Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Istituzioni - page 2

Farmacie comunali di Brescia, bilancio 2016 a 15 milioni di euro

in Bilanci/Comune di Brescia/Economia/Evidenza/Farcom/Istituzioni/Partecipate e controllate by

Un anno positivo per Farcom Brescia Spa, società presieduta da Rocco Vergani, che gestisce le dodici farmacie Comunali di Brescia dall’anno 2001, la cui maggioranza, per una quota del 79,9% appartiene alla Cooperativa esercenti Farmacia scrl, mentre il 20,01% è del Comune di Brescia.

Con un patrimonio netto di 13.4 milioni di euro, la Farcom Brescia Spa ha chiuso l’esercizio 2016 con un fatturato di 15 milioni 179mila euro e costi di produzione 15 milioni 96mila euro.

Gli acquisti di farmaci hanno richiesto 10 milioni 70mila euro, il costo per servizi 761mila euro, il costo per godimento di terzi 614 milioni in cui confluisce il canone di concessione a favore del Comune di Brescia per 462mila euro, il costo per il personale 2 milioni 842mila euro, gli ammortamenti per 554mila euro di cui 391mila euro per il diritto di gestione delle farmacie, 80mila euro per le rimanenze di magazzino ed infine oneri diversi di gestione per 175mila euro.

Nel corso dell’anno 2016 sono stati realizzati importanti investimenti, al fine di migliorare il servizio della farmacia. In particolare sono stati acquistati dal Comune di Brescia gli immobili delle farmacie di Pendolina e del Villaggio Violino, per un importo complessivo di 308mila euro.

L’utile netto è stato di 111.648 euro a fronte di imposte correnti di 60.053 euro.

“Il settore è caratterizzato da una stagionalità che incide significativamente sui dati economici, spesso in maniera imprevedibile. Guardando con attenzione i dati del 2016” continua Vergani, “la performance di Farcom Brescia Srl, la migliore degli ultimi 10 anni, si inserisce e va letta come un risultato determinato dalla gestione attenta ed oculata del management e dal lavoro quotidiano delle maestranze cui si è aggiunto un percorso di investimenti mirati e strategici”.

L’Assemblea dei Soci del 24 maggio 2017 ha deliberato di corrispondere ai soci di Farcom Brescia Spa un dividendo per un importo complessivo di 194.445 euro comprensivo sia dell’utile d’esercizio 2016 al netto della riserva legale, che della riserva straordinaria, formata da accantonamenti di utili di esercizi precedenti.

Al Comune di Brescia sono stati distribuiti dividendi per 40mila euro che aggiunti al canone di concessione annuale per la gestione delle farmacie e all’importo incassato dalla vendita degli immobili ha introitato complessivamente un importo di 810mila euro.

“Il settore è sempre più difficile, ogni anno fa a sé e bisogna sempre essere straordinari nel gestire l’ordinario. Da parte dei soci CEF e Comune di Brescia emerge la volontà di migliorare sempre di più il servizio ai cittadini in relazione alle diverse specificità dei territori serviti, quasi tutti in periferia. Qui le farmacie comunali sono agenzia sociale e centro di servizi sanitari per la popolazione: la nostra vera sfida è garantire un livello di qualità pari a quello dei privati e partecipare al sistema delle farmacie condividendone la comune missione nei confronti dei cittadini”.

Giuseppe Ambrosi nominato cavaliere

in Ambrosi/Aziende/Economia/Evidenza/Istituzioni/Nomine by

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato oggi il decreto con il quale, su proposta del Ministro dello Sviluppo Economico Dottor Carlo Calenda, Giuseppe Ambrosi, imprenditore, Presidente della Camera di Commercio di Brescia, componente eletto del Consiglio Generale di AIB e presidente di Assolatte è stato nominato Cavaliere del Lavoro della Repubblica Italiana.

“Provo in questo momento una grande soddisfazione perché questi riconoscimenti non arrivano per caso, ma grazie al duro lavoro ed allo spirito di sacrificio espresso negli anni come imprenditore e come uomo”, dichiara Ambrosi “Un riconoscimento che dedico alla memoria di mio padre e di mio fratello, a tutta la mia famiglia ed ai miei collaboratori, senza i quali non avrei raggiunto questo altissimo traguardo.”

“Mi congratulo con l’amico Giuseppe Ambrosi per la meritata onorificenza conseguita, ringraziandolo per il grande lavoro che ha sempre svolto e che continuerà a svolgere con la consueta dedizione per la città di Brescia e per l’Associazione” aggiunge Giuseppe Pasini, Presidente di Associazione Industriale Bresciana “Noi imprenditori bresciani siamo persone di poche parole e molta concretezza: ogni volta che queste qualità vengono riconosciute meritatamente ad uno di noi, dobbiamo tutti esserne orgogliosi e fieri”.

Giuseppe Ambrosi, nato a Brescia il 20.03.1964 è coniugato e padre di due figli. Laureato in Economia e Commercio, dal 1994 è Presidente ed Amministratore Delegato di Ambrosi S.p.A..

Regione, con l’anno della cultura in arrivo 50 milioni per gli eventi

in Economia/Istituzioni/Regione/Turismo by

“Un palinsesto con 60 eventi e iniziative finanziato con 50 milioni di euro dalla giunta regionale, di cui 5 deliberati nella riunione di oggi a Cremona, l’attivazione di Piani Integrati di Cultura che stimoleranno i territori per una migliore collaborazione tra i diversi livelli istituzionali e i cittadini”.

Questi gli elementi qualificanti del nuovo ‘Anno della Cultura’ in Lombardia presentato oggi a Cremona, al Museo del Violino, dall’assessore regionale alle Culture, Identita’ e Autonomie Cristina Cappellini insieme al presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e all’assessore regionale allo Sviluppo economico Mauro Parolini.

INIZIA L’ANNO DELLA CULTURA – In occasione del ‘passaggio di testimone’ dall’Anno del Turismo all’Anno della Cultura, l’assessore Cappellini ha indicato alcune delle linee guida che caratterizzeranno il palinsesto di eventi che sara’ presentato a luglio.

PATRIMONIO STRAORDINARIO – “La Lombardia e’ la regione – ha sottolineato l’assessore Cappellini – che ha una varieta’ immensa di identita’ locali, di specificita’ culturali e di territori diversi che meritano attenzione e promozione, per questo abbiamo destinato risorse per la valorizzazione di questo straordinario patrimonio”.

MOTORE CULTURALE – “Il nostro sogno – ha commentato Cappellini – e’ che la Lombardia non sia conosciuta solo come motore economico ma anche culturale. Siamo la regione con il maggior numero di siti Unesco in Italia anche se questo prezioso elemento di distintivita’ non e’ conosciuto da tutti i lombardi”.

LE RISORSE APPROVATE OGGI DALLA GIUNTA – Le risorse approvate oggi per la cultura in Lombardia ammontano a circa 5 milioni. In particolare, 1.938.000 euro sono destinati alla valorizzazione dei musei, 850.000 euro per la promozione dei siti archeologici iscritti e candidati a patrimonio dell’Unesco, 735.000 euro per le biblioteche e gli archivi storici, 533.000 per la promozione educativa e culturale (eventi come mostre, presentazione di ricerche, spettacoli non inseriti gia’ in festival e rassegne), altri 424.000 per il patrimonio immateriale, ulteriori 250.000 per la promozione della musica e della danza, 130.000 euro per il settore del cinema e degli audiovisivi e 125.000 per i complessi bandistici.

PALINSESTO EVENTI – Tra gli appuntamenti piu’ significativi, il Festival Monteverdi – che terminera’ il 24 giugno – l’abbonamento musei. “Un grande successo che oggi conta piu’ di 35.000 tessere vendute” – ha chiosato Cappellini sottolineando l’estensione a Valle d’Aosta, Piemonte e Canton Ticino, l’Expo di Astana in Kazakistan (dal 17 al 23 giugno) con per tema l’energia. “Regione Lombardia e’ stata invitata – ha spiegato Cappellini – e sara’ presente con un modello della macchina progettata da Leonardo da Vinci e con uno spettacolo dedicato interpretato da Massimiliano Finazzer Flory.

Al centro dell’Anno della Cultura anche il festival della letteratura di Mantova, che quest’anno compie vent’anni e si svolgera’ dal 6 al 10 settembre, Next – il laboratorio delle idee e ‘borsa teatrale’ e la ‘Festa de lo pan ner’, inserito nel quadro degli eventi dedicato al patrimonio immateriale in
collaborazione con Val d’Aosta e Val Poschiavo (Canton Grigioni, Svizzera) in calendario in ottobre.

Centropadane, il nuovo presidente è Scuri: pronto a incontrare tutti i soci

in Economia/Gabeca/Istituzioni/Personaggi/Zone by

In seguito all’indicazione alla guida della società Centropadane Spa, avvenuta ieri, il neopresidente Fabrizio Scuri ha tenuto a ringraziare tutti gli azionisti, annunciando l’avvio di un’azione di ascolto delle istanze dei territori e delle realtà coinvolte.

Ringrazio per la mia nomina”, ha detto, “sono consapevole di avere una responsabilità importante, e cercherò di onorarla nel migliore dei modi. Convocherò al più presto il Consiglio di amministrazione per iniziare ad inquadrare la situazione, quindi fisserò incontri con tutti i soci – a partire da Cremona – per conoscerli e ascoltare, con la massima apertura, le loro aspettative. Il mio impegno”, ha concluso Scuri, “sarà quello di condividere le scelte future di Centropadane, nell’interesse della società, dei soci azionisti e dell’intera collettività”.

Camere di commercio, Parolini: Regione ha sostenuto la riforma

in Camera di commercio/Economia/Evidenza/Istituzioni/Mauro Parolini/Personaggi/Regione by
Nella foto: Mauro Parolini, Assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia​​, Elena Vasco, Segretario Generale della Camera di commercio di Milano - www.bsnews.it

“Regione Lombardia ha sostenuto e accompagnato in tutte le sedi il percorso di autoriforma e razionalizzazione intrapreso dal sistema camerale lombardo, che prevede importanti accorpamenti”. Così l’assessore regionale allo Sviluppo economico sulla Legge Madia di riforma degli Enti camerali.

“Gran parte delle Camere lombarde – ha sottolineato l’assessore – ha già avviato la riorganizzazione, mentre altre, come Bergamo, Brescia e Varese, hanno confermato le strutture esistenti. In questo modo la Lombardia passa da dodici realtà a otto (Milano-Lodi-Monza e Brianza; Como-Lecco; Varese; Brescia; Bergamo; Mantova-Cremona; Sondrio; Pavia), mantenendo l’organizzazione locale dei servizi e delle sedi”.

CAMERE DI SONDRIO E PAVIA – “Rispetto ai criteri stabiliti dalla legge di riforma c’è la deroga prevista per la Camera di Sondrio, un area montana per cui abbiamo sostenuto fin dall’inizio l’autonomia. La stessa proposta è stata avanzata da Regione Lombardia anche per la Camera di Pavia, che ha quasi 60mila imprese e una collocazione geografica ed economica particolare. Ho proposto l’autonomia di Pavia – ha aggiunto l’assessore – anche se non è presente una specifica deroga per legge e pur consapevole delle difficoltà che il relativo percorso approvativo comporta, proprio perché credo nella necessità di tutelare le autonomie e le specificità locali, oltre al diritto di autodeterminarsi dei sistemi economici locali”.

RISPETTO AUTONOMIA E SUSSIDIARIETÀ – “Il percorso finora è stato conseguito nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà e dell’autonomia di questi enti, che rappresentano una forma efficiente di democrazia economica, perché sono l’unica istituzione gestita direttamente dai soggetti economici. L’assetto – ha concluso Parolini – costituisce la migliore sintesi e il contributo che la Lombardia sta dando al cammino nazionale di autoriforma del sistema camerale”.

 

Grande distribuzione, Rolfi: niente aiuti ai centri commerciali lombardi

in Commercio/Economia/Evidenza/Istituzioni/Regione by

Nell’ambito degli accordi di attrattività previsti dalla Legge sulla Semplificazione di Regione Lombardia è stato approvato un emendamento della Lega Nord sulla grande distribuzione, con primo firmatario Fabio Rolfi, vice capogruppo del Carroccio al Pirellone.

 “Il nuovo strumento di sostegno – spiega Fabio Rolfi – previsto dalla Legge di Semplificazione per finanziare l’insediamento e ampliamento di imprese manifatturiere o di servizi in Lombardia, sarà precluso alla grande distribuzione. Questo è il contenuto di un emendamento della Lega Nord, con il sottoscritto come primo firmatario, che esclude l’ammissibilità delle grandi strutture di vendita ai finanziamenti previsti dai bandi regionali in materia di attrattività.

Abbiamo posto in essere questa modifica – prosegue l’esponente del Carroccio – in perfetta coerenza con la linea portata avanti dal nostro Movimento sin dall’inizio della legislatura. La moratoria sui centri commerciali e successivamente la legge di consumo del suolo, rientrano proprio nell’azione di disincentivo di realizzazione di nuovi centri commerciali su un territorio regionale che è già fin troppo saturo e dove non servono altre superfici per la grande distribuzione.  

Nell’ambito degli accordi per l’attrattività quindi, le grandi strutture di vendita – conclude Fabio Rolfi – non potranno beneficiare degli incentivi legati a questi accordi.”

Brescia Mercati, Del Bono indica Massoletti e Alberti

in Comune di Brescia/Economia/Evidenza/Istituzioni/Nomine by

Antonio Massoletti e Giovanni Alberti. Sono questi i nomi che il sindaco Emilio Del Bono ha nominato due persone in seno al consiglio di amministrazione del Consorzio Brescia Mercati Spa. Antonio Massoletti è laureato in Economia e Commercio, è stato presidente del Consorzio Brescia Centro e, dal 2013, è consigliere del sindaco di Brescia sui temi del commercio e del turismo.  Giovanni Alberti, invece, fa parte della Polizia locale di Brescia di cui è commissario aggiunto.

Turismo enogastronomico, bando da 1,2 milioni di euro della Regione

in Agricoltura e allevamento/Alimentare/Economia/Istituzioni/Regione/Turismo by

Si chiama ‘Wonderfood & Wine’ – secondo quanto riportato dal quotidiano on line BsNews.it – il nuovo bando da oltre 1,2 milioni di euro di Regione Lombardia, che concede contributi a fondo perduto fino a 75.000 euro per finanziare progetti di promozione turistica legati all’enogastronomia lombarda. Ad annunciarne la pubblicazione e’ l’assessore regionale allo Sviluppo economico Mauro Parolini, il quale ha sottolineato che “si tratta di una delle opportunita’ piu’ importanti del progetto ‘Sapore in Lombardia’, per cui abbiamo stanziato complessivamente 5 milioni di euro con l’obiettivo di raccontare, consolidare, mettere a sistema la ricchezza della nostra offerta turistica in chiave enogastronomica e sostenere gli operatori del settore”.

“La nostra regione – ha dichiarato Parolini – non e’ ancora una destinazione turistica affermata in questo ambito, ma lo sara’ presto. In Lombardia infatti la ristorazione e la cucina, le produzioni agricole, alimentari e vitivinicole continuano a creare eccellenza tra
tradizione e modernita’, e questo patrimonio costituisce un formidabile elemento di attrattivita’ su cui stiamo puntando, sia per il mercato interno che, soprattutto, per quello internazionale”.

ANNO DEL TURISMO

“Durante quest’anno interamente dedicato al turismo – ha spiegato l’assessore – ci siamo impegnati a sostenere la promozione di tutti gli ambiti meno maturi e piu’ promettenti. Accanto agli interventi sul turismo enogastronomico, abbiamo messo in campo iniziative senza precedenti in Lombardia per il cicloturismo, il turismo religioso e quello legato alle citta’ d’arte”.

AUMENTARE LA VISIBILITA’

“Con questo bando, in particolare, – ha aggiunto Parolini – vogliamo sostenere in modo sussidiario interventi concreti e sinergici che aumentino la visibilita’ della nostra offerta in un mercato sempre piu’ vasto, ma anche valorizzare il legame tra turismo ed enogastronomia, che rappresenta probabilmente la chiave d’accesso piu’ autentica e diretta all’essenza e alla storia di un territorio”.

I PROGETTI FINANZIABILI

“Aggregazione, collaborazione e integrazione tra diversi soggetti, pubblici e privati, saranno elementi decisivi dei progetti finanziati da questa iniziativa, proprio per superare la frammentazione che talvolta ha rallentato l’efficacia del nostro sistema turistico. Le ingenti risorse stanziate – ha concluso Parolini – andranno a sostenere infatti interventi condivisi, su scala regionale, nazionale ed internazionale, di definizione e promozione dell’offerta enogastronomica lombarda su precisi mercati target, attraverso testimonial, eventi, partecipazione a fiere, blog tour, progetti di comunicazione e tanto altro ancora”. (Lnews – segue scheda)

CHI HA ACCESSO

Beneficiari del contributo regionale sono consorzi, imprese consortili e fondazioni. In forma aggregata possono presentare domanda anche associazioni di categoria, tra imprese e di professionisti; quartieri fieristici e organizzatori fieristici; soggetti pubblici e privati che si occupano di comunicazione e promozione turistica e del territorio.

ENTITA’ CONTRIBUTO

Le risorse, pari a 1.258.000,00 euro, sono trasferite a Unioncamere Lombardia in qualita’ di soggetto gestore. Il contributo regionale, pari al 70 per cento delle spese complessive ammissibili, sara’ a fondo perduto e non potra’ essere superiore a 5.000 per i soggetti in forma singola e 75.000 euro per le aggregazioni.

I PROGETTI

Sono finanziabili interventi di rilievo regionale, nazionale e internazionale di promozione turistica legata all’offerta enogastronomica lombarda coerenti con il progetto regionale unitario Sapore in Lombardia.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese devono essere riconducibili esclusivamente alle seguenti tipologie: spese di comunicazione direttamente funzionali al progetto; spese per consulenze; noleggio di hardware e software; noleggio di materiali, attrezzatture e servizi; affitto spazi.

FASI E TEMPI

Il procedimento di selezione dei progetti si articola nelle seguenti fasi: acquisizione delle proposte progettuali preliminari; convocazione; acquisizione delle proposte progettuali definitive. Le proposte devono essere inviate dal 5 giugno al 30 giugno 2017.

INFORMAZIONI

Approfondimenti e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito di Unioncamere Lombardia e di Regione Lombardia.

Finlombarda, ecco il nuovo consiglio di amministrazione

in Banche/Economia/Finanza/Istituzioni/Regione by

La Giunta regionale della Lombardia, nelle scorse ore, ha provveduto a designare il presidente e
i componenti del consiglio di amministrazione di Finlombarda spa, societa’ finanziaria regionale per lo sviluppo della Lombardia, nelle persone dell’avvocato Michele Giuseppe Vietti (presidente), dell’avvocato Elisabetta Assi e dell’avvocato Maria Carla Giorgetti (componenti).

Michele Giuseppe Vietti, avvocato civilista, esperto i diritto commerciale, industriale e fallimentare, ex vice presidente del Consiglio superiore della Magistratura (Csm), ex sottosegretario di stato ai ministeri dell’Economia, delle Finanze e della Giustizia, piu’ volte parlamentare, gia’ presidente della Commissione ministeriale di riforma dell’ordinamento giudiziario nonche’ professore straordinario di diritto delle societa’ presso l’universita’ Unint di Roma.

Elisabetta Assi, avvocato, responsabile delle transazioni obbligazionarie di un istituto finanziario di rilievo
internazionale. Precedentemente, collaboratrice senior di un primario studio legale di New York.

Maria Carla Giorgetti, avvocato, esperto in diritto societario commerciale, arbitrale e fallimentare, ex componente del cda della Fondazione Stelline di Milano, professore ordinario di Diritto processuale civile, fallimentare e dell’arbitrato, presidente del corso di studi di laurea in operatore giuridico di impresa presso l’Universita’ di Bergamo.

L’assemblea di Finlombarda in programma nel mese di maggio procedera’ alla nomina del Cda secondo le designazioni della Giunta.

Nomine, ecco chi ha scelto il sindaco per Brescia Mobilità, Centro Padane e Centrale

in Comune di Brescia/Economia/Istituzioni by

Il Sindaco di Brescia Emilio Del Bono nei giorni scorsi ha nominato cinque persone nel Collegio Sindacale di Brescia Mobilità, una persona nel Consiglio di Amministrazione di Autostrade Centro Padane e tre persone nel Collegio Sindacale di Centrale del Latte di Brescia Spa.

Sono tutti professionisti che potranno dare un valido contributo alla realtà nella quale andranno a operare.

Antonio Passantino, nominato Presidente del Collegio Sindacale di Brescia Mobilità, è laureato in economia ed è Presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Brescia. Ha ricoperto incarichi di consigliere, sindaco e revisore in banche, società finanziarie e immobiliari e all’interno di enti a carattere pubblico. Attualmente ricopre la carica di curatore fallimentare del gruppo Finmatica Spa e quella di sindaco effettivo nella Società Esercizi Aeroportuali Spa che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa.

Luisa Anselmi, nominata membro effettivo del Collegio Sindacale di Brescia Mobilità, si è laureata in Economia e Commercio all’Università degli Studi di Verona. Ha lavorato come consulente fiscale e come docente universitaria collaborando con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 1994 è Dottore Commercialista e Revisore Legale, con proprio studio a Brescia. È inoltre Ispettore Confederale iscritto nell’Elenco Nazionale dei Revisori di Società Cooperative dal 1995. Esperta in materie contabili e fiscali per il Tribunale di Brescia, è iscritta alla Camera Arbitrale di Brescia.

Alberto Papa, nominato in qualità di membro effettivo del Collegio Sindacale di Brescia Mobilità, è Dottore Commercialista e revisore unico. Da settembre 2013 è Presidente del collegio sindacale della Bcc Agrobresciano di Ghedi, dal 28 febbraio è revisore unico del Comune di Moscazzano (Cr). Vanta numerose esperienze in operazioni aventi come oggetto fusioni, scissioni, conferimenti di società/rami d’azienda operanti nei servizi pubblici locali.

Carlo Valetti, nominato membro supplente del Collegio Sindacale di Brescia Mobilità, è Commercialista e revisore contabile. Ha ricoperto numerosi incarichi come sindaco e presidente in diversi Cda di aziende comunali costituite per  la gestione di farmacie. Da gennaio 2014 al 2016 è stato revisore contabile unico per il comune di Robecco D’Oglio e, dal 2015 ad oggi, revisore dei Conti del Comune di Torre d’Isola.

Mariacristina Zola, nominata membro supplente del Collegio Sindacale di Brescia Mobilità, è iscritta all’Albo dei Dottori Commercialisti, al Registro dei Revisori Contabili e al Registro dei Revisori degli Enti Locali. Ha svolto il ruolo di Presidente del Collegio Sindacale di Valbona srl. ed è sindaco supplente per diverse aziende tra cui Bonera spa e Franzil & C. srl.

Gianpaolo Magnini, nominato membro effettivo e presidente del Collegio Sindacale di Centrale del Latte Spa, è iscritto all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brescia dal 1995. È Revisore Contabile dal 1999 ed è iscritto nel Registro dei Revisori di Cooperative presso il Ministero del Lavoro dal 1993. Ha ricoperto incarichi in numerose società tra i quali quello di presidente del collegio sindacale di Lazzarini Srl, Cooprolama Sca, Agrilatte Sca, Co-Pre Sc e Centrale del latte di Brescia Spa. È stato inoltre revisore contabile di Co. Pag. Sca e della Fondazione Teatro Grande di Brescia.

Marco Orazi, nominato membro effettivo del Collegio Sindacale di Centrale del Latte Spa, si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Brescia nel 1991. È iscritto al Registro dei Revisori legali dei conti, all’elenco dei Revisori dei Conti degli Enti Locali tenuto dal Ministero dell’Interno, all’Albo degli Amministratori Giudiziari tenuto dal Ministero di Grazia e Giustizia e all’Albo dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Brescia. Ha maturato specifiche esperienze nell’ambito di ristrutturazioni- riorganizzazioni di aziende colpite dalla crisi economica.

Marco Gerolimich, nominato membro supplente del Collegio Sindacale di Centrale del Latte Spa, si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Brescia nel 1985. Svolge l’attività professionale di Dottore Commercialista dal 1988. È iscritto al Registro dei Revisori Contabili, all’Albo dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Brescia, nell’elenco Arbitri della Camera Arbitrale di Brescia e all’Albo delle Esecuzioni Immobiliari presso il Tribunale di Brescia. In qualità di Revisore Contabile svolge l’attività di controllo legale dei conti quale Membro di Collegi Sindacali di società per azioni e a responsabilità limitata nonché Revisore dei Conti di Fondazioni, Associazioni e Cooperative.

Eugenio Massetti, nominato membro del Consiglio d’Amministrazione della società Autostrade Centro Padane Spa, è specializzato in contabilità e gestione d’azienda, lingue e utilizzo di programmi di grafica.

Ha ricoperto il ruolo di componente in diversi Cda e quello di Presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia, Upa Servizi, ANCOS Circolo culturale Brescia e Fondazione Museo Diocesano di Brescia. Attualmente svolge l’incarico di componente della Giunta nazionale di Confartigianato con delega Energia Multiutility.

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti