Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Tag archive

sicurezza

Dal metronotte alle reti neurali: Vigilanza Group compie 70 anni

in Servizi by

Vigilanza Group – la società bresciana di servizi per la sicurezza e la protezione dei beni di imprese e privati – compie 70 anni e li festeggia con un traguardo di tutto rispetto: il fatturato del 2015 ha raggiunto la cifra record di 13 milioni di euro, e per il 2016 si prevede di chiudere l’anno con un ulteriore incremento. Un trend in forte ascesa che ricalca l’ottimo andamento degli ultimi anni: nonostante il periodo di crisi economica generale nel 2008 il fatturato è stato di 11 milioni, salito a 11,8 nel 2010. Oggi la società bresciana che conta circa 250 dipendenti, di cui il 50% è socio, è autorizzata ad operare con guardie giurate nelle province di Mantova, Cremona, Bergamo, Verona e L’Aquila, e con servizi di Tele Vigilanza e Video Analisi su tutto il territorio nazionale.

Vigilanza Group è a capo di una holding con sede principale in via Fura 14 a Brescia formata da 5 società: Vigilanza Group, Wolf S.r.l., Telecentral S.p.A., Wolf Assicurazioni e Vigilo 4 You. Il fatturato consolidato di tutto il gruppo nel 2015 ha toccato quota 23 milioni di euro. Grazie alle aziende appartenenti al gruppo, oggi Vigilanza Group si occupa della vigilanza tradizionale e tecnologica, ma fornisce alla clientela supporto e assistenza in ambiti che vanno dalla logistica al recupero crediti, dalle investigazioni alle assicurazioni. Il settore di riferimento, però, è quello dell’avanguardia: grazie a partecipazioni societarie in aziende che si occupano di innovazione in ambito di sicurezza (come Vigilate e Tsec), i servizi offerti da Vigilanza Group sono in continua evoluzione per offrire al cliente, sia privato che aziendale, sempre l’ultimo ritrovato tecnologico. In tutto il gruppo oggi ci sono circa 400 dipendenti in tutta Italia.

Fiore all’occhiello di Vigilanza Group sono le due centrali operative, sempre collegate ed attive in due regioni, che consentono di fornire servizi di localizzazione satellitare, videosorveglianza e televigilanza grazie al sistema Disaster Recovery. Le due centrali operative rilevano le segnalazioni degli impianti d’allarme ad esse collegati 24 ore su 24 valutando l’entità di ogni singola situazione ed attivando le procedure previste in tempo reale. Sempre attentissima alle innovazioni in questo settore, oggi Vigilanza Group propone ai propri clienti sistemi di telecamere a reti neurali dotati di algoritmi intelligenti in grado di discriminare i soggetti rilevati facendo scattare l’alert solo in caso di reale pericolo di intrusione. Questo nuovo sistema abbatte quasi del tutto il rischio di falsi allarmi, particolarmente fastidiosi sia per chi ha un’attività commerciale sia per chi richiede il servizio di vigilanza per la propria abitazione.

Proprio perchè Vigilanza Group ha fatto della costante ricerca di prodotti innovativi il proprio tratto distintivo ha deciso di porsi sul mercato della sicurezza-vigilanza non come “semplice” installatore di telecamere, ma come fornitore di ritrovati tecnici di ultima generazione a prezzi concorrenziali. Così ogni cliente può scegliere da sè l’installatore più comodo anche per la manutenzione degli impianti, sapendo però di aver acquistato un prodotto esclusivo e assolutamente all’avanguardia che non potrebbe trovare altrove.

In questa ottica la holding bresciana ha in progetto di continuare ad effettuare acquisizioni societarie di tutte quelle realtà che in campo nazionale dimostrano di creare prodotti ad alto tasso di innovazione tecnologica. Le ultime acquisizioni di quote societarie in ordine di tempo sono quelle di Vigilate (www.vigilatevision.com/it/) di Rezzato, Tsec di Bedizzole (www.tsec.it/it/) e Vigilo4You (www.vigilo4you.it/).

Oggi il consiglio di Amministrazione di Vigilanza Group è così composto:

– presidente legale rappresentante: Giancarlo Liberatore;

– vicepresidente e amministratore delegato: Angelo Paolo Pietroboni;

– consiglieri: Alessandro Sbrilli, Simona Bove, Pierlorenzo Ferrari, Stefano Baratti,

Giuseppe Corsini, Giuseppe Bolis, Daniele Zanelli, Alessia Tononi e Angelo Volta.

Il consiglio sindacale è compost dal presidente Michele Lussignoli e i sindaci effettivi Marco Rubagotti e Alessandro Bressi.

Il futuro della vigilanza privata: Vigilo 4 You

Vigilo 4 You è il primo servizio di pronto intervento a consumo: grazie a questo nuovo sistema i privati potranno collegare il proprio antifurto alla centrale operativa di Vigilanza Group e acquistare facilmente dei crediti prepagati. In caso di bisogno il cliente potrà richiedere direttamente dal proprio cellulare tramite un’app l’intervento degli operatori di vigilanza e solo in questo caso i crediti acquistati verranno scalati. Non ci sono costi di canone fisso o abbonamento, non ci sono vincoli e il credito acquistato non ha scadenza.

Il servizio verrà lanciato sul territorio regionale a partire da gennaio 2017.

Vigilanza Group compie 70 anni. Un po’ di storia

Vigilanza Group è nata ufficialmente il 3 maggio 1946 con un atto notarile che sancisce la costituzione della Società Cooperativa di Vigilanza Notturna e Campestre per la provincia di Brescia. A dar vita all’istituto furono 20 guardie (Agostino Anzoni di Manerbio, Francesco Bernardo e Santo Binetti di Brescia, Luigi Gritti di Bagnolo Mella, Francesco Capuzzi di Gottolengo, Mario Garza e Silvio Marchioni di Rovato, Giuseppe Premoli di Leno, Carlo Regonini di Manerbio, Luigi Rovizzi di Desenzano, Francesco Zorza di Milzano, Domenico Avisani di Nuvolera, Giulio Abeni di Montichiari, Giuseppe Damiani di Gardone Riviera, Giacomo Baronio di Sarezzo, Giovanni Pavanato di Brescia, Eligio Turati di Virle Treponti, Angelo Gorni di Poncarale, Sivlio Piazzetti e Cataldo Leo di Brescia). L’istituto si occupava prevalentemente di controllare cascine, terreni, stabili e negozi. In quel periodo il servizio di una guardia notturna costava quanto un quintale di grano, 10.000 lire.

Le amministrazioni comunali dall’inizio degli anni Cinquanta cominciarono a chiedere l’intervento della cooperativa, i primi furono i sindaci di Gardone Valtrompia e Montichiari, si aggiunse poi il Comune di Chiari. Nel ’71 l’istituto estese il proprio servizio anche al Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera.

Gli anni di piombo richiesero un ulteriore sforzo di aggiornamento sulle nuove metodiche di intervento e prevenzione e in meno di un anno le forze in servizio raddoppiarono passando dalle 60 guardie del 1976 a 130 nel 1977-’78. Nacque il collegamento radiotelefonico con ciascun vigile attraverso l’installazione di ponti ripetitori. Gli uomini addetti ai servizi più esposti furono dotati di giubbotti antiproiettile e arrivarono le prime auto blindate.

Negli anni Novanta la Vigilanza si specializza in sorveglianza tecnologica con sistemi elettronici di monitoraggio e controllo, televigilanza, videosorveglianza, dispositive satellitari, e una centrale operative aperta 24 ore su 24.

Oggi più di 13.000 soggetti pubblici, privati e aziende richiedono la protezione de La Vigilanza.

Sicurezza sul lavoro, Brescia maglia nera: nel 2016 già 9mila infortuni

in Anmil/Economia/Sindacati by

I numeri fanno impressione, nonostante il calo del 1,79 per cento sul 2015. Nel 2016 in Lombardia gli incidenti sul lavoro sono stati oltre 68mila (64 i decessi) e Brescia, dopo Milano, è alla test di questa triste classifica con ben 9mila infortuni. Con un unico dato consolatorio. Le morti bianche nella leonessa sono passate dalle 19 del 2015 alle 9 del primo semestre 2016. A livello nazionale gli infortuni sono stati 375mila, di cui 562 mortali: un dato sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente.

I dati sono stati presentati nel corso della 66esima giornata nazionale per le vittime da incidenti sul lavoro, ospitata dal comune di Villa Carcina. Presente, tra gli altri, anche la deputata Miriam Cominelli.

La fiera della sicurezza chiude con 23mila visitatori

in Economia/Eventi/Fiere/Partner by

Nelle tre giornate di apertura, sono stati oltre 23.000 gli operatori e volontari che hanno raggiunto Reas, la fiera dell’emergenza che si tenuta dal 7 al 9 ottobre a Montichiari.

“Reas 2016 raccoglie importanti conferme e pone le basi per una nuova fase di crescita”, ha dichiarato Germano Giancarli, Presidente del Centro Fiera. “La fiera ha incrementato il numero di espositori e si è confermata un appuntamento di grande richiamo per gli operatori del settore e per tutto il mondo del volontariato. In mesi così difficili come quelli appena trascorsi, il Sistema dell’emergenza italiano ha svolto un’opera encomiabile. La rete di associazioni e gruppi di volontari che portano il loro indispensabile aiuto nei luoghi di crisi sono un vero orgoglio per il nostro Paese. Siamo felici che REAS sia diventata un punto di riferimento in questo settore così cruciale.”

Il crescente numero di espositori e visitatori internazionali è il risultato di una strategia che Reas porta avanti da alcuni anno, offrendo una panoramica sempre più completa e specializzata per chi opera ad ogni livello nel settore emergenza. Reas 2016, infatti, ha messo a frutto un attento lavoro in sinergia con Enti e Corpi dello Stato, Associazioni e mondo del volontariato, con la partecipazione forte di Regione Lombardia e Provincia di Brescia.

Al taglio del nastro di sabato 8 ottobre sono intervenute diverse autorità, tra cui: Mario Fraccaro, Sindaco di Montichiari, Simona Bordonali, Assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Antonio Bazzani, Consigliere con delega alla Protezione Civile della Provincia di Brescia, Gianluigi Fondra, Assessore alla Protezione Civile del Comune di Brescia, Agatino Carrolo, Comandante provinciale dei Vigili del fuoco, il Colonnello Giuseppe Arbore, Comandante provinciale della Guardia di Finanza, il Colonnello Luciano Magrini, Comandante provinciale dei Carabinieri, Vincenzo Ciarambino, Questore di Brescia, Roberto Antonini, responsabile nazionale di Croce Rossa Italiana, e Fabrizio Pregliasco, Presidente di Anpas Nazionale, Andreas Züge, Direttore Generale di Deutsche Messe – Fiera di Hannover, Dirk Aschenbrenner, Presidente della Vfdb – Associazione dei Vigili del Fuoco e della protezione antincendio della Germania, Claus Lange, Comandante dei Vigili del Fuoco di Hannover, Tim Gold in rappresentanza del THW Bundesanstalt Technisches Hilfswerk.

La segreteria organizzativa del Centro Fiera è già al lavoro per la prossima edizione che taglierà il traguardo del diciottesimo anno. L’appuntamento con REAS è dunque dal 6 all’8 ottobre 2017.

Furti in casa d’estate? L’antifurto si può detrarre dalle tasse

in Associazioni di categoria/Cna/Economia/Eventi by

Sono stati 689 al giorno gli appartamenti svaligiati nel 2015, 29 all’ora, uno ogni 2 minuti. Lo ha calcolato il Censis. Secondo un’indagine condotta nel maggio scorso da «Lorien Consulting», poi, il 63% degli italiani tra i 30 e i 74 anni teme di subire «invasioni criminali» nella propria abitazione; un pensiero che si affaccia in particolare mentre si è in vacanza.

La paura e la fretta possono però essere cattive consigliere se si vuole tentare di difendere dai ladri le proprie abitazioni. A maggior ragione quando le si vuole proteggere dalle intrusioni quando per giorni o settimane si è lontani da casa, durante il periodo delle ferie.

Ecco quindi i consigli di Cna Installazione e Impianti per difendersi dai ladri. Prima di tutto è necessario analizzare le necessità dell’appartamento da proteggere con l’installazione dell’impianto antifurto. Da questo dipende anche il prezzo, che può andare da poche centinaia a diverse migliaia di euro. Il costo dell’impianto è determinato da più variabili: il numero di componenti da installare (che dipende dalle dimensioni dell’abitazione e dai punti di accesso da proteggere); la funzionalità e le caratteristiche dei singoli componenti; l’installazione; la presenza di animali in casa; il numero di ore e/o di giorni nei quali l’abitazione rimane deserta.

Si può optare per il fai-da-te. Esistono kit da poche centinaia di euro (dai 100 ai 700) composti da una centrale, sensori (contatti magnetici e/o rilevatori a infrarossi), tastiera, sirena e combinatore telefonico, quasi tutti con interfaccia wireless. Ma questa soluzione, avvertono gli esperti di Cna Installazione e Impianti, presenta molti svantaggi. Se l’antifurto non è installato da un impiantista abilitato non può ottenere la cosiddetta dichiarazione di conformità e, di conseguenza, non viene assicurato. Si tratta, poi, di meccanismi delicati e le possibilità che non funzionino sono alte.

C’è un altro aspetto non secondario da tenere in considerazione: rivolgendosi ad un professionista, che rilascia regolari fatture per i materiali acquistati ed il lavoro svolto, da saldare con un bonifico bancario, si avrà la possibilità di usufruire degli sgravi fiscali riconosciuti alle ristrutturazioni edili, pari al 50% della spesa sostenuta.

Si possono applicare, infatti, le detrazioni fiscali per l’installazione di foto o videocamere collegate con centri di vigilanza privati, di apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline, di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti; per il rafforzamento, la sostituzione o l’installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici; e ancora per l’apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione. Lo spiega la stessa Agenzia delle Entrate.

Il consiglio dei tecnici Cna è quindi quello di rivolgersi a personale specializzato e utilizzare materiale certificato per evitare una spesa che possa rivelarsi superflua alla prima prova anti-crimine. E una brutta delusione al ritorno dalle vacanze.

I numeri – È in aumento il numero degli italiani previdenti: secondo una ricerca Ipsos commissionata dalla Fiera di Milano, in Italia 3 famiglie su 4 hanno installato un sistema antifurto, sia pure una semplice porta blindata.

I furti in appartamento denunciati sono aumentati del 94% tra il 2005 e il 2015. Ma, sempre secondo i dati del Viminale, la crescita si sarebbe arrestata nel 2014 (255.886 casi, +1,8% rispetto al 2013). Nel 2015, infatti, sono scesi a 233.730 (-8,7% sull’anno precedente). Una tendenza confermata nei primi mesi di quest’anno. Tra gennaio e aprile 2016 le denunce di furti in appartamento sono calate del 15,9% rispetto allo stesso periodo del 2015. Questo calo potrebbe essere determinato anche da un senso di frustrazione dei cittadini. Solo il 2,7% dei criminali viene assicurato alla giustizia.

Il calo delle denunce va di pari passo con l’aumento dei sistemi di protezione nelle abitazioni private. Una tendenza già registrata per banche ed esercizi commerciali, diretta conseguenza del timore crescente degli italiani per i furti in appartamento.

Regione, Parolini: sale a 2milioni il bando per la sicurezza nei negozi

in Commercio/Economia/Istituzioni by

“Abbiamo deciso insieme al Sistema Camerale di aumentare i fondi e di dare la possibilità di accedere anche agli artigiani al bando che permette di ricevere fino a 5000 euro di contributo a fondo perduto per sostenere l’acquisto e l’istallazione di sistemi innovativi di sicurezza nelle loro attività”. È quanto ha annunciato stamane Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, presentando il provvedimento approvato dalla Giunta che va ad incrementare la dotazione del bando per finanziare investimenti “finalizzati all’incremento della sicurezza a favore delle micro e piccole imprese commerciali ed alle micro e piccole imprese artigiane con sede legale od operativa e almeno un punto vendita in Lombardia”.

CONTRIBUTO CAMERE DI COMMERCIO – “Passano così da 1 milione di euro ad oltre 2 le risorse complessive destinate a questo bando. Regione Lombardia ha aggiunto 515mila al milione di euro già stanziato – ha spiegato l’assessore – raddoppiando l’identica cifra messa a disposizione dalle Camere di Commercio, che partecipano così attivamente cofinanziando un’iniziativa molto importante le cui procedure saranno gestite insieme a Unioncamere Lombardia”.

QUADRO PREOCCUPANTE – “I negozi di vicinato sono spesso esposti ad odiosi episodi di microcriminalità; gli ultimi dati disponibili – ha sottolineato l’assessore – descrivono infatti un quadro preoccupante nella nostra regione con più di 24mila denunce raccolte dalle forze dell’ordine. Di fronte a questa situazione abbiamo quindi deciso di rilanciare il nostro sostegno al comparto e rimarcare con forza la vicinanza ai titolari di esercizi commerciali e agli artigiani, soprattutto in un momento in cui perdura la crisi dei consumi”.

IMPEGNO REGIONE PER COMMERCIO E ARTIGIANATO – “Con questo importate impegno economico, quella presentata stamane – ha concluso Parolini – diventa solo l’ultima misura inserita in un ampio contesto di iniziative e di incentivi economici che l’assessorato allo Sviluppo economico ha messo in campo per il settore del commercio sul fronte della lotta alla desertificazione commerciale, alla contraffazione e all’abusivismo, per il sostegno di interventi specifici di riqualificazione degli esercizi commerciali, oltre che per la valorizzazione delle attività storiche e di quei negozi e reti di attività commerciali che si sono distinti per la capacità di generare attrattività”.

STANZIAMENTO – Euro 2.030.000

SOGGETTO GESTORE – Unioncamere Lombardia.

INTERVENTI AMMISSIBILI – Sono ammesse a contributo le spese per l’acquisto e relativa installazione, al netto dell’IVA, di sistemi innovativi di sicurezza e dispositivi per la riduzione dei flussi di denaro contante (sistemi di videoallarme antirapina; sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico; casseforti, sistemi antitaccheggio, serrande e saracinesche, vetrine antisfondamento; sistemi di pagamento elettronici; sistemi di rilevazione delle banconote false; dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna esterna).

IL CONTRIBUTO – L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, fino a un massimo di 5.000 euro, pari al 50% dell’investimento.

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti