Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Istituzioni

Lombardia, via libera alle nuove regole per la rete di impianti Gpl e Metano

in Economia/Istituzioni/Regione by
Benzinaio, foto generica da Pixabay

Il Consiglio regionale, presieduto da Alessandro Fermi, ieri pomeriggio ha approvato all’unanimità il nuovo programma di qualificazione e ammodernamento della rete di distribuzione dei carburanti (relatrice Claudia Carzeri, Forza Italia).

L’obiettivo è quello di assicurare un’adeguata ed equilibrata copertura del prodotto Gpl stabilendo la presenza sulle strade ordinarie di almeno un impianto Gpl ogni 16.800 abitanti e 1ogni 45.000 per quelli di distribuzione di metano per autotrazione.
Le nuove norme intendono aumentare gli standard di sicurezza e qualità urbanistica degli impianti, consentendo anche al gestore di integrare la sua attività con servizi “collaterali” a quello di rifornimento di carburante. Il provvedimento approvato oggi introduce inoltre agevolazioni per chi aprirà distributori nelle zone più carenti (aree di montagna e piccoli Comuni) e prevede incentivi finalizzati alla modernizzazione degli impianti.

Forte attenzione – ha detto la relatrice Carzeri – è stata data negli ultimi anni all’ambiente. In 10 anni l’erogato della benzina è stato visibilmente ridotto mentre il gasolio è cresciuto e il GPL sta sempre più prendendo piede. Questo atto regionale non può che migliorare questa situazione garantendo efficienza dei servizi, diffusione e sostenibilità ambientale. Con questo provvedimento di revisione e aggiornamento viene data una svolta ancora più innovativa al settore lombardo”.

In sede di discussione generale è intervento il Consigliere del Movimento Cinque Stelle Raffaele Erba, che ha sottolineato il contributo del suo gruppo al provvedimento in relazione all’attenzione che Regione Lombardia deve prestare alla mobilità elettrica e alla diffusione delle colonnine di ricarica dei veicoli e il Sottosegretario con delega ai rapporti con il Consiglio Regionale Fabrizio Turba (Lega), che ha portato i ringraziamenti dell’Assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, per un provvedimento, ha detto, “che è basato su un’analisi approfondita della rete distributiva e delle principali tendenze in corso, che è stato oggetto di confronto e condivisione sia con gli stakeholder di riferimento nell’ambito della consulta regionale carburanti sia con la quarta commissione che l’ha approvato all’unanimità”.

Bilancio, da Regione Lombardia ok a manovra: “meno tasse e più investimenti”

in Bilanci/Economia/Istituzioni/Regione by

Regione Lombardia prosegue nella politica di riduzione della pressione fiscale e garantendo le agevolazioni esistenti e, in coerenza con le priorità del proprio programma di governo, garantisce continuità a provvedimenti strategici come le misure per il miglioramento della qualità dell’aria, gli investimenti per l’acquisto nuovi treni e il potenziamento infrastrutturale.

Grande attenzione anche per gli interventi di carattere sociale con il mantenimento di ‘Nidigratis’ (17,2 milioni nel 2020, 35 milioni annui sia per il 2021 che per il 2022), ‘DoteSport’ (19 milioni) e l’integrazione scolastica degli alunni disabili (12 milioni nel 2020, altrettanti nel 21 e ulteriori 12 nel 2022, per un totale di 36 milioni nel triennio).

Così, in estrema sintesi, può essere inquadrato il ‘Progetto di Legge di Bilancio’ approvato oggi dalla Giunta regionale della Lombardia su proposta dell’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione, Davide Caparini.

Ora il documento passerà al vaglio delle Commissioni Consiliari per poi approdare in Aula, per il voto finale in Consiglio regionale, a metà dicembre.

Guardando più specificatamente agli investimenti previsti della manovra di bilancio 2020-2022 approvata in Giunta si segnalano investimenti aggiuntivi per un valore di circa 159 milioni nel 2020 e di circa 181 annui nel 2021 e 2022 destinati alle misure prioritarie già individuate nel programma di governo regionale.

“E’ l’inizio di un percorso – spiega l’assessore Caparini – che si arricchirà del contributo del Consiglio Regionale anche alla luce della manovra di bilancio statale. A tal fine, stiamo lavorando a nuovi incentivi fiscali su bollo auto e le altre entrate regionali per alleviare il carico fiscale dei lombardi. Sottolineo l’attenzione al sostegno alle famiglie e alle attività produttive (85 milioni nel triennio per incentivi alle imprese e 33 milioni nel triennio per il sostegno nel settore del commercio), oltre alle politiche per lo sviluppo sostenibile che guardino alla tutela dell’ambiente (24 milioni nel triennio)”.

Dal 2020 la Lombardia, grazie al proficuo lavoro fatto in sede di conferenza Stato-Regioni, potrà inoltre fare affidamento anche su nuove risorse, tra cui, 39,4 milioni di euro per il prossimo anno e 143 milioni sino al 2034 per le politiche ambientale.

Tra i temi centrali, anche la messa in sicurezza di territorio (47milioni nel 2020, 45 milioni nel 2021 e 33 milioni nel 2022), con particolare attenzione ai Piccoli Comuni e a quelli di montagna (21 mln nel triennio per interventi a favore della montagna), interventi in materia di ordine pubblico e sicurezza urbana (8,2 milioni nel triennio di risorse correnti); i Grandi eventi come il Gran Premio di Monza (15 milioni) e le Olimpiadi 2026 e le ratifiche delle intese interregionali delle ciclovie.

Un’attenzione specifica, infine, è rivolta al pieno utilizzo delle risorse comunitarie. “Nella recente missione a Bruxelles – aggiunge l’assessore Caparini – il presidente Fontana ha sottolineato la bontà dell’azione fin qui messa in campo da Regione Lombardia, ma allo stesso tempo, confrontandosi con gli Uffici e con gli europarlamentari italiani ha chiesto loro di rendere ancor più stretta la collaborazione e il dialogo per godere al massimo delle possibilità offerte dai contributi comunitari”.

Bandi, piano cave e non solo: ecco di cosa hanno parlato costruttori e Provincia

in Economia/Edilizia/Istituzioni/Provincia di Brescia by

Si è svolto lunedì un incontro tra la struttura dirigenziale della Provincia di Brescia e il Collegio Costruttori. Per la Provincia erano presenti anche il Vice Presidente, Guido Galperti, e il Consigliere delegato ai Lavori Pubblici, Antonio Bazzani. Per il Collegio Costruttori il Presidente Massimo Deldossi.

L’incontro si è svolto all’insegna della collaborazione, di un proficuo scambio di opinioni e di una riflessione su quanto può essere fatto per favorire il lavoro, l’impresa e lo sviluppo.

In particolare i temi trattati riguardano:

  • La costruzione dei bandi di gara, con particolare riferimento alle questioni relative all’Accordo quadro – manutenzioni strade, per un importo di 45milioni di euro su 4 anni, e all’Accordo quadro – manutenzioni immobili, per un importo di 18miloni di euro, sempre spalmati nell’arco di 4 anni.
  • L’approvazione da parte del Consiglio provinciale del Piano Cave della Provincia di Brescia, che avverrà entro il 31 dicembre 2020.
  • L’eventuale ingresso della Provincia nell’Associazione di Studio e Ricerca Campus, dove già si confrontano ANCE Brescia, Comune di Brescia, Camera di Commercio, Università e AIB.
  • Lo stato dell’arte, con la presumibile approvazione entro il 31 dicembre 2019, del Protocollo d’Intesa tra l’Amministrazione Provinciale e il Collegio Costruttori in ordine al rafforzamento della Legalità in edilizia e al Patto, sempre tra i due enti, d’Integrità.
  • L’ipotesi di costituzione di un Comitato tecnico tra i due soggetti per il monitoraggio dei problemi giuridici inerenti lo sviluppo dell’attività edile della nostra provincia.

Centro Padane Srl apre ai Comuni: il primo ad entrare è Berzo Demo

in Economia/Istituzioni/Provincia di Brescia/Servizi by
Da sinistra per chi guarda: Fabrizio Scuri (presidente Centro Padane), Rosolino Azzali (vicepresidente Provincia Cremona), Samuele Alghisi (presidente Provincia Brescia), Andrea Daconto (Cda Centro Padane) e Bruna Gozzi (Cda Centro Padane).

Via libera, questa mattina, alla proposta di aprire le quote della società Centro Padane Srl ad altri enti pubblici, mantenendo comunque fermo il principio della parità di rappresentanza tra i territori di Brescia e Cremona nella compagine sociale.

A deciderlo sono stati, durante la parte straordinaria dell’assemblea convocata a Cremona, i due soci fondatori della società nata da una costola di Autostrade Centro Padane con l’obiettivo di supportare le amministrazioni locali nella gestione, direzione lavori e pianificazione di opere stradali e di edilizia pubblica, nella manutenzione straordinaria delle strade e nella definizione di progetti di smart road.

La Provincia di Brescia e la Provincia di Cremona, che detengono ciascuna il 50 per cento delle quote, hanno infatti deliberato un aumento di capitale a 625mila euro, di cui 125mila destinati ai nuovi soci (tecnicamente l’aumento di capitale è di 209.266 euro di cui 125mila a capitale sociale e 84.266 a  riserva sovrapprezzo). Il primo Comune ad aderire sarà Berzo Demo (Bs), che ha già deciso di affidare un’importante attività di progettazione e direzione lavori alla società guidata da Fabrizio Scuri. Ma ben presto ne seguiranno, sempre con quote minoritarie, altri.

“Stiamo lavorando per portare valore ai nostri soci”, ha detto  il presidente Fabrizio Scuri, “e siamo ben lieti di accoglierne altri, nell’ottica di estendere i benefici attraverso le economie di scala. Nei prossimi mesi noi organizzeremo diversi incontri per spiegare l’opportunità agli enti locali: se altri Comuni o Enti pubblici sono interessati si facciano avanti”.

“La partnership con Cremona”, ha sottolineato il presidente della provincia di Brescia Samuele Alghisi, “sta già dando frutti importanti: Centro Padane ha già dimostrato di poter essere sempre più uno strumento utile per tutte le amministrazioni locali nell’obiettivo di gestire in efficienza e con standard qualitativi elevati numerosi servizi essenziali per i cittadini”.

Nella parte ordinaria dell’assemblea di oggi, inoltre, i soci hanno ratificato la previsione dei conti 2019, che – salvo sorprese – si chiuderanno in equilibrio con  ricavi per 1,17 milioni di euro derivanti per quasi l’80 per cento da direzioni lavori e verifiche tecniche, per il 16 per cento da attività di progettazione e per il 6 da attività innovative (il costo del personale incide sulle spese per il 25 per cento). E’ previsto un utile post imposte di 32mila euro.

 

 

Acquisto di beni e servizi, la Regione Lombardia nel 2019 ha risparmiato un miliardo di euro

in Economia/Istituzioni/Regione by

“Nel 2019 Regione Lombardia ha già risparmiato oltre un miliardo di euro negli acquisti di beni e servizi per i cittadini con l’aggiudicazione di 125 gare”. I lotti aggiudicati – informa una nota – sono 4.405 per un importo di oltre 7,7 miliardi a base d’asta e un risparmio complessivo di 1,2 Miliardi di euro.

Lo rende noto l’Azienda Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti ARIA S.p.A. nata il primo luglio 2019 dalla fusione di ARCA e Lombardia Informatica.

Per esempio, nell’acquisto di farmaci e servizi sanitari sono stati risparmiati oltre 750 milioni di euro mentre l’Information Communication Technology (ICT) ha consentito economie pari a 127 milioni di euro.

“La Lombardia – commenta l’assessore al Bilancio, Finanze e Semplificazione, Davide Caparini – prosegue nella politica di contenimento dei costi e di ottimizzazione degli acquisti per liberare sempre piu’ risorse da destinare al miglioramento dei servizi ai cittadini. Un plauso al management di ARIA che si sta impegnando in questa imponente opera di riorganizzazione ed efficientamento”.

Imprese e professionisti, bando da 100 milioni con Credito Adesso

in Bandi/Economia/Istituzioni/Regione by
Imprese del settore credito

E’ aperto il bando rivolto a imprese e professionisti ‘Credito Adesso’. L’iniziativa di Regione Lombardia e Finlombarda Spa mira a promuovere lo sviluppo di aziende e professionisti lombardi: 100 milioni di euro di finanziamenti (40 milioni da Finlombarda Spa su provvista della Banca europea per gli investimenti – Bei e 60 milioni dalle banche convenzionate) e accesso semplificato per tutte le imprese beneficiarie.

MATTINZOLI: BANDO SEMPLICE E UTILE – “Con questa misura – ha commentato l’assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli – dimostriamo ancora una volta l’attenzione della Regione Lombardia verso le esigenze del nostro tessuto produttivo. Si tratta di un provvedimento che nasce e si sviluppa all’insegna della concretezza e della sburocratizzazione”.

CHI PUO’ FARE DOMANDA – Potranno accedere al bando le pmi (imprese con meno di 250 dipendenti) e le midcap (imprese con piu’ di 250 e meno di 3.000 dipendenti) con sede operativa in Lombardia e minimo due anni di operativita’ nei settori manifatturiero, costruzioni, commercio all’ingrosso, servizi alle imprese, turismo-alloggio. La misura e’ aperta ai liberi professionisti, anche associati, che hanno avviato la propria attivita’ (professionale, tecnica o scientifica) in uno dei comuni della Lombardia. Devono risultare iscritti all’albo o collegio territoriale oppure a un’associazione professionale dell’elenco del Mise.

CARATTERISTICHE DEI FINANZIAMENTI – I finanziamenti, concessi da Finlombarda Spa (40 %) e dagli istituti di credito aderenti (60 %) hanno importo minimo di 18.000 euro e massimo di 750.000 per le pmi, 1,5 milioni per le midcap e 200.000 per i professionisti. I beneficiari possono chiedere anche piu’ finanziamenti a patto che il totale dei finanziamenti ottenuti non superi gli importi massimi previsti.

AGEVOLAZIONE – Ai finanziamenti e’ abbinato un contributo regionale in conto interessi. Per il mantenimento del contributo, sara’ effettuata una verifica a campione sulle spese sostenute. Non sono richieste commissioni, spese di istruttoria e garanzie reali.

ALCUNI DATI – Da gennaio 2017 al primo semestre 2019 Credito Adesso ha gia’ finanziato 381 imprese per un valore di 119,4 milioni di euro.

COME PRESENTARE LA DOMANDA – Le domande di partecipazione possono essere inoltrate solo su www.bandi.servizirl.it  fino a esaurimento delle risorse finanziarie disponibili. E’ possibile scaricare il testo integrale dell’avviso pubblico dalla pagina dedicata a Credito Adesso su www.finlombarda.it.

Piccole e micro imprese edili e artigiane, la Regione riapre il bando Faber

in Bandi/Economia/Istituzioni/Regione by
L'assessore regionale Alessandro Mattinzoli

Aprira’ mercoledi’ 10 luglio il nuovo sportello del ‘Bando FABER’ per le micro e piccole imprese manifatturiere, edili ed artigiane: 7.250.000 euro (piu’ altri 2 milioni per la lista d’attesa delle richieste) finalizzati all’ottimizzazione e all’innovazione dei processi produttivi.

La giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli, ha reso disponibili risorse finanziarie da destinare all’apertura di un ulteriore sportello del ‘Bando FABER’, tenuto conto del potenziale fabbisogno espresso dal mondo imprenditoriale in occasione del precedente sportello (a febbraio scorso) per realizzare investimenti produttivi.

MATTINZOLI: CON BANDO ASCOLTIAMO MONDO PRODUTTIVO- “I nostri bandi hanno successo, perche’ nascono dall’ascolto e dal confronto continuo con i territori e le categorie, quindi rispondono nei fatti alle reali esigenze del nostro tessuto produttivo”, ha spiegato l’assessore allo Sviluppo Alessandro Mattinzoli.

TIPOLOGIA DELLA PROCEDURA – L’assegnazione del contributo avviene sulla base di una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di invio telematico della richiesta. L’impresa puo” presentare una sola domanda.

CHI PUO’ PARTECIPARE – Micro e piccole imprese manifatturiere, edili e artigiane che hanno almeno una sede operativa o un’unita’ locale in Lombardia, attive da almeno 24 mesi alla data di presentazione della domanda.

AREE DI INTERVENTO – Con la misura si finanziano interventi relativi all’acquisto e installazione, ivi compreso montaggio e trasporto, per esempio di macchinari e impianti di produzione e attrezzature nuovi, macchine operatrici, hardware e software e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali, opere murarie connesse all’installazione dei beni materiali. Importo agevolazione: e’ confermato il contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese considerate ammissibili, nel limite massimo di 30.000,00 euro, l’investimento minimo e’ fissato in 15.000 euro.

PRESENTAZIONE DOMANDE E TEMPISTICA – la domanda di contributo deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa Bando online all’indirizzo www.bandi.servizirl.it a partire dalle 12 del 10 luglio 2019 fino alle 17 del 12 agosto  2019, salvo chiusura anticipata dello sportello per esaurimento della dotazione finanziaria.

Gare d’appalto, la Regione chiede un patto di integrità ai partecipanti

in Economia/Istituzioni/Regione by
L'assessore regionale Davide Caparini

Lealta’, trasparenza e correttezza, oltre all’impegno a non offrire, accettare o chiedere somme di denaro o altre ricompense, vantaggi e benefici. Sono gli impegni che devono assumersi i partecipanti alle garedi Regione Lombardia e inseriti nel nuovo Patto di Integrita’ approvato dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione Davide Caparini.

Il ‘Patto’, entrato immediatamente in vigore, prosegue il percorso di Regione Lombardia per l’estensione della massima trasparenza ai procedimenti delle sue gare d’appalto e dovra’ essere sottoscritto da tutti i fornitori di beni e servizi che intendano partecipare alle gare d’appalto, pena l’esclusione.

RISPETTO DELLE REGOLE – “E’ un accordo con gli operatori economici – spiega il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana – che vincola i contraenti al rispetto di regole di condotta finalizzate a prevenire il verificarsi di fenomeni
corruttivi e a promuovere comportamenti eticamente adeguati”. “Comportamenti – prosegue il presidente – che dovranno essere improntati ai principi di lealta’, trasparenza e correttezza, nonche’ l’espresso impegno, in funzione di prevenzione amministrativa della corruzione, a non offrire, accettare o richiedere somme di denaro o qualsiasi altra ricompensa, vantaggio o beneficio indebito”.

LOTTA ALLA CORRUZIONE – “Con il nuovo Patto di Integrita’ – commenta l’assessore Caparini – abbiamo compiuto un passo decisivo nella lotta alla corruzione, e dato uno strumento indispensabile a Regione Lombardia per la correttezza e la trasparenza di tutte le gare d’appalto”. L’accettazione del Patto di integrita’ costituisce condizione di ammissione alle procedure di gara, a tutte le procedure negoziate e agli affidamenti anche di importo inferiore a 40.000 euro, nonche’ per l’iscrizione all’Elenco Fornitori Telematico.

Di conseguenza, una copia del Patto di Integrita’, sottoscritta per accettazione dal legale rappresentante dell’operatore economico concorrente, deve essere allegata alla documentazione amministrativa richiesta ai fini della procedura di affidamento o dell’iscrizione all’Elenco Fornitori Telematico Sintel. Per i consorzi ordinari o raggruppamenti temporanei l’obbligo riguarda tutti i consorziati o partecipanti al raggruppamento o consorzio. Il sottoscrittore dovra’ rispettare i contenuti del Patto di Integrita’ anche nei contratti stipulati con i subcontraenti, ovvero subappaltatori.

COSA STABILISCE IL ‘PATTO’ – “Chi sottoscrive il nostro ‘Patto’ – entra nel merito l’assessore Caparini – si impegna a non perseguire condotte finalizzate ad alterare le procedure di aggiudicazione o la corretta esecuzione dei contratti, a non ricorrere alla mediazione o altra opera di terzi ai fini dell’aggiudicazione o gestione del contratto, a non corrispondere ad alcuno, direttamente o tramite terzi, ivi compresi soggetti collegati o controllati, somme di danaro o altre utilita’ al fine di facilitare l’aggiudicazione o gestione del contratto”.

Inoltre, il sottoscrittore si impegna a rendere, per quanto di propria conoscenza, una dichiarazione sostitutiva concernente l’eventuale sussistenza di conflitti di interessi, anche potenziali, rispetto ai soggetti che intervengono nella procedura di gara o nella fase esecutiva e a comunicare qualsiasi conflitto di interesse che insorga successivamente.

Il Patto di Integrita’ ha efficacia dal momento della presentazione delle offerte, in fase di affidamento di contratti di lavori, servizi e forniture e sino alla completa esecuzione dei contratti aggiudicati.

CHI NON RISPETTA LE REGOLE VIENE ESCLUSO – “La violazione da parte dell’operatore economico, sia in veste di concorrente che di aggiudicatario, di uno qualsiasi degli obblighi previsti dal Patto di Integrita’ – rimarca l’assessore Caparini – comporta l’esclusione dalla procedura di affidamento e l’escussione della cauzione provvisoria”.

Qualora la violazione sia riscontrata e/o commessa nella fase successiva all’aggiudicazione e durante l’esecuzione
contrattuale, l’applicazione di una penale sino al 5% del valore del contratto, e/o la revoca dell’aggiudicazione, o la
risoluzione di diritto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1456 del codice civile, del contratto eventualmente stipulato e l’escussione della cauzione provvisoria o definitiva.  E’ fatto salvo il diritto al risarcimento del danno a favore di Regione Lombardia.

Il responsabile per la prevenzione della corruzione e la trasparenza di Regione Lombardia, laddove ritenga sussistano gli estremi di un reato, denuncia i fatti all’Autorita’ giudiziaria o ad altra Autorita’ che a quella abbia obbligo di riferirne.

Pace Fiscale, la Regione azzera le sanzioni per chi non ha pagato il bollo

in Economia/Istituzioni/Regione by
Auto usate a Brescia, foto generica

La Giunta di Regione Lombardia ha approvato una delibera che prevede di concedere uno sconto a chi ha ricevuto un’ingiunzione per il mancato pagamento del bollo auto o della tassa sulle concessioni, vale a dire: la tassa da corrispondere quando si aprono esercizi pubblici o alcune tipologie di attività.

C’è tempo fino al 15 settembre 2019 per aderire alla procedura della «definizione agevolata delle ingiunzioni» e ottenere così uno sconto del 30% sulla somma complessivamente dovuta alla Regione. La voce che viene azzerata è quella relativa alla sanzione.

L’importo totale dell’ingiunzione di pagamento è dato infatti dal sommarsi di tre componenti: l’importo originario del bollo auto o della tassa di concessione, l’importo della mora maturata nei mesi e, infine, l’importo della sanzione, della “penale” per il pagamento ritardato o mancato.
Proprio quest’ultimo è l’importo che viene abbuonato a chi sceglierà la definizione agevolata delle ingiunzioni, il tutto in linea con quanto previsto dal Governo.

Lo sconto sarà concesso per le ingiunzioni relative al 2013 e al 2014 o comunque notificate entro il 31 dicembre 2017.

Sono oltre 400mila (per un ammontare complessivo di circa ai 90 milioni di euro) le ingiunzioni che possono beneficiare dello sconto e nella maggioranza dei casi si tratta di ingiunzioni relative al bollo auto.

Come detto il termine ultimo per aderirvi è il 15 settembre.
Entro il 31 luglio gli interessati riceveranno un sollecito di pagamento, firmato da Publiservizi Srl o dalla stessa Regione Lombardia, con un riepilogo del debito maturato e le istruzioni per presentare istanza di adesione alla definizione agevolata.
Entro il 31 ottobre l’interessato riceverà l’importo complessivamente dovuto al netto delle sanzioni.
Il pagamento in un’unica soluzione dovrà essere effettuato entro il 30 novembre.
Chi in questi mesi ha presentato ricorso contro la cartella esattoriale, può giovarsi dello sconto solo se rinuncia al contenzioso.
È infine possibile chiedere la rateizzazione della somma, là dove questa sia significativa. La rata minima prevista è di 50 euro e l’interesse richiesto è del 2% annuo calcolato a partire dal primo dicembre 2019.

E’ sempre possibile versare il bollo auto con la domiciliazione bancaria. In questo modo si risparmia il 10% dell’importo, equivalente a più di un mese gratis, e non si rischia di incorrere in sanzioni perché ci si è dimenticati di pagare.

 

Sicurezza e ambiente, dalla Regione 9 milioni per le imprese col bando Ies

in Bandi/Economia/Istituzioni/Regione by

Viene pubblicato oggi il Bando ‘IES Lombardia’ (Impresa eco-sostenibile e sicura), come deliberato dalla Giunta regionale nel dicembre scorso su istanza dell’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzoli, per sostenere investimenti innovativi, sia per la sicurezza sia per la riduzione dei consumi energetici e dell’impatto ambientale delle micro e piccole imprese commerciali e dell’artigianato. Le risorse complessivamente disponibili sono pari a 9 milioni di euro.

CHI PUo’ PARTECIPARE – Al bando possono partecipare le micro e piccole imprese commerciali e artigiane che abbiano almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia.

AREE DI INTERVENTO – Due sono le aree d’intervento. Con una misura si finanziano interventi per la sicurezza (sistemi
antifurto, antirapina o antintrusione ad alta tecnologia) o per l’acquisto di dispositivi di pagamento per la riduzione del
flusso di denaro contante. Con l’altra misura si sostiene l’acquisto di apparecchiature e impianti per la riduzione del
consumo energetico e dell’impatto ambientale della loro attività. Ogni impresa potrà presentare domanda su entrambe le misure.

ASCOLTO DELLE ESIGENZE REALI DEL MONDO PRODUTTIVO – “Anche con questo provvedimento, insieme al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, confermiamo la nostra attenzione al nostro mondo produttivo, fatto di micro e piccole imprese – commenta l’assessore Mattinzoli -. In questo modo teniamo alto il livello non solo dell’efficienza, ma soprattutto della lungimiranza e della capacità di tradurre in atti concreti e utili i bisogni di tutto il nostro tessuto imprenditoriale. Queste misure dimostrano che la Giunta della Lombardia guarda a chi investe e crea lavoro, nel rispetto dell’ambiente e della sicurezza.

IL CONTRIBUTO – Il contributo a fondo perduto è pari al 50 per cento delle sole spese considerate ammissibili nel limite
massimo di 5.000 euro per la sicurezza e di 10.000 euro per la sostenibilità ambientale.

PRESENTAZIONE DOMANDE E TEMPISTICA – La domanda di contributo deve essere presentata a Unioncamere Lombardia esclusivamente tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it dal 12 febbraio 2019 al 7 marzo 2019.

1 2 3 17
Go to Top
Vai alla barra degli strumenti