Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Industria calzaturiera, export lombardo in leggera flessione nel primo trimestre

in Abbigliamento/Economia/Tendenze by

Timidi segnali di rinascita nel primo trimestre 2021 per l’industria calzaturiera grazie all’export (+0,3% in quantità e +3% a valore il totale Italia) ma i livelli pre-covid restano lontani (export -07%). Secondo gli ultimi dati elaborati dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici, dopo le flessioni senza precedenti registrate nel 2020, con una perdita di circa 1/4 del fatturato e della produzione nazionale, il graduale miglioramento nella situazione epidemiologica, con il conseguente allentamento, in Italia e in diversi Paesi, delle misure restrittive adottate per arginare i contagi, ha favorito in avvio dell’anno un ritorno a livelli di attività un po’ meno negativi rispetto ai trimestri precedenti, benché ancora ampiamente sottotono.

In Lombardia nel primo trimestre 2021 il numero di imprese (tra calzaturifici e produttori di parti) ha registrato, secondo i dati di Infocamere-Movimprese, una flessione pari a -3 unità, tra industria e artigianato, accompagnata però da un saldo positivo di +113 addetti.Sul fronte dell’export si registra una contrazione del -0,7% in valore sullo stesso periodo dell’anno precedente, tra calzature e componentistica. Le prime 5 destinazioni dell’export lombardo nel primo trimestre 2021 sono risultate: Francia (+3,6%), USA (-16,2%), Corea del Sud (-26,5%), Cina (+36,4%), Hong Kong (+0,3%). La Lombardia, con una quota del 16,9% del totale, è la terza regione italiana per fatturato export dietro al Veneto e alla Toscana. Pari al -6,8% il gap con i livelli del primo trimestre 2019 pre-pandemia.

La ripresa è ancora distante, sebbene l’attenuarsi della virulenza pandemica riesca a farci intravedere la luce in fondo al tunnel – spiega Siro Badon, Presidente di Assocalzaturifici commentando i dati nazionali del settore – Se sul fronte estero il rimbalzo di marzo è bastato per riportare i risultati del trimestre almeno sui valori della prima frazione 2020, non così sul mercato interno, dove la chiusura dei negozi nei centri commerciali nel weekend, misura rimossa solo lo scorso maggio, ha indotto un ulteriore calo negli acquisti delle famiglie rispetto ai primi 3 mesi di un anno addietro. I tempi di recupero non saranno brevi, con pesanti conseguenze sulla selezione tra le imprese e la tenuta occupazionale. In particolare, la produzione nazionale evidenzia nel primo trimestre una flessione del -6,4% su gennaio-marzo 2020 e addirittura un -30% circa sull’analogo periodo 2019 pre-pandemia. Sul mercato interno, gli acquisti mostrano un calo del -3,5% in quantità e del -6,9% in termini di spesa, con un divario superiore al -20% su due anni addietro”.

Il report di Assocalzaturifici indica come anche il prezzo medio al paio degli acquisti delle famiglie italiane sia diminuito nel primo trimestre del -3,5%, a causa del maggior peso, sul totale, di calzature leisure e pantofoleria, dal valore medio più contenuto rispetto a quelle per occasioni formali. Solo le calzature sportive e le sneakers evidenziano un recupero nei consumi (+7,8% in volume), seppur decisamente parziale.

Sul fronte dell’export, nei dati nazionali emerge l’incremento dei flussi verso Svizzera (+13% in quantità) e Francia (+8% in quantità), entrambe legate al terzismo effettuato per le griffe internazionali del lusso, e fuori dall’Europa la crescita della Cina (+44,4% in volume e +74,8% in valore sui primi 3 mesi 2020), che ha interessato in particolare l’alto di gamma (il prezzo medio verso questo mercato è cresciuto del 21%) premiando quindi soprattutto i grandi marchi del fashion. A favorire queste performance, l’espansione economica del Paese, il revenge spending dei consumatori dopo le restrizioni subìte durante l’emergenza sanitaria, e l’ingresso diretto di merci che in precedenza transitavano da Hong Kong (che registra infatti una contrazione dell’11,4% delle calzature in arrivo dall’Italia). Le esportazioni attuali verso la Cina risultano ben al di sopra dei livelli 2019 pre-Covid (+11,2% in volume e +24% in valore). “A queste performance positive – continua Badon – fanno da contraltare i ritmi blandi per alcuni importanti tradizionali mercati di sbocco, come Germania (-0,8% in quantità), USA (che dopo aver perso il 30% nel corso del 2020 segnano nel primo trimestre un modesto +3,5% in volume, con un -8,6% in valore) e Spagna (-5,9% in quantità), cui si aggiunge il crollo delle vendite nel Regno Unito (in caduta di oltre il 40% su gennaio-marzo dello scorso anno)”. Il saldo commerciale dei primi 3 mesi risulta in attivo per 1,13 miliardi di euro (+11,2%), sebbene ancora inferiore del -4,3% rispetto a due anni addietro.

A livello territoriale emerge un andamento disomogeneo. Tra le principali regioni esportatrici, recupero considerevole in valore per la Toscana (+28,7% su gennaio-marzo 2020) e trend comunque positivi per Veneto (+6,2%), Piemonte (+11,5%), Puglia (+2,5%) e Campania (+2,2%). Le Marche (-11,7% globalmente, con Fermo e Ascoli di nuovo in calo, -16,5% e -22,7% rispettivamente, e un timido +4,5% per Macerata) e l’Emilia Romagna (-32,1%, con il crollo dei flussi di Piacenza legati alla logistica, -80%, e Forlì-Cesena invariata, +0,5%) presentano invece arretramenti. Pressoché stabile la Lombardia (-0,7%). Tutte comunque, ad eccezione del Piemonte, risultano ancora al di sotto dei valori di export 2019 pre-Covid. Nella graduatoria per province, exploit di Firenze (+44%, con un +16% anche sul primo trimestre 2019), saldamente al primo posto (con una quota del 18,2% sul totale nazionale). Nella lettura di tali dati vanno comunque considerate le distorsioni prodotte in caso di discrepanza tra provincia/regione di produzione e di successiva spedizione. Questo spiega la forte crescita recente (grazie a nuovi insediamenti logistici, spesso legati alle vendite online o a depositi delle multinazionali del lusso) dell’export da territori in cui, tradizionalmente, la produzione calzaturiera non è radicata; così come i crolli improvvisi.

Infine, per quanto riguarda la demografia delle imprese, a fine marzo si contavano in Italia 4.097 calzaturifici attivi, tra industria e artigianato (55 in meno su dicembre 2020, corrispondenti al -1,3%) e 71.644 addetti (-238, pari al -0,3%). Considerando anche i produttori di componentistica per calzature, i saldi negativi sul consuntivo 2020 salgono a -123 aziende e -587 addetti. Dati che suscitano qualche timore per la tenuta occupazionale dei mesi a venire, soprattutto quando verrà meno il blocco dei licenziamenti. Le ore di cassa integrazione guadagniautorizzate da INPS nei primi 4 mesi dell’anno per le aziende della Filiera Pelle restano su livelli eccezionalmente alti, 24 milioni, malgrado il -6,8% su gennaio-aprile dello scorso anno. Nell’analogo periodo di due anni addietro, prima dello scoppio dell’emergenza sanitaria, le ore erano 2,8 milioni; e 10,3 milioni nel 2010, in piena crisi economica mondiale. Campania (+53%), Emilia Romagna (+28,5%) e Umbria (+92%) le regioni con un ulteriore aumento sul 2020. La Toscana (-2,2%) quella col maggior numero di ore autorizzate nel trimestre (6,1 milioni), seguita dalla Campania (5,1 milioni) e dalle Marche (3,7 milioni di ore).

In Lombardia 2,2 milioni le ore autorizzate, in calo del -2,5% sui primi 4 mesi 2020.

Digital business, dalla Regione quasi 4 milioni a 400 imprese bresciane

in Economia/Istituzioni/Regione/Web e digitale by

Sono 1.382 micro, piccole e medie imprese di Regione Lombardia alle quali sono stati assegnati contributi per aver aderito alla misura Digital Business per E-Commerce e Voucher digitali I4.0. Sono oltre 14 i milioni di euro stanziati parte di Regione Lombardia e dalle Camere di Commercio lombarde. Un dato che testimonia l’impegno comune a sostegno di innovazione e digitalizzazione per la crescita delle attività economiche e imprenditoriali. Oltre agli 11 milioni e mezzo di euro iniziali si sono sommati altri 3 milioni e 200 mila euro stanziati da Regione Lombardia per soddisfare una platea più ampia di imprese che hanno aderito ai bandi. Le MPMI ammesse al contributo per la linea Voucher Digitali I4.0 sono state 783, alle quali si sommano altre 599 imprese per la linea E-Commerce, portando il totale a 1382.

GUIDESI: SARA’ AUMENTATO L’INVESTIMENTO – “Numeri importanti – ha detto l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, Guido Guidesi, che testimoniano quanto le imprese abbiano apprezzato lo sforzo di Regione Lombardia e Unioncamere Lombarde. Dopo aver verificato il grande interesse per l’iniziativa abbiamo deciso di aumentare l’investimento economico per dare la possibilità al maggior numero di aziende di beneficiare di questa opportunità”.

MAGONI: VALORIZZARE COMPETENZE E PROFESSIONALITA’ – “Ancora una volta Regione Lombardia dimostra con i fatti la sua vicinanza al mondo produttivo, in particolare ai comparti del turismo, della moda e del design, fortemente colpiti dalla pandemia”, ha detto Lara Magoni assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda di Regione Lombardia. “La rinascita – ha aggiunto – parte da azioni profonde e condivise che guardino all’innovazione e alla digitalizzazione. L’obiettivo è valorizzare le competenze e le professionalità delle nostre aziende, senza dimenticare la tradizione e l’operosità tipiche lombarde”.

AURICCHIO (UNIONCAMERE LOMBARDIA) IMPEGNO COSTANTE PER INNOVAZIONE – “Il digitale e l’e-commerce – ha aggiunto il presidente di Unioncamere Lombardia Gian Domenico Auricchio – sono sempre più utilizzati dai nostri imprenditori per rilanciare la propria attività. Ne abbiamo avuto conferma dal successo riscontrato da questa misura messa in campo da Regione e dal Sistema camerale lombardo che ha visto esaurire 14 milioni di euro in poco tempo. Le Camere di Commercio lombarde con questa iniziativa confermano l’impegno costante a sostenere i processi di innovazione e digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese lombarde e promuovere la crescita in ottica Impresa 4.0.”

VOUCHER DIGITALI 4.0, I DATI – Al bando Voucher digitali 4.0 sono state ammesse 783 domande per un totale di 8.272.987,33 euro.

Per quanto riguarda le singole province questi sono i dati per territori. Provincia di Bergamo 82 domande ammesse per un contributo di 853.850,30 euro; provincia di Brescia: 184 domande ammesse, per un contributo di 1.975.012,09 euro; provincia di Como: 32 domande ammesse, per un contributo di 345.803,43 euro; provincia di Cremona 20 domande ammesse, per un contributo di 223.477,15 euro; provincia di Lecco: 33 domande ammesse per un contributo di 376.428,49 euro; provincia di Lodi: 4 domande ammesse, per un contributo di 50.000 euro; provincia di Monza e Brianza: 44 domande ammesse, per un contributo di 463.245,80 euro; provincia di Milano: 196 domande ammesse, per un contributo di 2.208.485,02 euro; provincia di Mantova: 70 domande ammesse, per un contributo di 661.465,52 euro; provincia di Pavia: 41 domande ammesse, per un contributo di 331.165,04 euro; provincia di Sondrio: 22 domande ammesse, per un contributo di 199.991 euro; provincia di Varese: 55 domande ammesse, per un contributo di 584.063,49 euro.

E-COMMERCE, I DATI – Al bando E-commerce sono state ammesse 599 domande per un totale di 5.691.612,98 euro.

Per quanto riguarda le singole province questi sono i dati per territori. Provincia di Bergamo: 61 domande ammesse, per un contributo di 629.752,17 euro; provincia di Brescia: 208 domande ammesse, per un contributo di 1.883.337,12 euro; provincia di Como: 14 domande ammesse, per un contributo di 108.496 euro; provincia di Cremona: 17 domande ammesse, per un contributo di 145.853,57 euro; provincia di Lecco: 43 domande ammesse, per un contributo di 399.358,59 euro; provincia di Lodi: 2 domande ammesse, per un contributo di  24.900 euro; provincia di Monza e Brianza: 21 domande ammesse, per un contributo di  223.252,90 euro; provincia di Milano: 137, per un contributo di  1.502.131,80 euro; provincia di Mantova: 9 domande ammesse, per un contributo di 113.693,80 euro; provincia di Pavia: 31 domande ammesse, per un contributo di 207.716,71 euro; provincia di Sondrio: 25 domande ammesse, per un contributo di 160.559,72 euro; provincia di Varese: 31 domande ammesse, per un contributo di 292.560,60 euro.

Fintech, Banca Valsabbina investe in BorsaDelCredito

in Banche/Economia/Finanza/Valsabbina by

Banca Valsabbina ha siglato un accordo finalizzato all’acquisizione di una partecipazione pari a circa l’8,3% di Business Innovation Lab, società cui è riferita la piattaforma Fintech BorsadelCredito.it.

L’articolata operazione, subordinata al verificarsi di alcune condizioni sospensive, prevede in una prima fase l’acquisto di tali quote sul mercato secondario; è inoltre prevista l’assegnazione a Valsabbina anche di warrant convertibili in ulteriori azioni fino al raggiungimento di una partecipazione complessiva al massimo pari al 9,9%. La conversione di tali warrant in azioni resta comunque subordinata al verificarsi di determinate condizioni legate al raggiungimento di obiettivi commerciali.

BorsadelCredito.it è una fintech italiana nata nel 2013 per supportare le PMI nell’accesso al credito. Grazie ad una tecnologia proprietaria, altamente innovativa e paperless, oggi è un marketplace lending che offre alle PMI italiane finanziamenti in pochi giorni. BorsadelCredito.it, primo operatore italiano di peer to peer lending per le PMI, in particolare è una scale up innovativa con sede a Milano e gestita da un gruppo societario, la cui Holding è Business Innovation Lab Spa.

La Banca, particolarmente attiva nell’ambito di operazioni di finanza innovativa, collabora già da alcuni anni con questa Fintech specializzata nel credito digitale alle imprese. Sono state infatti strutturate due importanti operazioni di cartolarizzazione di finanziamenti – erogati tramite la piattaforma e garantiti dal Fondo Centrale di Garanzia – per complessivi euro 300 mln, destinati a sostenere le imprese italiane nell’ambito della crisi pandemica.

“BorsadelCredito.it è un nostro partner già da alcuni anni ed anch’essa, come la nostra Banca, si rivolge alle PMI Italiane. Negli ultimi mesi abbiamo approfondito la possibilità di rafforzare ulteriormente il rapporto ed abbiamo ora raggiunto un’importante intesa strategica, sottolineaHermes Bianchetti, Responsabile Divisione Business di Banca Valsabbina. La nostra Banca deve continuare a sostenere le imprese, in particolare nell’ambito dell’attuale complicato contesto, ma al contempo vogliamo proseguire nell’efficientamento e nella modernizzazione del business. L’accordo raggiunto ci permette quindi di perfezionare ulteriormente la delineata “Strategia Fintech” della Banca, diversificando gli investimenti, sfruttando i progressi dell’innovazione tecnologica e seguendo l’evoluzione del mercato.”

“Con questo accordo prosegue e si consolida la collaborazione di BorsadelCredito.it con Banca Valsabbina, collaborazione che ha portato in passato numerose risorse alle imprese grazie al canale rapido e innovativo del fintech – commenta Ivan Pellegrini, CEO di BorsadelCredito.it. – Siamo lieti di avere al nostro fianco in questa operazione un partner come Banca Valsabbina, in quanto crediamo che la strada della cooperazione sia la via maestra per portare reale innovazione nel mondo della finanza e avvicinarlo alle esigenze dell’economia reale. Questa operazione si inserisce, per noi, in un percorso di evoluzione: non siamo più solo erogatori di prestiti all’economia reale, ma abilitatori tecnologici per la finanza tradizionale.”

Banca Valsabbina è stata assistita per i profili legali dell’operazione dallo Studio ALMA nella persona dei soci Marco Zechini e Luca Benvenuto, nonché dell’associate Sergio Visalli, e BorsadelCredito.it nella persona di Roberto Nigro (socio).

Banca Valsabbina è una Società Cooperativa per Azioni, fondata nel 1898. È la principale Banca popolare di Brescia e da oltre centoventi anni sostiene la crescita e lo sviluppo economico del territorio, ponendosi come interlocutore sia per le famiglie che per gli artigiani, le piccole attività economiche e le PMI. Opera attraverso una rete territoriale che conta 70 filiali: 46 in provincia di Brescia, 8 in provincia di Verona e 16 tra quelle di Bergamo, Bologna, Mantova, Milano, Modena, Monza-Brianza, Padova, Reggio Emilia, Torino, Trento, Treviso, Vicenza, Cesena e Parma. Impiega oltre 700 dipendenti, gestisce masse per quasi 10 miliardi di euro e vanta un solido patrimonio, con il CET 1 Ratio pari a circa il 16%.

BorsadelCredito.it è una fintech italiana nata nel 2013 per supportare le PMI nell’accesso al credito. Grazie ad una tecnologia proprietaria, altamente innovativa e paperless, oggi è un marketplace lending che offre alle PMI italiane finanziamenti in 24h e denaro in pochi giorni. Dal 2020 offre il proprio software as a service a banche e realtà finanziarie che attraverso intelligenza artificiale e machine learning vogliono supportare i loro clienti in maniera istantanea e smart. Con oltre 300 milioni di crediti erogati, nel 2020 ha supportato 504 aziende per 75 milioni, diventando leader in Italia.

Inflazione, a Brescia tasso tendenziale in crescita dello 0,5%

in Economia/Tendenze by
Inflazione, foto generica da Pixabay

Per il mese di GIUGNO, la variazione congiunturale dei prezzi al consumo per l’intera collettività rimane ferma a valori piuttosto bassi (+0,1%), mentre il tasso tendenziale sale al +0,5%, indicando un notevole aumento rispetto ai prezzi dello stesso mese dell’anno precedente.

Analizzando per tipologia di prodotto, rispetto a maggio si registra una diminuzione dei “Beni” (-0,3%), in particolare dei Beni alimentari non lavorati (-3,3%), cioè dei prodotti freschi. In aumento, invece, i “Servizi” (+0,6%), in particolare, i Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+1,4%) e quelli relativi ai trasporti (+1,0%).

A livello di divisione, registrano sostenuti incrementi congiunturali i prezzi per i “Servizi ricettivi e di ristorazione” (+1,8%, con un deciso aumento dei Servizi di alloggio) e i “Trasporti” (+0,8%, con un sostenuto aumento del Trasporto aereo passeggeri). A seguire presentano lievi aumenti le divisioni “Abbigliamento e calzature” (+0,4%), “Ricreazione, spettacoli e cultura” (+0,3%) e “Mobili, articoli e servizi per la casa” (+0,1%).

In calo congiunturale, ci sono le divisioni delle “Comunicazioni” (-1,4%, con il decremento dei prezzi degli Apparecchi telefonici e telefax) e i “Prodotti alimentari e bevande analcoliche” (-0,9%, con una forte diminuzione della Frutta).

Le rimanenti divisioni hanno registrato valori congiunturali nulli o lievemente negativi (-0,1%). In termini tendenziali, presentano decisi aumenti le divisioni “Trasporti” (+3,7%), “Abitazione, acqua,
elettricità e combustibili” (+3,6%), “Abbigliamento e calzature” (+1,8%), “Altri beni e servizi” (+1,3%), e “Servizi sanitari e spese per la salute” (+0,4%). In forte discesa, invece, le “Comunicazioni” (-4,1%) e l’“Istruzione”
(-3,6%), i “Prodotti alimentari e bevande analcoliche” (-2,5%) e le “Bevande alcoliche e tabacchi” (-0,6%).

Con riferimento alla frequenza di acquisto dei prodotti, in questo mese, le tipologie di Alta e bassa frequenza presentano un lieve decremento congiunturale (rispettivamente -0,2% e -0,3%). Al contrario i prodotti a media frequenza d’acquisto presentano un deciso incremento (+0,6%). In termini tendenziali, sono in aumento i prodotti con alta frequenza d’acquisto (+1,2%), mentre presentano lievi scostamenti dalla situazione di maggio gli indici dei prezzi per le altre due tipologie.

Infine, per la “Core Inflation”, che indica l’andamento della componente di fondo della dinamica dei prezzi, cioè l’inflazione al netto della componente volatile (beni energetici e alimentari non lavorati), si registrano una variazione congiunturale positiva (+0,3%) e una tendenziale decisamente negativa (-0,4%), situazione però in miglioramento rispetto alla situazione registrata nel mese precedente.

Una criptovaluta per salvare il pianeta: il progetto di Free Seas SB

in Ambiente/Economia/Finanza by
Ecologia e ambiente, foto generica da Pixabay

Una criptovaluta per salvare il pianeta. Niente Ethereum e Bitcoin, ma CfER, acronimo di Coin for Enviromental Regeneration: una nuova moneta elettronica che servirà a finanziare progetti di rigenerazione ambientale, recuperando aree ed ecosistemi danneggiati da materiali e sostanze inquinanti. Sarà – secondo quanto informa BsNews / Brescia news – la prima piattaforma italiana per progettare, sostenere e, appunto, finanziare progetti di questo tipo: l’idea è targata Free Seas srl Società Benefit, start-up innovativa con sede a Trento ma che parla anche bresciano, nata nel giugno del 2019 ad opera di un gruppo di imprenditori e professionisti, che condividono la necessità di dare una risposta concreta a problemi ambientali, che devono essere affrontati in tempi brevi. La società ha ottenuto la configurazione di Società Benefit nel luglio di un anno fa, a conferma del suo costante impegno per il miglioramento dell’ambiente.Un organo importante, di cui Free Seas SB intende dotarsi, disciplinato all’interno dello statuto e da uno specifico regolamento, è un Comitato Scientifico che sovrintende alla qualità e congruità dei progetti avviati con la missione aziendale.

Il team di Free Seas SB si compone dei trentini Diego e Lavinia Albertini, dei bresciani Pietro Francesco Noci, Paride Gregorini, Marco Bogarelli e Ludovico Seppi.Un sistema digitale per progetti di rigenerazione ambientale

L’iniziativa di Free Seas SB prevede di definire un sistema digitale di emissione crediti (token) per il finanziamento di progetti di rigenerazione ambientale, basato sulla quantificazione di impatto, analisi costi-benefici e tokenizzazione dei costi. Il rilascio di token darà valore ai progetti in modo proporzionale alla rigenerazione attuata su territori, aria, acqua e foreste: l’obiettivo, a lungo termine, è la creazione di un mercato italiano del credito per la rigenerazione ambientale, in cui i token – che attestano la rigenerazione avvenuta – vengano accettati come credito fiscale (o altra forma incentivante) per imprese e privati virtuosi, in quanto concreto investimento a beneficio della collettività.

Come funzionerà il sistema (in blockchain) dei CfER

L’ambiente, in cui si sviluppa questo modello, è l’ormai celebre blockchain. Ovvero: una tecnologia di registro su rete capace di collegare blocchi di dati (blocks) in concatenazione (chain) per mezzo di crittografia avanzata. Ogni nuova trascrizione di informazione sul registro, per essere approvata, deve ricevere la totalità del consenso della rete: ogni trascrizione approvata diventa quindi parte costituente di un blocco, che viene registrato per validazione della rete stessa, risultando quindi immutabile. Attraverso la propria piattaforma, Free Seas SB emetterà 13 miliardi di token: non saranno mai emessi nuovi token, e gli stessi finanzieranno i progetti di rigenerazione di porzioni di ambiente ammalorate da elementi inquinanti. I token CfER potranno essere acquistati sia con valuta corrente che con criptovaluta.

Già avviata la prima raccolta fondi

Free Seas SB propone dunque il primo standard italiano, basato su blockchain, per il miglioramento dell’ambiente, con una criptovaluta “green”: in questi giorni è stata lanciata la prima raccolta fondi – tutte le informazioni su free-seas.it o eppela.com – per finanziare la costruzione della piattaforma basata su blockchain Algorand, per realizzare un progetto pilota di raccolta rifiuti in mare, incentivando, con l’assegnazione di token CfER, la raccolta dei rifiuti (plastica per la maggior parte) da parte dei pescherecci ed il loro successivo conferimento. Buona la prima? Con questa raccolta fondi verrà effettivamente validato lo schema di valutazione dell’impatto generato da un’emergenza ambientale, in modo che sia replicabile, e avviata tecnicamente la piattaforma tecnologica (in blockchain) su cui si basa l’economia di CfER. Il quadro in tal senso è purtroppo chiaro: in tutta la penisola si contano 12.482 siti ambientali a rischio, e di questi 58 sono considerati di “livello nazionale” con “grave rischio sanitario”.

Imprese, Virosac acquisisce la Rapid di Ponte San Marco

in Alimentare/Economia by

Virosac, società italiana produttrice di sacchi per la nettezza, il curacasa e la conservazione di alimenti, finalizza l’acquisizione del 100% di Rapid, impresa italiana produttrice di articoli per la cucina e la conservazione dei cibi (rotoli in alluminio, pellicola, carta da forno, per uso domestico e professionale, e sacchetti per la conservazione in freezer degli alimenti).

L’operazione è stata portata a termine anche grazie a Orienta Capital Partners, società specializzata in investimenti in PMI italiane tramite la struttura del Club Deal, che nel 2019 ha ottenuto la totalità delle quote di Virosac.

Virosac nel 2020 ha superato i 40 mln di Euro di ricavi lordi e si è confermata leader nella produzione e nelle quote di mercato dei sacchetti biodegradabili per la raccolta differenziata nella GDO, affermando la sua vocazione all’innovazione ecosostenibile.

Augusto Balestra, socio di Orienta Capital Partners e Consigliere d’amministrazione di Virosac, ha commentato: “Virosac è una realtà italiana in forte ascesa, che ha dimostrato con i risultati di saper leggere i continui cambiamenti del suo mercato, in un contesto di riferimento negli ultimi due anni molto complesso. Per questo ora, attraverso l’acquisizione di Rapid, vogliamo allargare sia la gamma dei prodotti, sia i canali distributivi: insieme alla GDO, infatti, Virosac potrà rafforzare il suo posizionamento nell’HoReCa e nel canale professionale”.

Cesare Casagrande, Amministratore Delegato di Virosac, ha dichiarato: “La creazione di valore attraverso l’innovazione ecosostenibile di prodotto e di processo sono alla base della crescita di lungo periodo di Virosac: questi valori sono riconosciuti sia dai consumatori che dai nostri partners della distribuzione. Con l’acquisizione di Rapid, il gruppo industriale si pone l’obiettivo di realizzare il nuovo polo italiano di riferimento nella congelazione Made in Italy, che coniuga qualità di prodotto, ricerca, sviluppo e creazione di innovative linee di prodotto a forte connotazione ecosostenibile e compostabile. Da oggi si aprono nuove opportunità di sviluppo e crescita per la distribuzione, per i consumi e per le risorse umane che continueranno ad essere la fonte di ricchezza”.

Gianluca Gianoli, Direttore Generale di Rapid, infine, ha affermato: “Siamo due realtà italiane che insieme cresceranno grazie alle forti sinergie industriali e commerciali. L’obiettivo è puntare con forza allo sviluppo dei mercati esteri. Con Virosac abbiamo una comune visione sui temi fondamentali che guideranno lo sviluppo futuro: l’attenzione per l’ambiente e la centralità delle persone. Temi indispensabili, insieme all’innovazione, per perseguire gli obiettivi di crescita in modo etico e sostenibile”.

Orienta Capital Partners è una società specializzata in investimenti in PMI italiane. I soci di Orienta sono Augusto Balestra, Giancarlo Galeone, Mario Gardini, Sergio Serra e Lorenzo Isolabella. Orienta ha realizzato dal 2017 otto investimenti oltre a Virosac: Sidac (flexible packaging), recentemente venduta a Schur Flexibles Group, Bassini 1963 e Glaxi Pane (prodotti da forno surgelati), FA (Aeroporto di Forlì), Passione Unghie (cosmetica), Acqua Pejo e Goccia di Carnia (acque minerali), New Penta (nutraceutica), LMA (aerospace).

Virosac, con sede a Pederobba (TV), è uno dei principali produttori italiani di sacchetti per rifiuti, sacchetti per la conservazione degli alimenti, di sacchetti e guanti per il comparto ortofrutta della grande distribuzione, sia in materiale plastico tradizionale Non-Bio che biodegradabile. Con un dipartimento R&D all’avanguardia e diversi brevetti per prodotti ecosostenibili, produce 1,5 miliardi di sacchetti all’anno in due impianti produttivi, impiegando oltre 100 persone. Al 2020, ha realizzato ricavi per 42,5 mln di Euro con una crescita significativa anche in termini di redditività.

Rapid, con sede a Ponte San Marco (BS), è una società specializzata nella produzione di rotoli in alluminio, pellicola e carta da forno, sia per consumo domestico che professionale, così come sacchetti in plastica per la conservazione dei cibi in freezer e contenitori in alluminio. Serve numerosi player italiani nell’HoReCa, nell’industria alimentare e nella GDO con il proprio marchio o producendo marchi privati dei distributori.  Nel 2020 ha realizzato ricavi per 17,9 mln di Euro.

Confartigianato e Intred, l’accordo porta la fibra anche ai privati

in Associazioni di categoria/Confartigianato/Economia/Innovazione by

Nuova partnership tra la bresciana Intred Spa e Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Ortientale, che permetterà ai circa 15mila associati dell’organizzazione guidata da Eugenio Massetti (che è anche vicepresidente nazionale) di accedere alla fibra ottica con tariffe agevolate. Anche per le abitazioni private.

A presentarla sono stati questa mattina Massetti, l’amministratore delegato di Intred Daniele Peli e il segretario di Confartigianato Lombardia Carlo Piccinato.

In concreto gli associati di Confartigianato aderenti avranno accesso a diverse offerte relative a fibra ottica, fibra fino alla cabina telefonica, adsl e telefono fisso. A dire sì sono già stati in 230, con un risparmio che può arrivare fino al 40 per cento rispetto alla concorrezza. Un servizio che si somma a quelli già offerti dal CenPi, il gruppo di acquisto dell’organizzazione di via Orzinuovi che si occupa di energia e gas (con 3mila punti aziendali e 2.500 famiglie già fornite nella sola provincia di Brescia).

ULTERIORI INFORMAZIONI SONO DISPONIBILI NELL’ARTICOLO PUBBLICATO SU BRESCIA NEWS / BSNEWS.IT

Confindustria Brescia, altre sei imprese aderiscono al Club delle Start Up

in Aib/Associazioni di categoria/Economia/Innovazione by

Sei nuove realtà imprenditoriali hanno aderito al Club delle Start Up, iniziativa lanciata nello scorso mese di maggio da Confindustria Brescia e promossa dai Giovani Imprenditori, con l’obiettivo di fare sistema tra il mondo industriale e le start-up che presentano un’importante componente innovativa.

Si tratta di:

  • 3D evolve S.r.l. (Francesco Francesconi)
  • AMDengineering S.r.l. (Andrea Buccelli)
  • Greatit S.r.l. (Daniele Bertocchi)
  • IBCcorp – Scaling Perrots S.r.l. (Alessandro Ricci)
  • Automotive Air Ecologic S.r.l. (Arturo Turvasi)
  • Walle S.r.l. (Guido Parissenti)

Dopo l’incontro iniziale con la keynote speaker Daria Loi, prosegue inoltre l’attività del Club: nell’ultimo appuntamento, Carlo Grazioli, referente dell’iniziativa per il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Brescia, ha dato il via al progetto “Presenta la tua Start Up”.

L’obiettivo è quello di dare visibilità alle iniziative imprenditoriali, grazie alla realizzazione di brevi video interviste che, in pochi passaggi, metteranno in evidenza le caratteristiche principali delle Start Up e l’innovatività delle loro idee di business. I video saranno disponibili sul sito di Confindustria Brescia e saranno messi a disposizione di tutti i suoi associati.

“La ricchezza del Club sta nella sua eterogeneità: le nostre Start Up innovative spaziano in diversi settori e nicchie di frontiera – commenta Anna Tripoli, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Brescia –. Con questo progetto vogliamo dar loro la possibilità di raccontarsi e favorire iniziative di partecipazione, sviluppo e open innovation sul nostro territorio e non solo.”

Myti e Neosperience al fianco di WithU per ridisegnare la customer journey

in Economia/Innovazione by
Neosperience in Borsa

Allo studio un nuovo portale per innovare la relazione con il cliente attraverso percorsi di gamification e di loyalty e aumentarne la fidelizzazione

Brescia, 7 luglio 2021 – La multi-utility WithU, brand commerciale di Europe Energy – una delle società italiane più dinamiche e innovative nel mercato Europeo dell’Energia Elettrica e del Gas – ha scelto Myti e Neosperience per continuare nella sua strategia di forte spinta sulle soluzioni digitali ed innovative.

WithU è un valido esempio di semplificazione dei processi e dei servizi: fornisce luce, gas, fibra, telefonia fissa e mobile in un’unica soluzione per una gestione delle utenze più efficace. Coniuga in modo semplice e immediato attraverso un’unica piattaforma digitale tutte le utilities di cui si occupa, al fine di garantire una user experience agile e ridurre notevolmente i costi.

Aggiungere sempre più servizi utili alla quotidianità del cliente affinché l’utente possa avere tutte le forniture da un unico provider in modo semplice, senza perdite di tempo e risparmiando sui costi, è la strategia che sta alla base di WithU nel suo intento di diventare un brand di riferimento per le utenze degli italiani. Per migliorare la relazione col cliente, agevolare la customer journey e aumentarne la fidelizzazione, gli esperti di Myti e Neosperience, specializzati nello sviluppo di applicazioni custom ad elevata criticità e complessità, hanno avviato un processo di ridefinizione dell’intera presenza digitale di WithU.

Quello di WithU è un progetto trainato da Myti con le sue competenze di gestione dei processi, integrazione con i sistemi, contrattualistica, configurazione, ma che mette a terra anche tutta l’offerta di Neosperience, in particolare tutta la parte di psicografia.

Siamo partiti dal rifacimento di una nuova area privata dei clienti per arrivare a creare un’esperienza personalizzata, con la possibilità di aprire, gestire e rinnovare i contratti, generare nuove offerte, ma anche offrire percorsi di gamefication e di loyalty per aumentare la fidelizzazione” ha dichiarato Gianbattista Schieppati, Co-Owner di Myti.Europe Energy è una realtà già molto avanzata dal punto di vista dello sviluppo digitale, ma si è appoggiata a MYTI perché insieme facciamo co-progettazione, quindi creiamo e realizziamo secondo le loro esigenze specifiche.”

L’obiettivo è riprogettare l’intero portale di WithU applicando sul campo le ultime tecnologie di Artificial Intelligence, Machine Learning e Advanced Analytics per conoscere i tratti psicografici dei clienti (quindi interessi, personalità e abitudini che spiegano il perché delle loro decisioni di acquisto) e ottenere customer insights utili per la creazione di messaggi one-to-one e per aumentare il convertion rate grazie alla creazione di campagne mirate e perfettamente aderenti a bisogni e aspettative del singolo cliente.

In un mercato, come quello delle utilities, in cui la personalizzazione dell’offerta è centrale per il successo delle proposte commerciali, comprendere in profondità i bisogni e i desideri di ciascun cliente nel pieno rispetto della sua privacy diventa un fattore imprescindibile.

“La finalità – spiega Schieppati – è comprendere i profili psicografici degli utenti per fornire contenuti corretti sulla base delle esigenze che esprimeranno nel corso del tempo e delle offerte che WithU continuerà a implementare e che dovranno essere indirizzate agli utenti sulla base delle loro caratteristiche.”

Informazioni su Myti

Myti è la Digital Project Company nata nel 2007 a Brescia che unisce l’ingegneria del software all’Interaction Design per accompagnare le aziende su un percorso di innovazione tecnologica condivisa. Costruiamo applicazioni custom ad elevata criticità e complessità, applicando soluzioni a problematiche non presidiate da applicazioni standard e commerciali. Sappiamo integrare praticamente qualunque sistema, grazie alle competenze maturate negli anni e ai nostri collaboratori in costante formazione. Possiamo ottimizzare, modernizzare, sviluppare qualunque software perché non siamo sotto l’egida dei grandi vendor. Crediamo nell’open source e siamo liberi di scegliere, ogni volta, le tecnologie, i tool e i partner più adatti per far funzionare un progetto. Sappiamo reingegnerizzare sistemi informatici risalendo fino alle prime fasi di progettazione e integrarli con i più grandi ERP, CRM, MES, BI, MRP, presenti sul mercato.

Dal 2020 Myti è parte del Gruppo Neosperience.

www.myti.it

Rhenus Italia apre nuovi magazzini a Roncadelle

in Economia/Trasporti by

Rhenus Italia, società del settore logistica integrata, ha aperto una nuova filiale a Roncadelle (BS), in Lombardia, situata presso l’uscita di Brescia Ovest dell’autostrada A4. La struttura si estende per una superficie complessiva di circa 20.000 metri quadrati, di cui 6.500 di superficie coperta ed i restanti metri quadrati scoperti con un incremento di più del 50 per cento rispetto allo spazio disponibile nella precedente sede. A Brescia Rhenus Italia offre spedizioni internazionali Road Freight, Air & Ocean Freight, magazzinaggio, home delivery e servizi last mile.

L’integrazione della catena logistica, come elemento distintivo anche per le prossime aperture di nuovi magazzini, consentirà a Rhenus Italia di ampliare i propri servizi: vi sarà la possibilità di avere più spazio per lo stoccaggio della merce e offrire ai propri clienti attività di trasporto internazionale e nazionale totalmente integrati per una ottimale organizzazione nelle fasi di inbound, storage ed outbound.

“Siamo felici di aver scelto Roncadelle come nostra nuova filiale– ha dichiarato l’Ing. Guglielmo Davide Tassone Amministratore Delegato di Rhenus Italia. “L’apertura della filiale a Roncadelle rientra nel nostro piano di crescita che include l’apertura di nuovi importanti centri logistici in Italia e ulteriori espansioni di uffici e magazzini in strutture più ampie, moderne e in posizioni strategiche. Questo ci permetterà di organizzare la gestione della catena di approvvigionamento integrato in modo più efficiente”.

Ad oggi Rhenus Italia dispone di 34 filiali che collegano, con linee dedicate, i principali hub in Europa e nei Paesi extra Ue con diverse tipologie di servizi che includono anche l’assistenza doganale.

Nella sola Regione Lombardia la società è attualmente presente con più di 7 filiali tra le province di Milano, Como e Brescia compreso il recente completamento della struttura di Melzo ad est di Milano con oltre 30.000 metri quadrati coperti.

RHENUS, LA FOTOGRAGIA

“Il Gruppo Rhenus è leader nei servizi logistici e di trasproto con attività a livello globale ed un fatturato annuo di 5,4 miliardi di euro. Rhenus ha un network di 820 sedi proprie in tutto il mondo e vanta un team di 33.500 persone. Il Gruppo Rhenus offre soluzioni per una grande varietà di settori diversi e disponibili per tutta la supply chain, comprendendo operazioni di trasporto internazionale, multimodale, magazzinaggio, sdoganamento ed integrando soluzioni tecnologicamente avanzate ed innovative a valore aggiunto. Le richieste dei clienti rappresentano per Rhenus il principale focus da soddisfare”

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti