Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Economia - page 2

Notizie economico-finanziarie di Brescia e Provincia

Il collezionismo è un lavoro: a Brescia le imprese sono 284

in Cultura/Economia/Tendenze by
Libri antichi

Dall’arte ai francobolli, dai libri antichi alle monete, dai robivècchi agli oggetti d’artigianato. Sono 2.127 le imprese che a Milano fanno del collezionismo un business, +137% rispetto alle 898 del 2013. A Milano e area metropolitana si concentra quasi un decimo del totale nazionale di 29 mila imprese. Dopo gli ambulanti d’arte, 1648, gli oggetti d’arte sono al centro dell’attività, trattati da 247 imprese. Sono 121 i punti vendita in cui trovare pezzi d’antiquariato e 45 gli esercizi specializzati in oggetti d’artigianato. Forte il peso di Milano nel commercio di filatelia e numismatica: con 43 imprese è la prima piazza italiana per chi colleziona francobolli e monete, su 340 in Italia. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese al secondo trimestre 2018, 2017 e 2013 relativi alle sedi di impresa.

La Lombardia che colleziona. Con 3.677 imprese attive nel 2018, il settore del collezionismo cresce in Lombardia del 105% in cinque anni. In tutte le aree prevalgono i mercatini d’arte con un totale di 2.771 imprese in regione. Se Milano fa da protagonista sulla scena lombarda del mercato da collezione, ci sono anche Brescia (284 imprese), Varese (253), Bergamo (248), tutte e tre attive soprattutto sul versante della vendita di oggetti d’arte, con rispettivamente 42, 16 e 28 attività. Pavia è invece terra di antiquari (22 imprese specializzate su 161 attive nel settore degli oggetti da collezionismo). In un anno crescono Sondrio (+9,4%), Lodi (+9%) e Como (+5,2%). 

Il collezionismo in Italia. Il collezionismo in Italia conta 28.753 imprese attive. Prime per numero di attività, Napoli con 2.963, +169% in cinque anni, Roma con 2.621, +181,5%, Milano con 2.127 (+136,9%), Palermo con 1.100, +55,6%. Oltre ai mercatini, primi con 23.141 imprese in Italia, Roma predilige il commercio al dettaglio di libri usati (47 imprese su 312 in Italia), Milano il commercio al dettaglio di oggetti d’arte (247 su 1.795) e la filatelia (43 su 340), Venezia la vendita di oggetti d’artigianato (170 su 1.438).

Collezionismo
Collezionismo

Riso, il gruppo Marcello Gabana parte alla conquista della Germania

in Agricoltura e allevamento/Alimentare/Economia/Export/Gabeca by
Claudia Gabana, Fabrizio Scuri e Daniela Grandi

Grandi Riso – quarto produttore italiano di riso e azienda di punta del gruppo Marcello Gabana Holding di Calcinato (Bs) – parte alla conquista della Germania. Dai prossimi giorni, infatti, cinque prodotti dell’azienda di Codigoro (Fe) saranno ufficialmente in vendita sugli scaffali di Kaufland.

Kaufland è una delle principali catene di supermercati del Paese e rappresenta il marchio di qualità gruppo Swartz, che possiede anche i discount Lidl. Un colosso che conta quasi 10mila store distribuiti in 26 Stati.

I prodotti in vendita – che verranno consegnati a partire dal 19 settembre – saranno il riso Fellix integrale, l’Igp Carnaroli e l’Arborio Igp Delta del Po’, a cui una recente indagine di Altroconsumo ha riconosciuto l’“etichetta” di unico arborio in purezza italiano tra quelli analizzati. Ma anche cinque risotti pronti da 200 grammi (tartufo, carote e zucchine, porcini, asparagi, e pomodoro capperi e olive).

Ma non si tratta dell’unica novità. Sempre da questo mese, infatti, i prodotti Grandi Riso (gli Igp carnaroli, arborio e baldo e volano) entreranno ufficialmente nella sede Eataly di Monaco di Baviera, poche settimane dopo aver trovato spazio nelle filiali italiane dei negozi fondati da Oscar Farinetti (Milano Smeraldo, Roma e Torino Lingotto).  Il 5 e 6 ottobre (ultimo weekend dell’October fest), in particolare, ad Eataly Monaco si terranno due giornate di promozione con eventi e show-cooking all’interno del punto vendita.

IMW: Italian Make Wonders: appuntamento il 13 al Teatro Grande | INNOVATION CLUB

in Economia/Eventi/Evidenza/Innovation club/Rubriche by
Imw Brescia

Torna il 13 ottobre al Teatro Grande di Brescia, dalle ore 14.30, l’appuntamento con IMW, il grande evento dedicato all’innovazione, organizzato dai nostri Giovani Imprenditori. Il tema di quest’anno è “Italians Make Wonders”: perché meravigliarsi è ancora possibile, nel nostro Paese.

Il programma della giornata

Particolarmente ricco il programma di questa 19°edizione. A prendere la parola in primis, per l’apertura dei lavori, sarà Luca Borsoni – Presidente del Gruppo Giovani di AIB, seguito dai saluti istituzionali di Laura Castelletti – Assessore alla Cultura, Creatività e Innovazione del Comune di Brescia.
La giornata sarà dedicata al racconto di un’Italia che sta crescendo. Lo si farà affrontando, grazie anche alla presenza di Barbara Gasperini – Editor at large di Startupitalia! e autrice tv – differenti temi:
L’Italia dei mille talenti: l’ecosistema tra accademie e imprese che vedrà protagonista Giorgio Ventre – Direttore della Developer Academy Apple di Napoli;
L’auto che verrà: l’Italia industriale al passo digitale con Roberto Vavassori – Chief Business Development & Marketing Officer di Brembo;
ISUP per le startup: l’Italia dei nuovi imprenditori con Cinzia Pollio – Direttore Generale della Fondazione AIB;
Tra dolce e salato: buongiorno all’Italia del Food che vedrà confrontarsi Alessandro Pittaluga – CEO Galbusera con Luigi Galimberti – CEO e Co Founder Sfera;
Fashion ed eleganza: l’Italia che si reinventa, da una spiaggia, dove potremo ascoltare la testimonianza di Raffaele Noris – CEO MC2 Saint Barth.
L’intervento di Giuseppe Pasini – Presidente dell’Associazione Industriale Bresciana, concluderà la giornata.

Perché Italians Make Wonders?

Il perché di questo tema ce lo spiega Luca Borsoni – Presidente dei Giovani Imprenditori di AIB.
“Nel ruolo economico che oggi l’Italia è chiamata a ricoprire in Europa e nel mondo, divisa tra una crescita che deve essere sostenibile, un’economia che deve includere e coinvolgere i più giovani e una cultura del fare impresa che diventa responsabilità sociale: vorremmo, in quel 13 ottobre, diventare noi stessi il racconto di un’Italia che sta crescendo.
Perchè anche quando tutto sembra essersi fermato, quando l’incertezza politica sembra arrestare ogni speranza, quando le scelte strategiche sui grandi Gruppi sembrano aver paralizzato il Paese, le nostre imprese stanno andando avanti.
E non hanno mai smesso di farlo, creando valore, ogni giorno, per se stesse, ma soprattutto per la Comunità.
Imprese fatte di donne e uomini che continuano a credere all’Italia delle Meraviglie, quella nella quale sono cresciuti, quella nella quale vogliono far crescere ANCHE i loro figli.
E allora Italians Make Wonders, perchè meravigliarsi è ancora possibile, nel nostro Paese.”

Come iscriversi all’evento?

La partecipazione all’evento è gratuita ed aperta a tutti gli interessati previa registrazione a questo link: http://www.aib.bs.it/appuntamenti/prossimi_eventi/1463

Sartorie artigianali, 1.600 in Lombardia: +20% in cinque anni

in Economia/Tendenze/Tessile by
Sartorie artigianali a Brescia

Dal disegno al taglio fino alla realizzazione artigianale di capi e complementi d’abbigliamento: sono 1.613 gli artigiani specializzati nella sartoria in Lombardia con 2.648 addetti, +2% in un anno, +20% in cinque.  Rappresentano il 18% del totale italiano che è di circa 9 mila attività.

Il sarto è anche una professione richiesta dalle imprese in generale, oltre 1.700 le entrate in Lombardia nel 2017 su più di 16 mila programmate in Italia (11%). Di questi almeno 1.500 assunti sono stati assunti come dipendenti ma il 50% è stato di difficile reperimento soprattutto perché viene richiesta una maggiore preparazione. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati del registro delle imprese secondo trimestre 2018, 2017, 2013 e su dati Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con ANPAL.

Sartorie in crescita a Milano. Con 742 attività artigianali e oltre mille addetti Milano è prima in Lombardia per sartorie, seconda in Italia dopo Roma (803 imprese e 1.104 addetti) ed è in crescita: +1,1% in un anno e +25,8% in cinque. Precede Torino (565 attività con 799 addetti), Napoli (357, 628) e Brescia (che conta 178 attività che danno lavoro a 293 persone). Tra le prime anche altre lombarde: Bergamo con 142 attività, Varese con 117 e Monza Brianza con 113.

Oltre due sartorie artigianali su tre sono a guida femminile, sia in Lombardia (69,4%) che in Italia (72,4%). E la percentuale di donne arriva all’80% circa a Sondrio e Mantova in Lombardia mentre supera il 90% a Gorizia, Chieti e Pordenone.

Leggermente più alta la presenza di giovani in Lombardia (12,2%) rispetto alla media italiana (11,4%) con punte del 19% a Sondrio e Brescia. A livello nazionale i giovani superano invece il 23% a Savona, Reggio Emilia, Pistoia e Grosseto.

Forte la presenza di stranieri soprattutto in Lombardia, più della metà del totale rispetto al 34,2% italiano: Milano arriva al 67% e si colloca nella classifica nazionale dopo Verbania (69,2%) e prima di Prato (65,9%). Se si guarda solo ai titolari di ditte individuali, le provenienze straniere prevalenti sia per la Lombardia che per l’Italia sono la Cina (rispettivamente 33% del totale ditte e 14,9%), il Marocco e la Romania (3% circa).

Riforma della class action, Bonometti contro il Parlamento

in Aib/Associazioni di categoria/Economia/Istituzioni/Parlamento e governo by

“La riforma della Class action attualmente in discussione in Parlamento è una proposta che denota una cultura anti-industriale, la stessa che aveva caratterizzato il percorso del Decreto Dignità. Tre i punti critici, evidenziati da Confindustria Lombardia in linea con le Associazioni territoriali e con Confindustria nazionale, che rischiano di far diventare le imprese delle vittime sacrificali delle azioni di classe: l’ampliamento dell’ambito di applicazione, la modifica della procedura di adesione da parte dei singoli, l’introduzione di incentive alla litigiosità e la retroattività delle nuove normative”.

Duro il commento del Presidente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti: “Ecco riapparire, nella proposta di riforma della Class action, quella cultura anti-industriale che aveva caratterizzato il Decreto dignità. Confindustria Lombardia auspica che i parlamentari, di maggioranza e di opposizione, a partire dai parlamentari lombardi, lavorino per migliorare un testo che, allo stato attuale, rischia di aumentare indiscriminatamente i contenziosi e che, nella parte riguardante il compenso, ha un’evidente intento punitivo nei confronti delle imprese e può trasformare l’azione di classe da meccanismo di tutela in strumento di affari” ha aggiunto Bonometti, il quale sottolinea inoltre che “la retroattività non sta né in cielo né in terra. Le imprese, secondo questa norma, potrebbero essere esposte a contenziosi di classe anche per fatti accaduti 10 anni prima” conclude il Presidente di Confindustria Lombardia.

Neos Consulting e Var One al SAP NOW 2018

in Economia/Evidenza/Innovation club/Rubriche by
SapNow

Neos Consulting (www.neosconsulting.it) e Var One (www.var-one.it) saranno presenti al SAP NOW che si terrà negli spazi di MilanoFiera il 18 Ottobre. SAP NOW è l’evoluzione del tradizionale evento SAP Forum che quest’anno celebrerà i 30 anni di attività di SAP in Italia; in questo prestigioso contesto, Neos Consulting porterà il suo proprio contributo a clienti e partner su 4 diverse aree che posizionano le attività della società nella forma di “laboratorio per lo sviluppo di soluzioni innovative” integrando la conoscenza del mondo dei processi aziendali alla capacità di operare con le nuove tecnologie digitali.

1. INGAGGIARE E FIDELIZZARE I CLIENTI CON UNA CUSTOMER EXPERIENCE PERSONALIZZATA

La sfida del marketing per il 2018 e oltre sarà quella di personalizzare le relazioni con i clienti. Il che si traduce nella creazione di interazioni rilevanti per catturare la loro attenzione, promuovere una connessione emotiva e garantirsi la loro lealtà.
I giorni del targeting indifferenziato e della visualizzazione di annunci per cose che abbiamo già acquistato stanno finalmente volgendo al termine, poiché oggi la possibilità di personalizzare offre ai Brand un’opportunità concreta di offrire esperienze one-to-one su vasta scala. Questo richiede un approccio basato sui dati e, data l’enorme quantità di informazioni a disposizione, la domanda è: Cos’è più importante? Cosa conta davvero?
Sentiamo spesso parlare della Age of Customer, che dovrebbe mettere il cliente al centro del discorso, eppure quasi tutta la conoscenza sulla comunicazione persuasiva si concentra in primis sul “mittente” piuttosto che sul “destinatario”. Il profilo del ‘buon venditore’ è costantemente oggetto di studio, e così i tratti e le qualità dei venditori di successo. Ad esempio, l’orientamento ai risultati, la curiosità e la coscienziosità. Sappiamo molto meno delle caratteristiche del destinatario, anche se poi il vero significato di un messaggio è nell’interpretazione del destinatario. Il modo in cui gli individui rispondono a diversi tipi di comunicazioni, infatti, è fortemente legato alla loro personalità.
Pensa a quanto sia più facile per i venditori essere efficaci con un cliente che conoscono personalmente, rispetto a un nuovo cliente che non hanno mai visto prima. Bene, questo tipo di conoscenza, precedentemente limitata al mondo offline, oggi si estende anche al mondo digitale.
Questa è la missione di Neosperience Cloud (www.neosperience.com), la piattaforma tecnologica che permette alle aziende di offrire ai clienti una digital customer experience innovativa e coinvolgente.

2. INDUSTRIA 4.0 – SOLUZIONI TECNOLOGICHE INNOVATIVE PER I PROCESSI INTERNI

Il termine Impresa 4.0 indica l’utilizzo di nuove tecnologie per migliorare le condizioni di lavoro e aumentare la produttività e la qualità produttiva degli impianti.
Neos Consulting è posizionata sui più moderni trend di mercato e in grado di sviluppare progetti innovativi ad ampio spettro attraverso un portfolio di offerta, oggi ampliato verso nuove aree tecnologiche, al fine di aumentare la competitività dell’aziende:

BLOCKCHAIN: è un libro mastro elettronico pubblico, simile a un database relazionale, che può essere condiviso apertamente tra gli utenti più disparati e che crea una registrazione immutabile delle loro transazioni;
ARTIFICIAL INTELLIGENCE: la capacità di estrapolare da conoscenze precedenti delle linee guida da utilizzare per risolvere nuovi problemi che il sistema non ha mai affrontato sebbene possa averne affrontati di simili in passato;
INTERNET OF THINGS: è l’ evoluzione dell’uso della rete dove gli oggetti si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati su se stessi e accedere ad informazioni;
AUGMENTED REALITY: gli elementi che “aumentano” la realtà possono essere inseriti con un dispositivo mobile, come uno smartphone, con l’uso di un PC dotato di webcam o di altri sensori e con dispositivi di visione;
SOFTWARE DI PRODUZIONE PER I PROCESSI DI FABBRICA: assecondare ed indirizzare al meglio i processi operativi, gestendo in tempo reale le comunicazioni verso le altre applicazioni aziendali, è il compito assegnato alle le soluzioni MES di ultima generazione;

IMPRESA 4.0 – GUIDARE L’AZIENDA VERSO L’INNOVAZIONE ATTRAVERSO LA CORPORATE STARTUP

Neos Consulting si propone come società di consulenza in grado di supportare l’azienda verso la creazione e le gestione di nuovi modelli di business gestendo, ove utile questo progetto attraverso una Startup dedicata. La servitization (servitizzazione) indica l’offerta congiunta di prodotti e servizi. E’ un percorso che comporta l’innovazione nelle capacità e nei processi di un’impresa, in modo che essa possa meglio creare valore passando dalla vendita di prodotti, alla vendita di sistemi prodotto-servizio. Nello specifico, la servitizzazione può riguardare tutte le imprese manifatturiere che sono chiamate a mutare il proprio modello di business, da prodotto centrico verso l’integrazione del prodotto con i servizi. La servitizzazione consente di differenziare la propria offerta rispetto a quella dei concorrenti e al tempo stesso di aumentare la fedeltà dei clienti.
l Corporate Venture Capital è il processo che permette all’azienda di prendere partecipazioni in società innovative che operano in settori analoghi a quelli della propria corporate, e che possiedono degli asset strategici o tecnologie applicabili prospetticamente per i suoi piani futuri. Un’altra strada per realizzare una corporale startup è anche quello di creare una propria startup catalizzando l’acquisizione di talenti, idee e tecnologie.

LO SVILUPPO DI SOLUZIONI VERTICALI BASATE SU PIATTAFORMA SAP

Neos Consulting sviluppa soluzioni verticali e orizzontali baste sulla piattaforma SAP Business One e integrate alle altre soluzioni della SAP Suite.

SUPPLIER COMPANY ONE: è una soluzione verticale basata sulla piattaforme software gestionale Sap Business One rivolta all’azienda che opera come terzista. L’utilizzo del configuratore di prodotto consente una riduzione drastica del numero di codici di prodotti finiti da gestire e la focalizzazione dell’ufficio tecnico sulla manutenzione di poche distinte base e cicli e delle regole che ne governano la configurazione. Il commerciale dispone di un questionario di opzioni che gli consente di configurare dei prodotti certamente producibili senza, ogni volta, interpellare l’ufficio tecnico per la verifica di fattibilità. Questo, insieme alla non più necessaria codifica, consente di abbreviare notevolmente l’iter burocratico di acquisizione degli ordini.
Le scelte effettuate nel processo di configurazione sono memorizzate con l’ordine e sono disponibili per essere stampate sulla conferma d’ordine e sugli altri documenti rendendo chiaro e agevole il colloquio con il cliente. Il forecast delle vendite e il conseguente piano previsionale di produzione si possono definire indicando dei quantitativi di prodotti configurabili generici, accompagnati dalle percentuali di incidenza delle varie scelte di configurazione. Il sistema calcola puntualmente il costo e il margine di ogni nuova configurazione offerta e, per ogni ordine di vendita, consuntiva i costi di acquisto, lavorazione esterna  e produzione interna effettivamente sostenuti. Viene cosÏ resa disponibile un’ampia gamma di analisi delle  varianze e di marginalità del prodotto. SUPPLIER COMPANY ONE è particolarmente attento alle attività e alle problematiche dell’ufficio tecnico al quale rende disponibili le potenti funzionalità della soluzione, tra queste: una completa gestione delle modifiche tecniche integrata con la gestione del workflow, la gestione dei documenti e il sistema di classificazione.

JOB ASSISTANT: Ogni produzione a commessa ha il problema di gestire un progetto dove il cliente richiede frequentemente delle personalizzazioni del progetto in corso d’opera: per questo è necessario definire un budget dettagliato monitorando le spese preventivate, quelle sostenute e quelle future. Il responsabile deve prevedere le attività passo dopo passo e avere sempre un corretto stato di avanzamento. Il lavoro di un’azienda che opera a commessa parte dalla fase di preventivazione, da cui scaturiscono molte informazioni che attivano sia la parte commerciale che tecnica. Il processo poi si focalizza nella rielaborazione dei costi consuntivi. La fase di consuntivazione è molto importante perchè permette all’azienda di comprendere non solo la redditività della commessa ma anche il contronto tra i costi preventivati ed i costi effettivi.
Le problematiche di gestione della commessa possono essere affrontate dalla soluzione JOB ASSISANT.: la soluzione basata su SAP Business One rivolta alle aziende di servizi, progettazione, engineering. JOB ASSISTANT opera come contenitore di tutte le informazioni relazionate al progetto/commessa in modo da organizzare al meglio le operazioni di preventivazione e di consuntivazione. Flessibile e di semplice implementazione, attraverso un’interfaccia immediata ed intuitiva, permette di controllare in tempo reale tutte le fasi operative ed organizzative, le risorse allocate ed i documenti correlati.

Var One – IL PRINCIPALE CENTRO DI COMPETENZA SAP BUSINESS ONE IN EUROPA

Var One è Master Var SAP, principale Centro di Competenza SAP Business One in Europa e primo partner in Italia: con 8 sedi dirette e oltre 40 partner certificati, accompagna le imprese italiane ed internazionali nel percorso verso la Digital Transformation grazie a copertura territoriale e solide competenze sull’offerta SAP Business One applicata a numerosi settori industriali.
Prossimità, reattività e specializzazione caratterizzano il lavoro di un ecosistema strutturato; grazie alla storica partnership con SAP e all’appartenenza a Var Group, da oltre 40 anni azienda leader in ambito ICT e controllata al 100% dal gruppo SeSa, oggi quotato in borsa, Var One è un partner tecnologico affidabile in cui le aziende possono trovare vicinanza e tempestività di intervento, una consulenza specializzata in numerosi ambiti industriali e l’eccellenza della piattaforma SAP Business One.
Var One, in collaborazione con SAP Italia, accompagna da tanti anni le imprese in questo nel viaggio verso la Digital Transformation, focalizzando la sua propria offerta su SAP Business One, il Software Gestionale innovativo scelto da oltre 60.000 aziende nel mondo, semplice da usare, internazionale e rivoluzionario, e offrendo ai propri clienti soluzioni verticali e cross totalmente integrate, adatte ad ogni settore e ad ogni processo di business.

Editoria, nel Bresciano sono 227 le aziende attive

in Associazioni di categoria/Confartigianato/Economia/Tendenze by
Libri, foto da Piaxabay

Artigianato e piccole imprese attive nell’editoria e nella stampa a Brescia. Numeri chiave che forniscono un’immagine di provincia vivace, legata a un mondo fatto di piccole imprese di qualità, dove il 98.3% dei 791 addetti sono occupati in PMI sotto i 50 addetti e dove marcato è il peso rappresentato proprio dalle imprese artigiane: se nella media lombarda rappresentano il 26,2% del totale delle imprese del comparto, a Brescia questa percentuale sale sino al 51,7%. A livello lombardo sono 1.974 le imprese artigiane legate alle attività editoriali e di stampa e riproduzione di supporti registrati (il 17,3% del totale Italia) e di queste, dopo Milano con 697 imprese artigiane, c’è Brescia, con 227 e al terzo posto Bergamo con 190. Brescia che segnala in questa particolare classifica, una dinamica positiva di due imprese secondo gli ultimi dati disponibili all’anno 2017. Dati che emergono dal recente studio realizzato dall’Osservatorio di Confartigianato Lombardia, in occasione dell’edizione 2018 di Librixia – la fiera del libro di Brescia, al via da sabato in piazza Vittoria e che sino al 7 ottobre animerà le giornate con incontri e presentazioni con al centro il libro. Uno studio che analizzando i più recenti dati disponibili, si addentra nel mondo delle attività editoriali e di stampa, dei piccoli editori, del processo di digitalizzazione del settore, canali di vendita e tempo dedicato ai libri.

«Un mestiere di qualità, che regge la concorrenza della stampa on line, sia per la tempestività, ma soprattutto per la versatilità e la qualità del servizio e del prodotto offerto. Grazie a qualità e artigianalità la carta stampata non morirà mai» commenta il presidente di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale Eugenio Massetti:

Un mestiere vario, rappresentato da molteplici attività quelle delle 227 imprese artigiane attive (a tutto il 2017) nel mondo editoriale e della stampa a Brescia (9 sono piccoli editori, il 37,5% dei 24 editori totali) somma delle imprese che sottendono la stampa e le attività editoriali e che si occupano principalmente di: stampa di riviste ed altri periodici, pubblicati meno di quattro volte alla settimana, stampa di libri e opuscoli, spartiti e manoscritti di musica, mapp, album, agende, calendari ed altri stampati commerciali; materiale stampato tramite stampa tipografica, offset, rotocalcografia, flessografia, serigrafia ed altre macchine da stampa; stampa diretta su tessuti, plastica, vetro, metallo, legno e ceramica; stampa su etichette e cartellini; stampa su articoli pubblicitari e stampa di pubblicità su automezzi.

Processo di digitalizzazione che ha spinto negli ultimi anni la diffusione di supporti elettronici, ma che non sfonda sul mercato degli e-book e che ha favorito invece l’acquisto on line dei libri con il 24,6% di persone dai 14 anni in su hanno acquistato e ordinato libri on line. Sempre da ultimi dati nazionali disponibili: gli editori che oltre ai libri a stampa hanno pubblicato anche opere esclusivamente in formato e-book sono il 6,4%, mentre la quota di opere in formato e-book sul totale delle opere pubblicate a stampa è del 35,8%. in crescita di 20,6 punti tra il 2011 e il 2016.

Un mestiere specifico dunque, come quello dell’editore e di produzione libraria, che si occupa di tutti i processi ideativi, grafici e offset, sino alle strategie editoriali, oltre alla confezione fisica del libro e alla sua distribuzione. «Essere un libraio oggi significa essere artigiani del libro e della cultura. Se da una parte l’editoria elettronica e il diffondersi dei devices favoriranno una crescita degli e-book, dall’altro aumenterà la domanda di una editoria di qualità, selezionata, alta, confezionata a regola d’arte, che dovrà offrire quello che un libro elettronico non ha, carta e rilegatura di qualità, ottima stampa, grafica accurata e tattile, un crescente ritorno all’artigianalità delle origini» conclude il presidente Eugenio Massetti.

Lo studio si dedica inoltre al tempo dedicato dai lombardi ai libri: il 48,9% delle persone hanno letto libri negli ultimi dodici mesi (anno ultimo di rif. dati Istat 2016) superiore alla media italiana del 40,5%. Lombardia al 4° posto nel rank nazionale dopo Friuli V.G., Trentino A.A. e Valle d’Aosta. Ultimo dato interessante: la quantità dei libri presenti nelle librerie degli italiani e dei lombardi: se il 63,2% delle famiglie italiane ha una libreria con al massimo 100 titoli, tra i lombardi quasi il 10% (9,9%) ne possiede più di 400.

Artigianato e piccole imprese attive nell’editoria e nella stampa a Brescia. Numeri chiave che forniscono un’immagine di provincia vivace, legata a un mondo fatto di piccole imprese di qualità, dove il 98.3% dei 791 addetti sono occupati in PMI sotto i 50 addetti e dove marcato è il peso rappresentato proprio dalle imprese artigiane: se nella media lombarda rappresentano il 26,2% del totale delle imprese del comparto, a Brescia questa percentuale sale sino al 51,7%. A livello lombardo sono 1.974 le imprese artigiane legate alle attività editoriali e di stampa e riproduzione di supporti registrati (il 17,3% del totale Italia) e di queste, dopo Milano con 697 imprese artigiane, c’è Brescia, con 227 e al terzo posto Bergamo con 190. Brescia che segnala in questa particolare classifica, una dinamica positiva di due imprese secondo gli ultimi dati disponibili all’anno 2017. Dati che emergono dal recente studio realizzato dall’Osservatorio di Confartigianato Lombardia, in occasione dell’edizione 2018 di Librixia – la fiera del libro di Brescia, al via da sabato in piazza Vittoria e che sino al 7 ottobre animerà le giornate con incontri e presentazioni con al centro il libro. Uno studio che analizzando i più recenti dati disponibili, si addentra nel mondo delle attività editoriali e di stampa, dei piccoli editori, del processo di digitalizzazione del settore, canali di vendita e tempo dedicato ai libri.

«Un mestiere di qualità, che regge la concorrenza della stampa on line, sia per la tempestività, ma soprattutto per la versatilità e la qualità del servizio e del prodotto offerto. Grazie a qualità e artigianalità la carta stampata non morirà mai» commenta il presidente di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale Eugenio Massetti:

Un mestiere vario, rappresentato da molteplici attività quelle delle 227 imprese artigiane attive (a tutto il 2017) nel mondo editoriale e della stampa a Brescia (9 sono piccoli editori, il 37,5% dei 24 editori totali) somma delle imprese che sottendono la stampa e le attività editoriali e che si occupano principalmente di: stampa di riviste ed altri periodici, pubblicati meno di quattro volte alla settimana, stampa di libri e opuscoli, spartiti e manoscritti di musica, mapp, album, agende, calendari ed altri stampati commerciali; materiale stampato tramite stampa tipografica, offset, rotocalcografia, flessografia, serigrafia ed altre macchine da stampa; stampa diretta su tessuti, plastica, vetro, metallo, legno e ceramica; stampa su etichette e cartellini; stampa su articoli pubblicitari e stampa di pubblicità su automezzi.

Processo di digitalizzazione che ha spinto negli ultimi anni la diffusione di supporti elettronici, ma che non sfonda sul mercato degli e-book e che ha favorito invece l’acquisto on line dei libri con il 24,6% di persone dai 14 anni in su hanno acquistato e ordinato libri on line. Sempre da ultimi dati nazionali disponibili: gli editori che oltre ai libri a stampa hanno pubblicato anche opere esclusivamente in formato e-book sono il 6,4%, mentre la quota di opere in formato e-book sul totale delle opere pubblicate a stampa è del 35,8%. in crescita di 20,6 punti tra il 2011 e il 2016.

Un mestiere specifico dunque, come quello dell’editore e di produzione libraria, che si occupa di tutti i processi ideativi, grafici e offset, sino alle strategie editoriali, oltre alla confezione fisica del libro e alla sua distribuzione. «Essere un libraio oggi significa essere artigiani del libro e della cultura. Se da una parte l’editoria elettronica e il diffondersi dei devices favoriranno una crescita degli e-book, dall’altro aumenterà la domanda di una editoria di qualità, selezionata, alta, confezionata a regola d’arte, che dovrà offrire quello che un libro elettronico non ha, carta e rilegatura di qualità, ottima stampa, grafica accurata e tattile, un crescente ritorno all’artigianalità delle origini» conclude il presidente Eugenio Massetti.

Lo studio si dedica inoltre al tempo dedicato dai lombardi ai libri: il 48,9% delle persone hanno letto libri negli ultimi dodici mesi (anno ultimo di rif. dati Istat 2016) superiore alla media italiana del 40,5%. Lombardia al 4° posto nel rank nazionale dopo Friuli V.G., Trentino A.A. e Valle d’Aosta. Ultimo dato interessante: la quantità dei libri presenti nelle librerie degli italiani e dei lombardi: se il 63,2% delle famiglie italiane ha una libreria con al massimo 100 titoli, tra i lombardi quasi il 10% (9,9%) ne possiede più di 400.

Imprenditori con oltre 70 anni: nel Bresciano sono ben 3.600

in Associazioni di categoria/Camera di commercio/Economia/Tendenze by
Imprenditori, foto d'epoca

Da una recente analisi del Servizio Studi della Camera di Commercio di Brescia su dati del Registro Imprese al primo semestre del 2018 emerge che sono 3.566 i titolari d’impresa individuale ultrasettantenni ancora operativi in provincia e costituiscono il 6,1% delle imprese individuali bresciane, oltre una su sedici.

Sono l’agricoltura e il commercio i settori in cui operano la maggior parte degli imprenditori over 70; rispettivamente il 44,4% e il 20,4%, anche se non manca la loro presenza nella manifattura (9,6%) e nelle costruzioni (5,7%).

Attive anche le ultrasettantenni bresciane: quelle al comando di imprese individuali sono 920 pari al 25,8% degli imprenditori over 70, più di una su quattro.

I titolari over 70 bresciani rappresentano il 14% degli imprenditori ultrasettantenni operativi in Lombardia, collocando Brescia al secondo posto in regione, dopo Milano, per numero di imprenditori individuali con più di 70 anni. Tuttavia Brescia slitta in sesta posizione per incidenza degli stessi sul totale degli imprenditori individuali operativi in provincia (6,1%)

I titolari all’estremo opposto della scala anagrafica ovvero i giovani imprenditori con meno di trent’anni sono 3.261 e rappresentano il 5,6% delle piccole imprese individuali della provincia.

Negli ultimi cinque anni il numero di imprenditori over 70 è aumentato del 12,6%, all’opposto gli under 30 sono diminuiti del 17,4%. Il risultato è stato che, nello stesso periodo, il peso percentuale dei giovani imprenditori è passato dal 6,4% al 5,6%, mentre quello degli ultrasettantenni è lievitato dal 5,1% al 6,1%.

Stilando una graduatoria comunale, gli imprenditori over 70 hanno un peso maggiore, nell’imprenditoria individuale locale, a Pertica Alta dove un titolare su quattro è ultrasettantenne; seguono Mura (21,6%) e Magasa (21,4%). Sul fronte opposto i giovani imprenditori sotto i 30anni hanno una maggiore incidenza a Irma dove due titolari individuali su cinque sono under 30, segue Paisco Loveno (18,2%) e Berlingo (12,1%).v

Troppi debiti? Il tribunale gliene cancella il 90 per cento

in Economia/Tasse by
Sentenza

Brescia si conferma uno dei territori che fanno scuola in materia di applicazione in materia di sovraindebitamento. L’ultima, significativa, decisione del Tribunale – secondo quanto riportato da Brescia News – risale a poche settimane fa e ha avuto per protagonista un artigiano difeso dagli avvocati dello Studio Pagano & Partners.

L’uomo, residente nella Bassa Bresciana, si è visto infatti “cancellare” dai giudici il 90 per cento dei suoi debiti (ben 180mila euro) perché non riusciva più a far fronte alle richieste di banche e finanziarie, garantendo nel contempo il sostentamento della moglie e del figlioletto. Il Tribunale, in particolare, ha disposto l’interruzione di ogni procedura esecutiva e cautelare in essere (ivi compreso il pignoramento del 1/5 delle entrate) stabilendo che l’uomo versi ai creditori la somma minima mensile di 300 euro per tutta la durata della procedura. Se si atterrà alle disposizioni, l’artigiano otterrà quindi il completo esdebitamento e potrà iniziare una nuova vita.

Un caso simbolo, che è stato inserito anche nel libro pubblicato lo scorso 2 settembre da Primiceri Editore e scritto dagli avvocati Monica Pagano, Matteo Marini e Laura Girelli (Studio Pagano & Partners). “Sovraindebitamento. Legge 3/12 e casi pratici” rappresenta la prima guida pratica italiana sulla cosiddetta legge Salva-suicidi. Ed è già un piccolo caso editoriale, con centinaia di ordini da tutta Italia (in gran parte da legali o esperti di diritto, ma non solo) nell’arco di pochi giorni.

Cna fa causa per concorrenza sleale al colosso dell’e-commerce Amazon

in Associazioni di categoria/Cna/Economia by
Acquisti on line

Anche gli impiantisti della Cna Brescia sostengono le venti imprese, aderenti alla Confederazione, che hanno avviato un’azione legale nei confronti di Amazon per concorrenza sleale, chiedendo al Tribunale di Roma, in via d’urgenza, che sia inibita la vendita senza alcun controllo di “f-gas” (i gas fluorurati a effetto serra utilizzati soprattutto negli impianti di condizionamento dell’aria e nelle pompe di calore). Da qualche tempo Amazon vende f-gas senza che agli acquirenti venga richiesto, come previsto dalla norma, il possesso dei requisiti di legge (ovvero la certificazione f-gas).

Il regolamento dell’Unione europea 517/2014 specifica in modo chiaro che i gas fluorurati a effetto serra possono essere esclusivamente venduti a persone e imprese in possesso dell’apposita certificazione, il cosiddetto “patentino del frigorista”. Di conseguenza, operare nel settore degli f-gas senza averne titoli e vendendo a soggetti privi di patentino in violazione della legge rappresenta un evidente atto di concorrenza sleale, che determina la possibilità di creare un mercato di fornitori che, a loro volta, concorrono illecitamente e senza alcun titolo con le imprese regolarmente certificate.

“La situazione è ormai divenuta insostenibile – dichiarano la presidente Eleonora Rigotti e Guillermo Federico, portavoce Termoidraulici di Cna Brescia – per chi, rispettando la legge, ha sostenuto oneri economici e burocratici per formare gli addetti, organizzare i processi aziendali e conseguire la certificazione. Aziende in regola che ora vedono operatori poco trasparenti acquistare e vendere f-gas e installare impianti che lo contengono senza certificazione. Soprattutto senza che vi sia l’ombra di alcun controllo. È un atto di concorrenza sleale che rischia di creare due mercati paralleli: quello legittimo degli operatori abilitati e un secondo di soggetti senza la necessaria certificazione. Sarebbe opportuno avviare una seria campagna di controlli in tutta Italia per colpire chi vende f-gas contravvenendo a quanto previsto dal regolamento europeo”.

Lo scandalo dei gas refrigeranti liberamente venduti su internet fu denunciato per la prima volta due anni fa da Cna Installazione impianti, che sottolineò come la mancanza dei controlli stesse creando seri problemi di credibilità per le imprese riguardo a tutto l’impianto legislativo degli f-gas.

La prima udienza in tribunale a Roma sarà l’11 ottobre davanti alla nona sezione civile: in quella sede le imprese ricorrenti e la Cna chiederanno di far cessare al più presto queste vendite per riportare il settore alla piena legalità.

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti