Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Monthly archive

settembre 2019

Brescia sempre più smart city: le imprese del settore sono 11mila

in Economia/Tendenze by
Smart Factory

Milano sempre più smart city: sono 45 mila le imprese, secondo una elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi a giugno 2019 e 378 mila gli addetti. Sono le grandi città a trainare la crescita dei settori “smart” d’Italia, a Milano le imprese salgono del +1,7% in un anno, a Roma del + 1,7%, a Napoli di +1,9%, con un risultato nazionale di stabilità e quindi di una sempre maggiore attrazione e concentrazione dei grandi centri. Un settore guidato nel Paese da Milano e Roma con circa 100 miliardi ognuna di business su circa 500 miliardi in Italia e 400 mila addetti a Milano e 300 mila  a Roma nelle circa 50 mila imprese dei due motori d’Italia.

I settori smart: hi-tech, autoveicoli, trasporti e logistica, energia-acqua-rifiuti, costruzioni, commercio online, design.

In Lombardia si concentrano 103 mila imprese smart sulle 572 mila in Italia, guidate da Milano (45 mila), Brescia e Bergamo con circa 11 mila, Monza e Varese con circa 7 mila. Gli addetti sono 603 mila, più di uno su quattro dei 2,3 milioni in Italia. Sono 378 mila a Milano, circa 47  mila a Brescia e Bergamo, circa 36 mila a Monza (+0,7%) e 24 mila a Varese. A Lodi ci sono circa 2 mila imprese nei settori smart e 8 mila addetti.

In Italia ci sono 572 mila imprese e 2,3 milioni di addetti. Dopo Roma (52 mila, +1,7%) e Milano (45 mila, +1,7%), ci sono per imprese Napoli (28 mila, +1,9%) e Torino (21 mila), Bari, Brescia, Caserta, Salerno, Bologna, Bergamo, con oltre 10 mila. Per addetti, prima Milano con 378 mila, poi Roma con 297 mila, Torino al terzo posto con 138 mila, poi Napoli con 76 mila, Bologna con 55 mila. Superano i 40 mila: Bergamo, Brescia, Bari, Firenze.

Innovhub Stazioni Sperimentali per l’Industria partner di Enterprise Europe Network è l’Azienda partecipata dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi che svolge attività di ricerca applicata, consulenza tecnico-scientifica e testing industriale e promuove sul territorio e fornisce servizi nell’ambito della progettazione europea e dei finanziamenti all’innovazione, con una attenzione particolare alle PMI. Si avvale di 14 laboratori scientifici e circa 100 esperti. Innovhub SSI partecipa direttamente a numerosi progetti di R&D (impieghi avanzati di biomasse, utilizzo di materie prime alternative per la produzione di energia, imballaggi, biomateriali per applicazioni mediche, tecnologie per combustibili, etc.). L’Azienda si articola in quattro aree tecniche dotate di attrezzature moderne e laboratori altamente specializzati: carta, cartoni e paste per carta, combustibili, oli e grassi, seta.

Neosperience: aumento dei ricavi del +67,5% nel primo semestre 2019

in Aziende/Bilanci/Economia/Innovazione by
Neosperience, foto da ufficio stampa

Neosperience, società quotata all’AIM Italia e attiva come software vendor nel settore della Digital Customer Experience, ha chiuso il primo semestre del 2019 con ricavi per 5,07 milioni di euro, in aumento del 67,5% rispetto ai 3,03 milioni ottenuti nella prima metà dello scorso esercizio, grazie all’acquisizione di nuovi clienti e all’incremento dei ricavi scalabili delle Solution.

Il primo semestre dell’anno è stato denso di soddisfazioni. La quotazione in Borsa a Febbraio, il successivo aumento di capitale a Maggio, la conseguente visibilità sul mercato, i prestigiosi nuovi clienti e l’indubbio successo presso gli investitori ci spingono a moltiplicare gli sforzi”, ha commentato Dario Melpignano, Presidente di Neosperience.

“Le nuove Solution, basate sull’impiego delle tecniche più avanzate di Intelligenza Artificiale, dichiara Melpignano, hanno trovato ampia accoglienza nei settori chiave in cui operiamo, permettendoci di consolidare ulteriormente il nostro vantaggio competitivo.”

Grandi Riso: a Fico servito il risotto numero 30.000

in Economia/Tendenze by
Grandi Riso a Fico

A settembre è stato cucinato e servito il risotto numero 30mila. E’ questo il primo, positivo, bilancio del chiosco-risotteria inaugurato meno di un anno fa da Grandi Riso a Fico Eataly World, il parco agroalimentare più grande del mondo con sede a Bologna.

“Il Risotto”, questo il nome dello spazio di ristorazione, è stato aperto a dicembre 2018 con un format innovativo, che prevede tra l’altro l’utilizzo esclusivo di riso Carnaroli Igp Delta del Po per la preparazione dei piatti “disegnati” dagli chef più prestigiosi.

L’obiettivo principale dell’azienda del gruppo Marcello Gabana Holding di Calcinato (Bs) – quarto produttore italiano di riso per volumi – è quello di promuovere nel mondo l’eccellenza del riso Igp per incrementare ulteriormente la quota di export, che già oggi vale oltre un milione di euro su base annua e continua a crescere in doppia cifra.

Nel 2019, come negli ultimi anni, le principali destinazioni dei prodotti di Grandi Riso sono state gli Usa, la Spagna e il Brasile, ma significative sono state anche le quote di Francia, Germania, Messico e Canada. Merito della qualità del prodotto, ma anche di scelte precise, come la presenza nei negozi Eataly, gli accordi di distribuzione con diverse catene di supermercati europee e la recente decisione di assumere un export manager.

In questa linea si inseriscono anche gli eventi di stampo “glocal” organizzati da Grandi Riso a Fico, rivolti ai visitatori della rassegna e ai numerosi buyer esteri. Questo fine settimana, infatti,

il riso e l’azienda ferrarese Calcinato saranno ancora più protagonisti a Fico, un contesto (ben 100mila metri quadrati tra stalle, campi coltivati e stand) che non è solo vetrina di eccellenza ma anche – grazie alle attività di Fondazione Fico – riferimento per la promozione della sostenibilità agroalimentare.

Sabato 28 settembre, dalle 14.30 alle 16, il teatro arena di Fico ospiterà un incontro tra esperti e professionisti del settore sul tema “La cultura del riso” e a seguire si terrà uno showcooking di ricette a base di risotto con degustazione gratuita finale. Domenica 29, invece, si terrà il Paella Day di Grandi Riso, un appuntamento per celebrare il piatto più conosciuto della gastronomia spagnola organizzato in collaborazione con celebri chef valenciani e con il Consorzio Arroz de Valencia.

 

GRANDI RISO

 

Grandi Riso, nata nel 2002, rappresenta oggi la principale attività del gruppo Marcello Gabana / Gabeca di Calcinato (Bs) e si inserisce nella filiera di produzione del riso tradizionale attiva nella zona del basso ferrarese rappresentando di fatto il marchio commerciale e distributivo della produzione risicola del territorio.  Nello stabilimento di Codigoro, che occupa un’area di circa 70mila metri quadrati, trovano spazio tutti gli impianti e le attrezzature necessarie per le varie fasi di lavorazione del risone. Tale caratteristica, unica in Italia, prevede 14 impianti di essicazione del risone con capacità di circa 750 tonnellate al giorno completi di un settore specifico per il deposito e il magazzinaggio del risone essicato con una capacità di stoccaggio totale di circa 23mila tonnellate (suddivise su 206 silos e magazzini di 40.000mq con capacità di stoccaggio pari a 130mila tonnellate). Il magazzino per lo stoccaggio dei prodotti finiti si sviluppa su una superficie di circa 8mila metri quadrati.

Pulizie quotidiane: le soluzioni per faticare di meno

in Economia/Energia by

Le pulizie di qualsiasi genere, e in qualunque tipo di ambiente sono fondamentali per una miglior qualità della vita; per effettuare le operazioni di pulizia oggi possiamo disporre di molti aiuti, sotto forma di macchine specifiche, progettate, costruite e commercializzate proprio per alleggerire l’uomo dall’incombenza delle pulizie quotidiane. L’igiene è fondamentale per la buona salute di chi soggiorna a lungo negli ambienti chiusi, come uffici, capannoni di lavoro, aziende, ma anche negli appartamenti, luoghi più piccoli ma non per questo non soggetti all’accumulo di polvere e sporcizia volatile.

Pulizie sempre ben fatte

A questo proposito possiamo citare gli aspiratori industriali, che sono comunque adatti anche alle pulizie di ambienti domestici, soprattutto in quelle zone dove un normale aspirapolvere non riesce ad effettuare una pulizia profonda ed accurata, i modelli professionali sono dotati di una maggiore potenza e possono essere utilizzati per un tempo maggiore senza provocare nessun danno alla macchina stessa, come ad esempio il surriscaldamento.

Aspiratori ideali per tutto

Gli aspiratori di tipo industriale sono dotati anche di un sistema di filtri più sofisticato che può eliminare anche le polveri più sottili, polveri simili a quelle che vengono prodotte normalmente nei cantieri e nelle officine. Gli aspiratori destinati alle grandi pulizie di fabbriche, aziende, luoghi caratterizzati da grandi metrature, come: palestre, ospedali, e centri di socializzazione, hanno caratteristiche di grande robustezza e resistenza, ma sono leggeri e maneggevoli come gli aspirapolvere normali usati dalle casalinghe.

Tipologie e modelli

La possibilità di acquistare un aspirapolvere industriale è una questione di scelte e di budget, ma soprattutto anche di un’oculata informazione in merito a tutte le tipologie, e a tutti i modelli di aspiratori industriali in commercio, è bene ricordare di non acquistare una macchina troppo grande e potente, basandosi sul dettaglio importante di chi poi dovrà utilizzarla per fare le pulizie. I risultati comprovati da esperienze documentate, sia da ricerche di mercato che da test specifici messi in atto dagli addetti ai lavori, hanno portato queste macchine a raggiungere un successo non indifferente.

Macchine di lunga durata

Oggi infatti chi si trova nella necessità di acquistare un aspirapolvere opta quasi sempre per il modello industriale, performante, potente, resistente, sicuramente la scelta giusta, perché queste macchine hanno anche una grande longevità. Quindi è una spesa che viene fatta una volta, e una volta soltanto. L’aspirapolvere industriale è in grado di offrire i suoi servizi per un lungo periodo e richiede una minima manutenzione; i modelli più avanzati inoltre occupano anche poco spazio e sono quindi ideali anche per l’acquisto privato.

Aib, presentate al liceo Guido Carli le attività per la scuola 2019-2020

in Economia/Formazione by
Aib - Guido Carli

Sono state presentate martedì pomeriggio, al Liceo Internazionale per l’impresa Guido Carli di Brescia, le iniziative per la scuola promosse dall’Associazione Industriale Bresciana nell’anno 2019/2020 e indirizzate agli istituti della provincia.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, Paola Artioli (Vice Presidente AIB e Presidente Fondazione AIB), Elisa Torchiani (Presidente Piccola Industria AIB), Fabio Capra (Assessore all’Istruzione del Comune di Brescia), Federico Andreoletti (docente e componente dell’Associazione Insegnanti di Fisica), Cinzia Pollio (Direttore Fondazione AIB), Massimo Ziletti (Segretario generale Camera di Commercio di Brescia) e Giacomo Giovannini (Junior Achievement).

“L’Area Education e Capitale Umano raccoglie ogni anno le iniziative promosse da AIB e indirizzate agli istituti scolastici della provincia – commenta Paola Artioli, Vice Presidente di AIB e Presidente di Fondazione AIB –. Brescia si colloca al terzo posto a livello nazionale per valore aggiunto nelle attività manifatturiere e si caratterizza per eccellenze a livello internazionale nei settori della siderurgia, metallurgia, macchine utensili e componentistica automotive. Per questo motivo le nostre aziende rappresentano una grande opportunità professionale per i giovani che vogliono intraprendere un corso di studi in grado di garantirgli una brillante carriera, in particolare nel campo tecnico, scientifico ed economico”.

Tra le attività presentate sono presenti proposte rivolte agli istituti comprensivi (Eureka! Funziona!, Si può fare!, Chi scuola lavora, l’evento “Made in Italy”) e alle scuole secondarie di secondo grado (Un astronauta a scuola: conversazione con Paolo Nespoli, DIMIingegneri del futuro, La tradizione e l’eccellenza bresciana nella lavorazione dei metalli, Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento – PCTO, PMI Day “Leonardo siamo noi”, Orientagiovani, Concorso agroalimentare e caseario, stage ed elenchi diplomati), oltre ai percorsi ITS post diploma. In questi ultimi figurano i percorsi per Tecnico superiore per l’automazione ed i sistemi meccatronici industriali, Tecnico superiore dei sistemi informatici, virtualizzazione e cloud computing, Assistente alla produzione industriale (M.P.A. Manufacturing Production Assistant), Product & design manager 4.0, Calzedonia district manager, Stilista tecnologico, Marketing e comunicazione per l’internazionalizzazione dell’impresa.

SCARICA LA BROCHURE IN PDF CON LE ATTIVITA’ DELLA SCUOLA

Sport, le imprese di Brescia sono cresciute del 30% in cinque anni

in Economia/Tendenze by
Sport, foto generica da Pixabay

Sono 23 mila le imprese che si occupano di sport in Italia, secondo i dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi delle quali 4 mila in Lombardia, prima regione italiana con un quinto del totale, concentrate a Milano con oltre mille. Seguono Lazio con 3 mila, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto con circa 2 mila. Nel complesso sono 7 mila le imprese che promuovono eventi sportivi, 4 mila imprese gestiscono impianti sportivi, 4 mila club sportivi, 4 mila palestre e 2 mila realizzano corsi ed attività sportive. Sono 43 mila gli addetti in Italia, dei quali 10 mila in Lombardia e circa 5 mila a Milano. Il settore cresce in Italia del 29% in cinque anni. In Lombardia cresce del +33%. Emerge da una elaborazione  della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Registro Imprese riferiti al secondo trimestre 2019 e relativi alle sedi di impresa. Il confronto avviene con il secondo trimestre 2018 e 2014. Business da oltre 3 miliardi in Italia, oltre 1 miliardo in Lombardia, 624 milioni a Milano, prima nel Paese (elaborazione Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati AIDA – Bureau van Dijk).

Trainano la crescita i giovani imprenditori. Crescita record dei giovani a Milano, 8% delle imprese, +20% in un anno, +72% in cinque. Sono l’8% delle imprese anche in Lombardia e in Italia e crescono in regione del 10% in un anno e di +48% in cinque e nel Paese del 5% in un anno e del 31% in cinque.

La Lombardia è tra le regioni più in crescita: +33% in cinque anni e +7% in un anno. Milano da sola pesa un terzo lombardo con oltre mille imprese (1.417) e cresce di +40% in cinque anni e +8% in un anno. Gli addetti a Milano sono 5 mila e crescono del 60% in cinque anni. Seguono Brescia con 836 imprese (+30% in cinque anni) e Bergamo con 540 imprese (+35%). In forte crescita anche le imprese a Monza Brianza a quota 308 (+35%) Lodi con 64 (+33%).

Nel complesso gli addetti in Italia sono oltre 43 mila, dei quali 10 mila in Lombardia (uno su quattro circa del totale nazionale) e circa 5 mila a Milano. Seguono per addetti Lazio (5 mila), Emilia Romagna (quasi 5 mila), Piemonte (4 mila) e Veneto (4 mila). In Lombardia, oltre Milano, ai primi posti Brescia e Bergamo con quasi mille addetti.

Il business. Nel 2017 il giro d’affari delle imprese legate allo sport ha superato i 3 miliardi di euro in Italia, dei quali oltre 1 miliardo di euro realizzato in Lombardia (35% del complessivo). A seguire Lazio con 567 milioni di euro, Emilia-Romagna con 459 milioni e Veneto con 289 milioni di euro. In Lombardia, dopo Milano, Brescia con  92 milioni di euro, Bergamo con 65 milioni di euro e Monza Brianza con 53 milioni di euro.

Aib chiede a Pasini di candidarsi alla presidenza di Confindustria

in Aib/Associazioni di categoria/Economia/Nomine by

Consiglio Generale dell’Associazione Industriale Bresciana riunitosi in data odierna ha votato all’unanimità una mozione nella quale chiede al Presidente Giuseppe Pasini di verificare le condizioni per una possibile candidatura alla prossima Presidenza di Confindustria.

Pasini ha ringraziato il Consiglio Generale e si è detto orgoglioso di poter rappresentare il sistema imprenditoriale bresciano in questo importante processo. Il Presidente ha assicurato che lavorerà nei prossimi mesi per valutare l’esistenza di un consenso stabile e diffuso necessario per una designazione di tale rilevanza.

Qualunque sarà l’esito di questo riscontro, ci sarà sempre da parte di Pasini il supporto incondizionato nei confronti della figura della o del nuovo Presidente, consapevole del ruolo chiave che Confindustria ha e continuerà ad avere nelle decisioni di politica economica e sociale del nostro Paese.

Il Consiglio Generale dell’Associazione Industriale Bresciana è l’organo deliberativo dell’Associazione. È composto da 63 membri in rappresentanza dei precedenti Presidenti, degli organi decisionali dell’Associazione, della piccola industria, dei giovani imprenditori, dei settori merceologici e delle zone industriali.

L’Associazione Industriale Bresciana rappresenta un territorio tra i più industrializzati d’Europa, leader tecnologico e di prodotto a livello internazionale in settori quali: la metallurgia, la meccanica e l’automotive.

L’Associazione conta oltre 1.300 associate che impiegano più di 62.000 addetti. Caratteristica di queste aziende è la forte propensione all’export, per oltre il 70% rivolto in Europa. Nel 2018 la Provincia di Brescia ha realizzato esportazioni per 16,9 miliardi di euro, registrando un saldo commerciale positivo per il nostro Paese di oltre 7 miliardi di euro.

Boom di palestre e circoli sportivi: la Lombardia è la Regione più in forma d’Italia

in Economia/Salute/Tendenze by

Boom di palestre e circoli sportivi in Italia, ma sono in forte crescita anche le societa’ che organizzano eventi legati allo sport.  In questo settore, La Lombardia e’ la regione piu’ ‘in forma’ con oltre 4.000 attivita’ registrate e con incrementi di tutto rilievo, nel periodo considerato, sia tra le palestre, sia tra i club sportivi. Seguono a distanza Lazio (quasi 3.000 attivita’) ed Emilia-Romagna (oltre 2.000). In termini di variazione percentuale nei cinque anni considerati, pero’, al primo posto si colloca il Lazio (+30,4%), seguito dalle Marche (+30,2%) e dal Veneto (+30%). A riportare i dati l’approfondimento settimanale di LombardiaSpeciale.

Gli italiani, come mostrano i dati Unioncamere-InfoCamere al 30 giugno 2019, confrontati con lo stesso periodo del 2014, sembrano sempre piu’ attenti alla forma e appassionati di manifestazioni sportive: in cinque anni infatti le imprese che operano nel settore sono aumentate di 5.000 unita’ (+23,9%), raggiungendo oggi quota 23.000.

Lo ‘zoccolo duro’ del comparto e’ rappresentato dalle organizzazioni sportive e di promozione di eventi legati allo sport, ambito nel quale al 30 giugno scorso operavano 8.127 imprese, pari al 35% del totale. Pari rilevanza (intorno al 22%) hanno le altre componenti dell’offerta imprenditoriale sportiva nazionale: gestione degli impianti (5.167 attivita’), gestione di palestre (5.100) e club sportivi (4.986). A livello provinciale, Roma e’ davanti a tutti in termini di numerosita’ delle imprese del settore con oltre 2.500 attivita’, seguita da Milano (quasi 1.500) e Torino che sfiora quota mille.

La coppia Roma-Milano e’ al vertice della classifica anche in termini di aumento delle attivita’ appartenenti a questo comparto tra il 2014 e il 2019: +574 a Roma e +378 Milano, grazie soprattutto alla crescente diffusione delle palestre (+113).

Mobilità elettrica, a Brescia le imprese sono 332

in Economia/Tendenze/Trasporti by
Auto elettrica, foto generica da Pixabay

Cambia la mobilità e diventa sempre più elettrica e sharing. Nei settori coinvolti, tra fabbricazione di batterie, apparecchiature elettriche per autoveicoli, impianti elettrici per alimentare auto, noleggio di autoveicoli leggeri e di bici,  ci sono 775  imprese a Milano su 2 mila in Lombardia e 15 mila in Italia. Cresce il settore a Milano, in regione e in Italia, +1%. Sono 16 mila gli addetti milanesi su un totale regionale di 32 mila e nazionale di 87 mila. Concentrato su Milano il fatturato di 2,6 miliardi su 6 miliardi lombardi rispetto ai 20 miliardi nazionali. Prima Roma con mille imprese (+3% in un anno), seguita da Milano con 775 (+1%), Napoli con 726 (+4%), Torino con 517. Poi ci sono Bari (446), Catania (374, +7%), Salerno (335, +4%), Brescia (332).

Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati del Registro delle imprese al secondo trimestre 2019.

Le imprese della meccatronica. Parliamo di quasi 77mila imprese in Italia che si devono allineare alle nuove tecnologie, oltre 11mila in Lombardia e 3mila nella sola Milano, per un numero di addetti che in tutto il Paese supera quota 200mila unità (35mila addetti in Lombardia, 10mila a Milano, oltre 2.700 a Monza Brianza, quasi mille a Lodi).

Turismo, Brescia da record: i servizi di ristorazione sono oltre 7mila (ma in calo)

in Economia/Tendenze by
Hotel, foto generica da Pixabay

La Lombardia e’ la regina del turismo in Italia. I dati della Camera di Commercio Milano, Monza Brianza e Lodi (primo trimestre 2019) confermano il primato lombardo nei settori ristorazione e alloggio: 55.455 imprese, il 14,2 % sul dato nazionale (389.702). In numeri assoluti, tra le prime venti provincie italiane ben 3 sono lombarde: al secondo posto ecco Milano (1.401 alloggi, 18.200 servizi di ristorazione, +1,5% rispetto allo stesso periodo del 2018), che segue Roma con  19.601 imprese attive. Al settimo posto si piazza Brescia (7.987, dei quali 870 alloggi e 7.117 servizi di ristorazione, con un calo dell’1,2% rispetto al 2018); al 14esimo Bergamo, con 5.778 aziende attive nella ristorazione (388) e nell’alloggio (5.390), con un -0,6% rispetto al primo trimestre 2018.

I NUMERI – A livello regionale, Varese fa registrare 4.136 imprese, delle quali 189 nell’alloggio e 3.947 nella ristorazione, con una variazione del -0,4% rispetto al 2018. A  seguire, ecco Monza con 3.486 imprese (117 alloggi, 3.369 nella ristorazione, +0,5%); Como con 3.298 aziende (353 alloggi, 2.945 nella ristorazione; +0,8%); Pavia con 2.963 imprese (118 alloggi, 2.845 nella ristorazione; -1%). E ancora: Mantova con 2.045 imprese (121 alloggi, 1.924 nella ristorazione; -1,8%); Cremona con 1.796 aziende (44 alloggi, 1.752 nella ristorazione; +0,7%); Sondrio con 1.785 esercizi attivi (685 alloggi, 1.100 nella ristorazione; +1,2%); Lecco con 1.592 aziende (167 alloggi, 1.425 nella ristorazione; -0,3%); Lodi con 988 imprese (23 alloggi, 965 nella ristorazione; +0,8% rispetto al primo trimestre del 2018).

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti