Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Trasporti

Trasporto pubblico locale, incontro tra enti locali e sindacati in Broletto

in Economia/Sindacati/Trasporti by
Autobus

Si è svolto questa mattina a Palazzo Broletto un incontro sulle problematiche e sulle prospettive del Trasporto Pubblico Locale nel bacino di Brescia, che ha visto la partecipazione dei rappresentanti degli Enti locali (per la Provincia il Presidente Alghisi e il Consigliere Sarnico, per il Comune capoluogo il sindaco Del Bono e l’Assessore Manzoni) e dei rappresentanti sindacali confederali delle segreterie provinciali e di categoria di CGIL, CISL e UIL.

Nell’incontro è stata illustrata la situazione relativa al Trasporto Pubblico Locale, in vista della scadenza (giugno 2020) fissata dalla legge regionale per l’espletamento della gara per il nuovo gestore unico del servizio bus sull’intero territorio provinciale.

Due le principali problematiche oggetto dell’incontro. Da un lato l’insufficiente livello di trasferimenti regionali per il funzionamento del servizio. Servizio che attualmente si regge su una contribuzione, che non ha eguali nel territorio lombardo, da parte della Provincia e del Comune di Brescia per 11 mln € all’anno (vale a dire il 19% dell’offerta complessiva di servizio su gomma nell’intero territorio provinciale). Dall’altro i nuovi fabbisogni di mobilità, stabiliti nel 2017 da regione Lombardia, che, contrariamente alle necessità di un potenziamento dell’offerta di servizio in un territorio che ha avuto un incremento demografico ben maggiore della media regionale, prevedono invece una riduzione di servizio a livello sia urbano sia soprattutto extraurbano.

Per porre rimedio a questa situazione, il Consiglio Regionale nel dicembre 2018 ha approvato all’unanimità un Ordine del Giorno con il quale si “impegna la Giunta regionale a verificare nel corso del 2019, con decorrenza 2020, misure integrative o correttive della d.g.r. n. 7644/2017, volte ad assicurare al bacino di Brescia un livello di risorse regionali che sia corrispondente al grado di servizio”. Tale Ordine del Giorno, tuttavia, ad oggi è rimasto privo di attuazione.

I rappresentanti del Sindacato, nel prendere atto del quadro della situazione e delle criticità espresse, hanno condiviso la necessità di mettere in campo adeguate iniziative per scongiurare il rischio che il territorio bresciano veda significativamente ridursi il proprio livello di servizio di trasporto pubblico, con ricadute negative sul piano sociale, ambientale ed occupazionale.

La preoccupazione emersa dal confronto odierno si è tradotta nell’impegno dei presenti a mantenere attiva una interlocuzione e un confronto sul punto, in vista delle importanti scadenze che attendono il trasporto pubblico bresciano.

Sei in vacanza ma non vuoi guidare? Ecco con chi noleggiare un NCC a Milano

in Economia/Trasporti by

Sei in vacanza in viaggio per lavoro, o finalmente ti hanno concesso le sospirate ferie ma non vuoi guidare? Ecco dove noleggiare un NCC Milano, città magnifica, capoluogo lombardo di origine celtica chiamato all’epoca Medhelan,  oggi è una metropoli dai mille volti, frenetica caotica ma terribilmente affascinante. Molti stranieri la scelgono per passare le vacanze anche se non è affacciata sul mare. Milano è cosi istrionica e attraente da essere adatta anche a viaggi di relax, culturalmente ricca, e animata da una movida notturna rutilante sa offrire di tutto e più di tutto anche al turista più esigente. La città meneghina offre anche servizi di ogni genere e sempre all’avanguardia, anche per quello che concerne i mezzi di trasporto. Ad esempio, se si dovesse cercare un NCC Milano, si ha la possibilità di usufruire di Guidoo.

Guidoo: cos’è

Guidoo è un servizio di autonoleggio con conducente, personalizzabile in base a tutte le vostre esigenze.

Costituito da un team di autisti iscritti all’albo del servizio pubblico, Guidoo si basa sulla possibilità di usufruire di mezzi confortevoli e adatti ad ogni tipologia di spostamento. Senza contare il fatto che possiedono tantissimi extra, tra cui:

  • Servizio seggiolini per offrire ai bambini il massimo della sicurezza
  • Prese usb e Wi-Fi a bordo
  • Riviste, bevande, caramelle, salviettine

E tanto altro ancora…

Nel caso del Lago di Garda, Guidoo rappresenta la scelta più idonea per chi avesse intenzione di esplorare tutte le aree limitrofe, in totale relax e con un conducente professionista a disposizione.

Ulteriori informazioni

I prezzi di Guidoo sono davvero super convenienti nonostante i servizi messi a vostra disposizione risultino di qualità. A differenza dei taxi, che non possiedono chissà quanti optional ed allo stesso tempo vengono a costare un occhio della testa!

Tra l’altro, nel caso in cui non parlate perfettamente l’italiano o viaggiate insieme a parenti/amici stranieri, potrete selezionare il veicolo che più fa per voi a seconda della lingua parlata, ad esempio inglese, tedesco, cinese ed arabo (escludendo ovviamente italiano).

Per quanto riguarda l’efficienza, Guidoo è un servizio che agisce in maniera precisa e puntuale, sempre a seconda delle vostre esigenze.

E non è tutto. Noi vi abbiamo appena parlato di Guidoo facendo riferimento al contesto del Lago di Garda ma in realtà si tratta di un servizio disponibile anche per altre zone della Lombardia tra cui Milano, Bergamo, Lago di Como e d’Iseo. E visto il successo registrato nell’ultimo periodo, è probabile che a breve sarà introdotto in altre località italiane.

Insomma, non si può chiedere di meglio!

Se siete interessati ad un tour nei pressi del Lago di Garda (sia che si tratti di un viaggio di piacere o di lavoro), date un’occhiata al sito ufficiale di Guidoo, dove avrete la possibilità di richiedere un preventivo e di scoprire un intero universo di opzioni, fatti su misura per voi.

Che aspettate? Buttatevi alla scoperta di uno dei laghi più belli d’Italia!

Gomme invernali, 76mila lombardi non rispettano la regola

in Economia/Trasporti by
Pneumatici

Dal 15 novembre è scattato l’obbligo, valido fino al 15 aprile, di montare pneumatici invernali/quattro stagioni o, in alternativa, di avere a bordo catene da neve; ma gli automobilisti lombardi rispettano questa regola? Secondo l’indagine commissionata da Facile punto it a mUp Research e Norstat*, nonostante l’obbligo, in Lombardia nell’ultimo anno circa 76.700 guidatori hanno viaggiato senza la strumentazione obbligatoria.

Estendendo l’analisi a livello nazionale, il numero di automobilisti che nell’ultimo anno non si è dotato di dispositivi antisdrucciolo è pari a circa 1,2 milioni, ma quest’anno, secondo quanto emerso dall’indagine, la platea di italiani potenzialmente a rischio multa potrebbe essere addirittura più ampia e arrivare a 1,7 milioni.

Va precisato che l’obbligo di montare pneumatici invernali o avere a bordo catene da neve nel periodo indicato dalla legge vale solo per quelle strade dove l’ente proprietario del tratto ha prescritto, tramite apposita ordinanza e segnaletica, tale obbligo. Chi percorre queste strade senza l’equipaggiamento antisdrucciolo rischia una multa che può arrivare, a seconda del contesto e delle condizioni metereologiche, fino a 168 euro nei centri abitati e a 335 euro sui tratti extraurbani e autostradali.

Come si sono comportati invece gli automobilisti lombardi che si sono adeguati alla norma? La scelta più condivisa nell’ultimo anno è stata quella di montare gomme invernali; in Lombardia lo ha fatto circa 1 automobilista su 2. Al secondo posto si trovano le catene da neve, trasportate dal 25% degli automobilisti residenti nella regione, mentre il restante 19% ha optato per le gomme quattro stagioni.

Gomme invernali, obbligatorie o no?

L’indagine ha voluto infine indagare il grado di conoscenza degli automobilisti lombardi rispetto alle indicazioni di legge in relazione ai dispositivi di sicurezza; alla domanda “Secondo lei è obbligatorio avere in auto le catene da neve o, comunque gli pneumatici invernali/quattro stagioni”, il 90% ha risposto affermativamente. 

Un dato certamente positivo, anche se andando ad indagare più da vicino il livello di conoscenza dei rispondenti, emerge chiaramente come le opinioni siano differenti e non sempre corrette. Tra coloro che hanno dichiarato che le catene e gomme invernali sono obbligatorie, solo nel 45% dei casi hanno saputo indicare con esattezza il periodo e le condizioni nelle quali è necessario dotarsi di tale strumentazione. Molto spesso, invece, si ritiene erroneamente che durante l’inverno siano obbligatorie ovunque (50%) o solo quando si viaggia in montagna (18%). Vi è addirittura un 4% che crede che questi dispositivi siano obbligatori tutto l’anno; convinzione errata quando si parla di gomme invernali che, al contrario, vanno sostituite con pneumatici estivi dopo il 15 aprile.

Come organizzare grandi spedizioni

in Economia/Trasporti by
Camion, foto generica

Un conto è organizzare una spedizione di un pacco un altro è organizzare una grande spedizione, come possiamo farlo? Scoprilo in questo articolo!

Ogni grande azienda che vende i suoi prodotti in tutto il mondo o anche solo in Europa o in Italia ha bisogno di saper organizzare perfettamente la logistica delle sue spedizioni. Per farlo bisogna sapersi muovere al meglio in questo campo e trovare una società affidabile a cui affidarsi. In questa breve guida cercheremo di darti i consigli principali che devi seguire quando hai bisogno di organizzare grandi spedizioni per non farti cogliere impreparato e soprattutto per offrire sempre ai tuoi clienti il servizio migliore che possano desiderare.

Organizza la tua azienda per le spedizioni

Non puoi pensare di spedire la tua merce se la tua azienda non è perfettamente organizzata per le spedizioni. Ogni grande azienda ha in genere un settore apposito che è definito con il termine di logistica. La logistica si impegna a produrre i documenti e le fatture necessarie, si occupa di preparare la spedizione sotto ogni aspetto. Proprio per questo sarebbe bene che ogni azienda oltre a disporre di dipendenti che si occupino di questo settore e di un software che possa supportare il lavoro. Tramite un software possiamo controllare gli ordini in entrata, le spedizioni da preparate, le spedizioni in corso e le spedizioni eseguite.

Scegli una ditta di trasporti

Scegli una ditta di trasporti affidabile, seria e onesta. Stipula un pacchetto di spedizioni con formula contrattuale ed assicurati che ci siano diversi format di spedizione. Potrebbe infatti succedere che una spedizione sia più grande di un’altra e quindi il contratto deve coprire il costo di ogni genere di spedizione. Calcola un numero di spedizioni previste durante un anno e in base a quella richiedi più preventivi possibili. Per trovare le aziende ti basta cercare online ad esempio autotrasporti Bergamo ed imbatterti in tutti i professionisti in questa zona. Richiedi sempre più di un preventivo prima di effettuare la tua scelta e considera affidabilità e competenza di ogni azienda per assicurarti un servizio eccellente.

Stipula sempre un’assicurazione insieme al contratto

Non dimenticarti di stipulare un’assicurazione sulle spedizioni insieme al contratto delle stesse. In caso così di smarrimento dei pacchi, rottura o danneggiamenti vari sarai risarcita dall’assicurazione. Non è insolito che un pacco durante il trasporto possa danneggiarsi e con lui anche la merce al suo interno.

Acquista quanto necessario per organizzare le spedizioni

Avrai sicuramente bisogno di scatole vuote in cartone, pallet e pellicola trasparente per organizzare una spedizione ma anche di pluriball la carta da imballaggio per impedire il danneggiamento della merce e carta adesiva per realizzare le etichette da apporre su ogni pacco.  Questo ti permetterà di essere sempre pronta per ogni spedizione.

Una volta considerati tutti questi fattori sarai pronta per organizzare grandi spedizioni da inviare in tutta Italia e anche all’Estero. L’importante è sempre affidarsi ad un’azienda valida nelle consegne e nel trasporto di merci così da poter offrire ai clienti il miglior servizio di sempre.

Bergamo, l’aeroporto di Orio festeggia i 13 milioni di passeggeri all’anno

in Economia/Trasporti by

L’Aeroporto di Milano Bergamo ha festeggiato per la prima volta il transito del 13milionesimo passeggero dell’anno. Un nuovo record nel trend in crescita del movimento passeggeri, che nel corso del 2019 registra un incremento del 6,5% rispetto allo scorso anno.

Il 13milionesimo passeggero del 2019 è risultato essere Annabella Cremonte, di professione insegnante di yoga, residente a Voghera, in partenza con volo Alitalia AZ 2153 delle ore 11:10 per Roma Fiumicino, da dove ha deciso di proseguire per la destinazione finale di New Delhi.

La passeggera Annabella Cremonte è stata premiata da Giovanni Sanga, presidente SACBO.

Pmi, la Regione rifinanzia con 3 milioni il bando a sostegno di manifatturiero e trasporti

in Bandi/Economia/Edilizia/Manifatturiero/Trasporti by

Le Piccole e Medie imprese lombarde, costituite e iscritte al Registro delle Imprese da almeno 24 mesi, potranno accedere al fondo di garanzia ‘Al Via’ gestito da Finlombarda.

La Giunta di Regione Lombardia ha infatti ha approvato una delibera, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, in cui sono ricollocati, nello stesso fondo di garanzia, altri 3 milioni di euro a favore delle imprese. I settori interessati sono quello del manifatturiero,
delle costruzioni, dei trasporti, dell’agromeccanico e dei servizi alle imprese iscritte all’Albo Regionale

MATTINZOLI: AL FIANCO DI CHI LAVORA – “Questa e’ una misura che risponde alle esigenze delle nostre imprese e alla loro
crescita”, ha detto l’assessore Mattinzoli.  “Un sostegno concreto per gli investimenti strategici, come l’acquisto di macchinari ed immobili o per interventi strutturali e di riconversione e rilancio delle aree produttive. Ancora una volta Regione Lombardia dimostra di essere al fianco di chi lavora, di chi produce” ha concluso l’esponente della Giunta lombarda.

MISURA AGEVOLATA – La misura agevolativa a favore delle imprese del ‘Fondo ‘Al via’, si compone di un finanziamento, una  garanzia gratuita sul finanziamento; un contributo a fondo perduto in conto capitale. Dopo la delibera verranno varati i provvedimenti attuativi.

A4 Holding, il nuovo presidente è Gonzalo Alcalde Rodríguez

in Economia/Nomine/Trasporti by
Gonzalo Alcalde Rodríguez, presidente A4 Holding

Il Consiglio di Amministrazione di A4 Holding, società del Gruppo Abertis che gestisce le autostrade A4 Brescia-Padova e A31 Valdastico, rende noto che Gonzalo Alcalde Rodríguez, manager spagnolo da due mesi alla direzione di A4 Holding, è stato nominato nuovo Presidente del Consiglio di Amministrazione, succedendo così a Carlos del Río Carcaño, fino ad oggi ai vertici della società.

Il Consiglio di Amministrazione risulta ora così composto: presidente Gonzalo Alcalde Rodríguez, consiglieri Laura Grau Blasi, Sergi Loughney, Daniel Ventín, Jordi Fernández Montolí, José Aljaro Navarro, Costantino Toniolo.

Gonzalo Alcalde Rodríguez

Dirigente con oltre 25 anni di esperienza nel settore delle infrastrutture e delle autostrade, Gonzalo Alcalde Rodríguez è un manager di comprovata esperienza in pianificazione strategica, fusioni e acquisizioni societarie, accordi di concessione e progetti infrastrutturali.

Classe 1966 originario di Madrid, laureato in ingegneria civile al Politecnico della stessa capitale spagnola, il nuovo Direttore Generale di A4 Holding ha ricoperto fino a ottobre 2019 il ruolo di Ceo in Autopistas Metropolitanas de Puerto Rico, il maggior operatore delle strade a pedaggio dello Stato caraibico e precedentemente, per circa un ventennio, è stato manager della spagnola Autopista Vasco Aragonesa, fino ad assumere il ruolo di amministratore delegato, occupandosi nel 2009 in prima persona della integrazione societaria con il Gruppo Abertis.

A4 Holding

Attiva da oltre 65 anni nella progettazione, realizzazione e gestione di grandi infrastrutture viarie, A4 Holding occupa oggi 594 addetti. Nel 2018 ha generato 432 mln di euro di ricavi e gestisce attualmente 235 km di autostrade e 60 di tangenziali nel Nord Est italiano. Del Gruppo fanno parte la società Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova S.p.A., nata nel 1952 da una alleanza di enti pubblici ed economici e che amministra in concessione le tratte A4 Brescia-Padova e A31 Valdastico, la società A4 Trading che assolve il compito di gestione delle aree di servizio e di sosta, parcheggi per automezzi pesanti e servizi di accoglienza al viaggiatore e A4 Mobility attiva nei sistemi di pedaggio, controllo del traffico, verifica e sicurezza degli accessi e progetti legati alla smart mobility.

Dal 2016 A4 Holding fa parte del Gruppo Abertis, gestore di oltre 7.759 Km di strade a pedaggio e presente in 15 paesi fra Europa, Asia e le Americhe.

Mobilità elettrica, a Brescia le imprese sono 332

in Economia/Tendenze/Trasporti by
Auto elettrica, foto generica da Pixabay

Cambia la mobilità e diventa sempre più elettrica e sharing. Nei settori coinvolti, tra fabbricazione di batterie, apparecchiature elettriche per autoveicoli, impianti elettrici per alimentare auto, noleggio di autoveicoli leggeri e di bici,  ci sono 775  imprese a Milano su 2 mila in Lombardia e 15 mila in Italia. Cresce il settore a Milano, in regione e in Italia, +1%. Sono 16 mila gli addetti milanesi su un totale regionale di 32 mila e nazionale di 87 mila. Concentrato su Milano il fatturato di 2,6 miliardi su 6 miliardi lombardi rispetto ai 20 miliardi nazionali. Prima Roma con mille imprese (+3% in un anno), seguita da Milano con 775 (+1%), Napoli con 726 (+4%), Torino con 517. Poi ci sono Bari (446), Catania (374, +7%), Salerno (335, +4%), Brescia (332).

Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati del Registro delle imprese al secondo trimestre 2019.

Le imprese della meccatronica. Parliamo di quasi 77mila imprese in Italia che si devono allineare alle nuove tecnologie, oltre 11mila in Lombardia e 3mila nella sola Milano, per un numero di addetti che in tutto il Paese supera quota 200mila unità (35mila addetti in Lombardia, 10mila a Milano, oltre 2.700 a Monza Brianza, quasi mille a Lodi).

La rivoluzione 4.0 nell’Industria dei trasporti | INNOVATION CLUB

in Aziende/Evidenza/Innovation club/Innovazione/Rubriche/Trasporti by
Smart transit

SMART TRANSIT è la soluzione per il controllo e la gestione delle flotte di trasporto pubblico. Grazie alla sua estrema versatilità, è in grado di gestire l’azienda in tutte le sue componenti e fornire agli utenti del sistema molteplici servizi e funzionalità.

Fleet Control

Consente un controllo in tempo reale dello stato di esercizio della flotta, fornendo informazioni relative al posizionamento e allo stato dei mezzi, in modo da controllare l’aderenza del programma di esercizio reale rispetto a quello schedulato. Inoltre, grazie ad una sensoristica avanzata a bordo mezzo, è in grado di rilevare dinamicamente il carico di passeggeri a bordo (domanda passeggeri in tempo reale), la qualità del servizio e l’eventuale presenza di passeggeri sprovvisti di titolo di viaggio.

Geo-Analyst

Grazie ad un’analisi spaziale avanzata dei dati, è in grado supportare l’azienda nella pianificazione di nuovi servizi e/o modifica di quelli esistenti. Rilevando gli spostamenti degli utenti nelle zone limitrofe alla linea di bus, è possibile istituire nuovi servizi in aree geografiche non attualmente servite da alcuna linea, rimodulare le fermate e i percorsi delle linee esistenti ed eventualmente localizzare nuovi punti vendita per i titoli di viaggio.

Ticketing

Offre agli utenti il servizio di ticketing on-line fruibile mediante App  dedicata da apparati mobili (tablet, smartphone etc.) e fissi, garantendo informazioni aggiornate su corse, iniziative ed eventuali variazioni del servizio.

Comfort

Permette ai passeggeri di avere informazioni in tempo reale sulla loro tratta e le condizioni della vettura accedendo all’App mobile dedicata. I sensori a bordo del veicolo mostreranno la sua posizione lungo il percorso stimando i tempi di arrivo, insieme ad altre informazioni come la temperatura e la qualità dell’aria nel mezzo e la presenza in stiva del bagaglio imbarcato. Gli utenti potranno segnalare in tempo reale eventuali problemi a bordo e infine valutare la qualità generale del servizio.

Maintenance

Consente di gestire le attività di manutenzione effettuate sui mezzi. Con un check in tempo reale di tutte gli impianti e mediante specifici algoritmi avanzati e sensori di bordo è in grado di segnalare anomalie sul funzionamento dei mezzi durante l’esercizio ordinario, consentendo una gestione della manutenzione di tipo “predittivo”, senza aspettare che si verifichi il guasto.

Voice of Customer

Il modulo crea un dialogo continuo tra l’azienda di trasporti ed il cliente basato su tre principali modelli innovativi: il primo riguarda il canale, con il superamento di quelli che erano i metodi e le tecniche tradizionali di rilevazione del dato. Basti pensare alla possibilità delle interfaccia di conversazione come Messenger, per esempio. La soluzione integra i percorsi di “voice of customer” all’interno delle stesse proprietà digitali dei brand come i loro siti internet o le app, offrendo un valore aggiunto agli stessi strumenti delle aziende. Oltre a ciò, la piattaforma mette a disposizione l’utilizzo di dispositivi di geolocalizzazione che attivano la possibilità di percorsi di voice of customer nello stesso momento in cui avviene l’esperienza con il brand, riducendo così il problema del falso ricordo.

Entertaiment

Consente di ingaggiare gli utenti in meccaniche di “Gamification” grazie a giochi e attività dedicati accessibili tramite smartphone e l’apposita App . Accumulando punti ed obiettivi ad ogni accesso, gli utenti potranno divertirsi, condividere i loro traguardi sui social e acquisire bonus (coupon, titoli di viaggio, oggetti virtuali), migliorando la loro esperienza generale e avviando un processo di fidelizzazione e customer generation a beneficio dell’azienda.

SMART TRANSIT presuppone l’implementazione di hardware che includa per ogni mezzo di trasporto pubblico un’unità di bordo (single board cpu, GNSS receiver, sim card), videocamere alle porte di ingresso/uscita passeggeri, sensoristica per l’acquisizione dei parametri ambientali/cinematici e opportuni cablaggi.

SMART TRANSIT è stato presentato all’evento del 6 Giugno presso UNICAL: www.innovationclub.it/innovazionetrasportopubblico

Per maggiori approfondimenti: www.somos.srl/transit/

Studio su Brebemi: benefici per logistica, imprese, immobili e ambiente

in Economia/Trasporti by
Brebemi

La realizzazione della Brebemi ha generato benefici diretti e ricadute indirette su un territorio che interessa 5 Province, 114 Comuni, 640.000 abitanti e 250.000 lavoratori. I benefici diretti sono soprattutto quelli economici, con una riduzione del costo del trasporto (tempi, carburante, costi operativi), ambientali con una diminuzione delle emissioni di CO2 e dell’inquinamento ambientale e acustico e sociali, con una riduzione dell’incidentalità. Per quanto riguarda i benefici indiretti, ha particolare rilevanza la maggiore connessione dei territori che ha impatti positivi sul sistema logistico/produttivo, con una maggiore competitività delle imprese attive, sull’occupazione generata dai nuovi insediamenti e dalla crescita delle imprese esistenti, sul settore immobiliare con un aumento delle transazioni e, di conseguenza, dei valori immobiliari. Migliorata l’accessibilità a Milano, Brescia e tutti i centri urbani lungo il tracciato (qualità della vita, ospedali di Milano e Brescia, Aeroporto di Linate) e la visibilità dei comuni attraversati da A35 Brebemi.

Questi i principali numeri dello studio realizzato da AGICI Finanza d’Impresa e presentato alla presenza, fra gli altri del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e degli assessori Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile) e Raffaele Cattaneo (Ambiente e Clima).

FONTANA: BREBEMI STA AVENDO GRANDE SUCCESSO – Secondo il presidente Fontana gli effetti “sono molto positivi. Certo ci vuole tempo perché un’infrastruttura venga riconosciuta, accettata e utilizzata. Alla fine però la Brebemi sta avendo un grande successo. La stessa cosa è successa con la prima parte della Pedemontana che, pur non essendo ancora completata, sta avendo incrementi di utilizzo che raddoppiano ogni anno. Quindi evidentemente la nostra zona ha fame di infrastrutture, ma soprattutto ne ha necessità”.

TERZI: UNA VERA E PROPRIA OPERAZIONE VERITA’ – “Abbiamo assistito – ha spiegato Terzi – a una vera e propria ‘operazione verità’. La ricerca dimostra con dati oggettivi come la Brebemi abbia portato notevoli benefici per i territori che attraversa. L’opera ha determinato un incremento degli insediamenti imprenditoriali che a loro volta hanno generato, ed ? questo il numero più importante, 3.700 nuove assunzioni. Il settore protagonista di questa stagione di rilancio è, senza dubbio, la logistica, che in Lombardia vale circa 10 miliardi di euro, pari a qualcosa come il 25/30% del fatturato a livello nazionale. La
nostra attenzione alle esigenze del comparto resta alta, e proprio tra meno di un mese faremo un bilancio del lavoro svolto
di concerto con Piemonte e Liguria durante gli Stati generali della Logistica del Nord Ovest che si terranno a Palazzo Lombardia. Tornando ai vantaggi generati dalla A35, sottolineo come questa abbia consentito di sgravare i centri abitati dal passaggio del traffico pesante con un miglioramento della qualità della vita dei cittadini, per non parlare dell’aumento dei flussi turistici dovuto alla facilità di accesso a questi territori”.

IL ‘CASO BREBEMI – “Ritengo si debba parlare di un caso Brebemi – ha proseguito Terzi – anche per come questa ha saputo armonizzarsi con il contesto attraverso le opere compensative di carattere ambientale. Da bergamasca so bene quanto la Brebemi abbia rappresentato una svolta positiva per l’economia territoriale. E da assessore alla partita so che dobbiamo andare avanti nell’infrastrutturazione virtuosa della Lombardia e continueremo a impegnarci per questo”.

CATTANEO: RICADUTE POSITIVE ANCHE SULL’AMBIENTE – “Nell’elenco dei benefici legati a quest’opera – ha affermato Cattaneo – ci sono evidentemente le ricadute dirette di tipo ambientale. Un aspetto che, insieme ai fattori economici, sociali e di occupazione, non va trascurato per l’impatto sulla riduzione delle emissioni nocive in atmosfera. L’esperienza concreta evidenzia come sciogliendo il nodo del traffico l’impatto sull’ambiente e sulle emissioni si riduce, favorendo ricadute positive per la salute di tutti. Occorre evitare l’approccio ideologico e ritornare al realismo che in questi anni ha favorito la realizzazione di opere stradali e ferroviarie insieme per migliorare anche l’ambiente in cui viviamo. Infrastrutture e ambiente non sono nemici: esperienze come la realizzazione di Brebemi lo dimostrano”.

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti