 2020 positivo per€ 4,3 milioni con un incremento a tripla cifra del 102,5% rispetto ai € 2,1 milioni registrati al 31 dicembre 2019;

Posizione Finanziaria netta al 31 dicembre 2020 passiva (debito) per € 3,1 milioni rispetto ai € 8,8 milioni registrati nel 2019;

Il Consiglio di Amministrazione di Promotica S.p.A.(AIM:PMT) -agenzia loyalty specializzata nella realizzazione di soluzioni marketing atte ad aumentare le vendite, la fidelizzazione e la brand advocacy –riunitosi in data odierna, ha esaminato e approvato i risultati consolidati di Gruppo e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2020, redatti secondo i principi contabili italiani.

L’esercizio 2020 chiude con tutte le grandezze economico finanziarie in forte crescita grazie all’elevato sforzo commerciale esercitato dalla struttura aziendale sul mercato di riferimento in termini di sviluppo di nuovi prodotti e nuovi servizi a maggiore valore aggiunto.

Diego Toscani, Amministratore Delegato di Promotica, ha così commentato: “Archiviamo il 2020con i principali indicatorieconomici in crescita a doppia e tripla cifra, risultati ottenuti grazie ad uno impegno quotidiano volto a garantire la massima eccellenza e professionalità per i nostri clienti.Èstato un anno ricco di avvenimenti positivi per lo sviluppo del business: l’acquisizione di Kiki Lab, che ha esteso il nostro perimetro aziendale e segnatola nascita del Gruppo Promotica, l’entrata nel nostro CdA dell’esperto di Intelligenza Artificiale Michele Grazioli, che ha arricchito l’azienda di nuove competenze, ed infine la quotazione sul mercato AIM Italia, traguardo storico di cui siamo estremamente orgogliosi. Vogliamo ora proseguire nel percorso di crescita, che ci ha portato ad essere darealtà locale ad azienda leader in Italia nel nostro settore, focalizzandoci in particolare sull’espansione a livello internazionale e nei mercati ad alto potenziale di sviluppo che abbiamo individuato”.

CONTO ECONOMICO

I dodici mesi del 2020 consolidano i risultati di Kiki Lab S.r.l., entrata a far parte del Gruppo Promotica in seguito all’acquisizione avvenuta nel mese di aprile 2020.I Ricavi di Vendita del Gruppo, espressione del core business del Gruppo ovvero l’organizzazione e la gestione di campagne di fidelizzazione, sono pari a € 57,0milioni, in aumento del +52,3% rispetto ai€ 37,4milioni all’esercizio precedente. In particolare, nel corso del 2020 la Società ha gestito in totale 317 campagnep romozionali rispetto alle 325 del 2019, per un valore medio delle campagne in crescita da € 113.000 a € 180.000, e per un totale di premi erogati pari a € 19,4 milioni(€ 22,2 milioninel 2019), per un valore medio dei premi distribuiti in aumento da € 1,77 a € 2,90. I clienti sono aumentati dai 66 nel 2019 a 101nel 2020, a testimonianza dell’attenta gestione rivolta ad una riduzione dei rischi di concentrazione della clientela. Promotica si è avvalsa di 230 fornitori, in linea con il 2019, di cui 8 con contratto di esclusiva (di cui una parziale per il solo mercato estero).

L’EBITDArisulta pari a €6,8 milioni al 31 dicembre 2020,con una crescita a doppia cifra del +79,1% rispetto ai € 3,8 milioni al 31 dicembre 2019. La marginalità è anch’essa in miglioramento: l’EBITDA Margin passa dal 10,2% del 2019 al 12,0% del 2020. Il risultato operativo (EBIT) corrisponde a € 6,3 milioni, in crescita dell’81,6% rispetto ai € 3,5 milioni dell’esercizio precedente. Cresce anche la marginalità, che si attesta al 11,0% (9,2% nel 2019). Il Risultato Netto è più che raddoppiato a € 4,3 milionirispetto ai €2,1 milioni al 31 dicembre 2019.

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO

La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2020 è passiva (debito)pari € 3,1milioni, in miglioramento rispetto al 2019 pari a € 8,8milioni grazie alle risorse ottenute in sede di IPO e alla generazione di cassa. Si ricorda l’emissione di un prestito obbligazionario, a sette anni, del valore di 4 milioni di euro sottoscritto interamente da Intesa Sanpaolo nel mese di luglio 2020. Le Disponibilità liquide sono pari a € 4,0 milioni. Il Patrimonio netto corrisponde a €11,8 milioni, in forte rafforzamento rispetto ai € 3,3milioni registrati al 31 dicembre 2019. Il Capitale Circolante Netto passa da € 10,1milioni a € 12,7 milioni al 31 dicembre 2020 con un’incidenza del fatturato che passa da 26,9% al 22,3%. La variazione del periodo è conseguente alla crescita dei volumi che ha comportato un aumento delle rimanenze per €2,2 milioni, un aumento dei crediti commerciali per € 8,2 milioni, in parte compensati dalla maggiore esposizione commerciale verso fornitori per €8,0milioni.

DATI ECONOMICO-PATRIMONIALI DELLA CAPOGRUPPO

PROMOTICAS.P.A. La Capogruppo nell’esercizio 2020 ha conseguito un significativo incremento dei ricavi rispetto all’esercizio 2019, in particolare:•i Ricavi di venditarisultano pari a € 56,7 milioni, in aumento del 53,2% rispetto al valore di € 37,0 milioni dell’esercizio precedente.

•L’EBITDAcorrisponde a € 6,8 milioni, in crescita a doppia cifra rispetto ai € 3,8 milioni al 31 dicembre 2019.

•L’EBITsi attesta a € 6,3 milioni in significativo aumento in confronto ai € 3,5milioni del 2019.

•L’Utile nettoè pari € 4,55milioni, in forte crescita (+111%) rispetto al valore di € 2,16milioni al 31 dicembre 2019.

PROPOSTA DI DESTINAZIONE DELL’UTILE DI ESERCIZIO

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea degli Azionisti la seguente destinazione dell’utile di esercizio della Capogruppo, pari ad euro 4.550.487,01, come segue:

-alla riserva legale euro 24.000,00, raggiungendo così il quinto del capitale sociale;

-alla riserva straordinaria euro 3.566.487,01;

-quale dividendo da corrispondere agli azionisti nella misura di euro 0,06 lordi per ogni azione ordinaria, euro 960.000,00. La proposta di distribuzione del dividendo prevede il seguente calendario:

-data di stacco 28 giugno 2021;

-data di legittimazione al pagamento (record date) 29 giugno 2021;-data di pagamento 30 giugno 2021.

Centro Padane Srl, Scuri confermato alla presidenza

in Bilanci/Centro Padane/Economia/Istituzioni/Partecipate e controllate/Provincia di Brescia by

Conti in ordine e nuovo Cda, con il bresciano Fabrizio Scuri confermato alla presidenza, per Centro Padane Srl, la società fondata nel 2018 dalle Province di Brescia e Cremona con l’obiettivo di supportare le amministrazioni locali nella gestione, direzione lavori e pianificazione di opere stradali e di edilizia pubblica, nella manutenzione straordinaria delle strade e nella definizione di progetti di smart road.

Dalle 15.30 di oggi, venerdì 7 maggio, si è tenuta l’assemblea ordinaria dell’azienda, che ha approvato i conti e nominato il nuovo Consiglio di amministrazione della società, il cui capitale è controllato dalle due Province (che detengono il 97,46 per cento delle azioni). Alla presidenza (che, secondo i patti parasociali, spetta a Brescia) è stato confermato Fabrizio Scuri, mentre Cremona – dove ha sede la società – ha indicato Elena Bernardini e Bruna Gozzi. Come revisore dei conti è stato invece rinnovato Carlo Fogliata.

Contestualmente l’assemblea ha approvato il bilancio 2020, che segnala – oltre a un leggero utile – un aumento del fatturato del 32 per cento (da 1,053 milioni a 1.387) e del Margine Operativo Lordo (+61%). Una crescita dovuta alle diverse commesse affidate alla società, unità all’attenzione ai costi. Si segnala inoltre che – nell’ultimo anno – l’azienda ha assunto e il personale dell’ufficio tecnico (diretto dall’ingegner Roberto Salvadori) è passato a 10 unità.

“L’obiettivo – ha sottolineato il presidente Scuri illustrando il nuovo Piano industriale – è quello di arrivare entro tre anni a ricavi per 3,5 milioni, con ricadute dirette sui territori per 150 milioni di euro (valore di realizzazione delle opere). Non è un sogno, ma un progetto concreto che si bassa sulla crescente collaborazione con le Province e gli enti locali, di cui Centro Padane Srl è (e vuole essere sempre di più) il braccio operativo. Ringrazio i nuovi soci e le Province per la fiducia che continuano ad accordarci”.

“Di fronte al continuo taglio delle risorse e alle conseguenze economiche del Coronavirus”, ha aggiunto il presidente della Provincia di Brescia Samuele Alghisi, “è essenziale che gli Enti pubblici non rinuncino alle manutenzioni e agli investimenti: Centro Padane Srl è lo strumento collaborativo che ci siamo dati per farlo e su cui vogliamo puntare anche nei prossimi anni, insieme ai Comuni, per dare risposte concrete e ambiziose alle esigenze dei territori”.

Camera di Commercio di Brescia, nel 2020 disavanzo di 4,6 milioni di euro

in Associazioni di categoria/Bilanci/Camera di commercio/Economia by

Il Consiglio della Camera di Commercio di Brescia, nella riunione di giovedì 6 maggio 2021, ha approvato all’unanimità il Bilancio d’esercizio dell’Ente per l’anno 2020, che ha registrato proventi complessivi per 23 mil/€, con un disavanzo di 4,6 mil./€, finanziato con gli avanzi degli esercizi precedenti.

Il Bilancio appena approvato – è il commento del Presidente dell’Ente camerale, Ing. Roberto Saccone – è riferito ad un anno del tutto eccezionale, che ha comportato la necessità, da parte della Camera di Commercio, di attingere alle risorse finanziarie accantonate negli esercizi precedenti e che si sono rivelate assolutamente indispensabili per fronteggiare la situazione di emergenza imposta dalla pandemia“.

Un notevole impegno finanziario si è registrato, infatti, sul fronte del sostegno alle imprese che hanno dovuto affrontare l’emergenza Covid-19, con risorse stanziate per 16,6 mil./€ ed erogazioni effettuate al 31 dicembre 2020 per 11,6 mil./€ – ed ulteriori 4,2 mil./€ al 30 aprile 2021 – ma già nella prospettiva di guardare alla fase di ripartenza del ciclo economico.

Particolare attenzione è stata rivolta alla necessità, manifestata dalle imprese, di adattamento alle nuove modalità operative imposte dalla fase emergenziale, in modo da poter continuare l’attività in sicurezza anche in regime di pandemia. Il tutto, però, nell’ottica dell’innovazione dei processi produttivi che la pandemia ha, in qualche modo, accelerato, ma che rappresenta, in ogni caso, la nuova frontiera per le PMI, come il ricorso allo smart working ed alla digitalizzazione 4.0. 

Il settore del turismo – prosegue il Presidente Saccone – particolarmente colpito dalla pandemia, ha potuto, inoltre, contare su un’importante azione di promozione del territorio, in primo luogo grazie alle iniziative svolte dalla controllata Bresciatourism, nella prospettiva di un suo immediato rilancio, anche alla luce dell’importante appuntamento del 2023 che vedrà Brescia-Bergamo capitali italiane della cultura“.

Nell’analisi dei dati di bilancio 2020 si evidenzia, sul fronte delle entrate, quella derivante dal diritto annuale, principale fonte di finanziamento, che ammonta a 12,3 mil./€, mentre i diritti di segreteria, che costituiscono la seconda voce di finanziamento camerale, sono stati pari a 6,8 mil./€, in lieve diminuzione rispetto all’anno precedente.

Le iniziative camerali di supporto all’economia locale si sono principalmente rivolte all’innovazione per 5,9 mil./€, al sostegno al credito per 4,5 mil./€, alla promozione del territorio per 3,8 mil./€ e alla formazione professionale per 1,2 mil./€. Minori risorse – rispetto al recente passato – sono state invece destinate all’internazionalizzazione delle imprese (0,6 mil./€), soprattutto a causa della loro impossibilità di partecipare a manifestazioni fieristiche all’estero.

Complessivamente, gli interventi promozionali hanno consentito di “restituire” alle imprese un valore medio netto (promozione più investimenti) di circa 146 euro per impresa iscritta al Registro Imprese della Camera di Brescia – che diventano più di 180 euro con la compartecipazione regionale – a fronte di un valore medio di 105 euro versato nel 2020 per il diritto annuale da ciascuna impresa.

Sul fronte delle spese di funzionamento – spiega il Segretario Generale Massimo Ziletti – si evidenziano costi per circa 1 mil./€, mentre quelli sostenuti per il personale ammontano a 5,6 mil./€: entrambe le voci in riduzione rispetto agli anni precedenti ed i cui risparmi si sono riversati sulle disponibilità per il sostegno alle imprese”.

La Camera di Commercio di Brescia ha infine versato, nel 2020, per imposte e tasse, oltre 0,5  mil./€ e ha versato allo Stato – secondo le vigenti disposizioni normative – ulteriori 0,5 mil./€, derivanti dai risparmi conseguiti in seguito al taglio delle spese, mentre al sistema camerale nazionale e regionale sono stati invece erogati altri 1,1 mil./€.

A2A, via libera ai dividendi: al Comune di Brescia 62,6 milioni

in A2A/Bilanci/Economia/Partecipate e controllate by

Via libera al bilancio dall’assemblea di A2A. Per il Comune di Brescia il dividendo sarà di 62,6 milioni di euro, in crescita rispetto all’anno precedente. Di seguito riportiamo il comunicato stampa dell’azienda.

IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE

L’odierna Assemblea ordinaria e straordinaria di A2A S.p.A. ha:

1) approvato il bilancio della Società per l’esercizio 2020;

2) approvato la proposta formulata dal Consiglio di Amministrazione di distribuire un dividendo per azione ordinaria pari a 0,08 Euro da mettere in pagamento dal 26 maggio 2021 (data stacco cedola n. 24 il 24 maggio 2021) e record date il 25 maggio 2021;

3) deliberato in senso favorevole con voto vincolante sulla prima sezione della Relazione sulla Remunerazione 2021 e con voto consultivo, non vincolante sulla seconda sezione della Relazione sulla Remunerazione 2021;

4) autorizzato – previa revoca della deliberazione di autorizzazione all’acquisto e disposizione di azioni proprie adottata dall’Assemblea Ordinaria del 13 maggio 2020, per quanto non già utilizzato – l’Organo Amministrativo ad effettuare operazioni di acquisto e di disposizione di azioni proprie, secondo le finalità, le modalità ed i termini di seguito indicati:

a) il numero massimo di azioni proprie complessivamente detenibili è fissato in 313.290.527, tenuto conto delle azioni già possedute da A2A S.p.A. e da sue controllate, pari alla decima parte delle azioni che formano il capitale sociale;

b) le operazioni di acquisto di azioni proprie verranno effettuate per perseguire, nell’interesse della Società e nel rispetto del principio della parità di trattamento degli azionisti e della normativa applicabile in vigore, finalità di sviluppo come le operazioni connesse a progetti industriali coerenti con le linee strategiche che la Società intende perseguire, in relazione ai quali si concretizzi l’opportunità di scambi azionari; 3

c) le operazioni di disposizione di azioni proprie, anche successive, verranno effettuate per perseguire, nell’interesse della Società e nel rispetto del principio della parità di trattamento degli azionisti e della normativa applicabile in vigore, finalità quali operazioni connesse alla gestione corrente e operazioni connesse a progetti industriali coerenti con le linee strategiche che la Società intende perseguire, in relazione ai quali si concretizzi l’opportunità di scambi azionari;

d) l’acquisto delle azioni dovrà essere effettuato, in conformità a quanto previsto dall’art. 132 del decreto legislativo 58/1998 e successive modificazioni, dall’art. 144-bis del Regolamento Emittenti e da ogni altra norma comunitaria e nazionale applicabile nella Borsa di quotazione – tra le quali il Regolamento e le Istruzioni della Borsa Italiana S.p.A. – con le modalità operative consentite dalla vigente normativa e quindi, ai sensi dell’articolo 144-bis, comma 1, lett. b) del Regolamento Emittenti, sui mercati regolamentati secondo modalità operative stabilite nei regolamenti di organizzazione e gestione dei mercati stessi. Dette modalità operative non potranno consentire l’abbinamento diretto delle proposte di negoziazione in acquisto con predeterminate proposte di negoziazione in vendita e gli acquisti dovranno essere effettuati ad un prezzo non superiore del 5% e non inferiore del 5% rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di Borsa precedente ogni singola operazione. Detti parametri vengono ritenuti adeguati per individuare l’intervallo di valori entro il quale l’acquisto è di interesse per la Società;

e) gli atti dispositivi, ed in particolare di vendita, delle azioni proprie acquistate in base all’autorizzazione assembleare o comunque già in portafoglio della Società potranno essere effettuati: (i) mediante operazioni in denaro, e in tal caso le vendite dovranno essere effettuate nella Borsa di quotazione e/o fuori Borsa, ad un prezzo non superiore del 5% e non inferiore del 5% rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di Borsa precedente ogni singola operazione; ovvero (ii) mediante operazioni di scambio, permuta, conferimento o altro atto di disposizione (include, ad esempio, assegnazioni ai dipendenti; dividendi in azioni), nell’ambito di progetti industriali o operazioni di finanza straordinaria, ed in tal caso senza limiti di prezzo, (iii) a consentire l’utilizzazione delle azioni proprie per operazioni di permuta o conferimento o anche al servizio di operazioni di carattere straordinario sul capitale od operazioni di finanziamento che implichino l’assegnazione o disposizione di azioni proprie (ad esempio, al servizio di strumenti finanziari scambiabili in azioni, obbligazioni convertibili, bond o warrant). All’Organo Amministrativo è stato conferito ogni più ampio potere per l’esecuzione, anche tramite procuratori speciali, delle deliberazioni di cui sopra. L’autorizzazione all’acquisto e alla disposizione ha validità fino a diversa deliberazione e, comunque, per un periodo non superiore a diciotto mesi dalla data della delibera.

5) approvato il progetto di fusione per incorporazione della controllata “A2A Telecommunications S.r.l.” in “A2A S.p.A.”;

6) approvato il progetto di fusione per incorporazione della controllata “Suncity Energy S.r.l.” in “A2A S.p.A.”.

1 2 3 9
Go to Top
Vai alla barra degli strumenti