Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Associazione Artigiani

Internazionalizzazione, nuova convenzione per l’Associazione Artigiani

in Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Economia/Export by
Bortolo Agliardi (presidente Associazione Artigiani dal 2015)

Continua l’attività di internazionalizzazione dell’Associazione Artigiani: firmata una convenzione con il Centro di assistenza doganale Studio Michelucci.

“Il percorso di internazionalizzazione delle imprese, tappa obbligatoria per continuare ad essere competitivi, non si inventa da un giorno all’altro ma si deve costruire passo a passo – afferma il presidente dell’Associazione Artigiani di Brescia e Provincia Bortolo Agliardi -. E’ innanzitutto fondamentale verificare lo stato dell’arte della propria attività e solo in un secondo momento si può cominciare a guardarsi attorno. Le difficoltà però sono tante, normative, vincoli di legge, tipologia di merci esportabili, e non sempre ce la si può fare da soli”. In questo contesto giunge la firma della convenzione con il Centro di assistenza doganale Studio Michelucci di Brescia, società di spedizionieri doganali specializzata in mercati extra Unione Europea. “Grazie alla loro professionalità possiamo garantire ai nostri associati un ulteriore elemento di qualità in vista del commercio con l’estero – aggiunge il presidente Agliardi -. La convenzione è allo stesso tempo un punto di partenza e una garanzia per gli iscritti, che potranno affrontare i mercati stranieri con la forza della conoscenza e delle competenze”.

La convenzione, firmata da Bortolo Agliardi e dal presidente dello Studio Michelucci Alessandro Michelucci, garantisce agli associati servizi di assistenza a prezzi scontati. Tali prestazioni coprono un’ampia gamma di necessità, dalle consulenze in fase preliminare per affacciarsi ai mercati extra Ue, fino alla contrattualistica vera e propria. In più sono previste la gestione delle operazioni doganali e lo studio delle normative in ambito tecnico-doganale, fiscale e tributario. “Metteremo a disposizione tutta la nostra professionalità per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti insieme – afferma Matteo Michelucci, socio dello Studio Michelucci -. Siamo pronti a lavorare fianco a fianco con gli iscritti dell’Associazione Artigiani”.

L’OPINIONE: Burocrazia, artigiani e commercialisti uniti nella lotta

in Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Bortolo Agliardi/Economia/Opinioni/Personaggi by
per_webagliardi24_fbSXgP7hyq

di Bortolo Agliardi – Nelle settimane scorse, i commercialisti italiani hanno indetto uno sciopero sorprendente per le motivazioni. Probabilmente per la prima volta nella storia, una categoria – i commercialisti, per l’appunto – proclamavano uno sciopero non per difendere interessi propri, ma quelli dei loro clienti, e in particolare gli artigiani e le piccole e medie imprese. Lo sciopero è poi rientrato per una serie di assicurazioni avute dal Governo che vedremo se verranno mantenute.

Ma è curiosa – amaramente curiosa – questa storia dei professionisti che minacciano un super-sciopero (avrebbe dovuto tenersi dal 26 febbraio al 6 marzo, così da bloccare le dichiarazioni Iva) per conto dei loro clienti. Che è mai accaduto? La storia potrebbe avere un semplice titolo: L’orco Burocratico. Perché di questo si tratta: di burocrazia, di adempimenti su adempimenti, di carte o di file, di controlli incrociati che non finiscono mai, di promesse – la Semplificazione tanto annunciata – e mai mantenute. Di più: non solo non mantenute, ma disattese; non solo la semplificazione non arriva ma arriva un supplemento, un’aggiunta di pratiche, di dati, di numeri da inviare. E questo naturalmente significa lavoro su lavoro (e questo credo potrebbe anche star bene ai commercialisti) e costi su costi (ma questo non sta bene alle aziende che devono pagare i commercialisti). Questo è il punto: i commercialisti, che ben sanno quanta burocrazia si devono sfangare per conto delle aziende, hanno minacciato uno sciopero perchè persino a loro (che pur avrebbe potuto beneficiare del super lavoro) la misura è parsa colma, eccessiva. E hanno detto basta. Capite l’enormità della cosa? Un gruppo di professionisti (praticamente tutti i commercialisti italiani) hanno minacciato di lasciar cadere la penna per salvaguardare i loro clienti, in particolare quelli più piccoli. Perchè questo è il punto: una grande azienda è strutturata di suo per fare queste pratiche, ma i più piccoli non lo sono, devono andare dal commercialista che se deve a sua volta aggiungere pratiche a pratiche si farà pagare di conseguenza.

Di cose che si sono sovrapposte a cose che dovevano essere rimosse ce ne sono tante. Un esempio, uno solo, fra i tanti. Sono stati tolti gli studi di settore. Benissimo: una pratica in meno, per gli artigiani e le piccole imprese qualcosa in meno da pagare al commercialista. Illusione: hanno inserito una norma tale per cui adesso ogni tre mesi va trasmesso al fisco l’elenco di clienti e fatture. E quindi: viene tolta una norma (gli studi di settore) ne vengono messe 12 (ogni 3 mesi un elenco per i clienti ed uno per le fatture moltiplicate per quattro trimestri…). Per le grandi imprese, come detto, magari non è la fine del mondo, per noi sono costi aggiuntivi.

Ripeto: è solo un esempio, ma che attesta una qual disinvoltura nel maneggiare queste cose, si decidono nuovi impegni ma bisognerebbe ben considerare che ogni nuovo impegno è un costo. Per non parlare, ma ne accenno di sfuggita, alla quasi tradizionale beffa di fine anno, quando vengono approvate a san Silvestro norme e decreti retroattivi. E’ una aberrazione, così non può andare, non si può sbandierare e parlare di semplificazione e poi, nella pratica, razzolare male. La gente, gli artigiani, sono stanchi. Come più volte abbiamo detto, il problema numero 1 non sono più le tasse (che pure dovrebbero essere più basse, intendiamoci: una pressione al 48% è quasi da record del mondo!), ma ormai è questo continuo stillicidio di nuovi adempimenti, di interpretazioni non facili, di assenza di certezze, di timore costante di sanzioni. Siamo stanchi, mi ripeto.

Chiudo con un altro esempio che magari non fa direttamente capo al fisco, ma che attesta una complicanza quasi incomprensibile nell’era digitale. Voi sapete che da qualche tempo ci si può dimettere solo per via telematica. Per dimettersi dal posto di lavoro avete due opzioni: o andate direttamente all’ispettorato del lavoro, al patronato o presso una organizzazione sindacale,  altrimenti dovete farlo via telematica previo possesso del codice pin Inps dispositivo e personale. Ora, dico io, nell’era 4.0 non è davvero possibile trovare una soluzione più facile, più immediata, più smart per usare un termine oggi di moda?

Sistri, ecco le proposte di Associazione Artigiani ai parlamentari bresciani

in Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Bortolo Agliardi/Economia/Evidenza/Personaggi by
per_webagliardi24_fbSXgP7hyq

Pubblichiamo di seguito il comunicato del presidente di Associazione Artigiani Bortolo Agliardi con otto proposte “modificabili” da porre all’attenzione dell’agenda dei parlamentari bresciani in relazione al sistema Sistri.

ECCO IL TESTO DEL COMUNICAT

Interventi normativi sul Sistema Sistri: per Associazioni Artigiani il decreto complica le procedure e aumenta i costi. Otto punti modificabili all’attenzione dell’agenda dei parlamentari bresciani.

La gestione dei flussi di informazioni acquisiti e chi deve controllarli, l’iscrizione al SISTRI (obbligatoria e volontaria) con un riepilogo aggiornato dei soggetti coinvolti; il monitoraggio degli impianti di smaltimento e di recupero; il coordinamento tra soggetti iscritti e non iscritti e responsabilità del produttore e dell’impianto; le procedure  speciali, le modalità operative semplificate e il catasto dei rifiuti sono le nuove regole sulla tracciabilità informatica dei rifiuti  introdotte al Sistema Informatico per la Gestione e Tracciabilità dei Rifiuti dal  Decreto Ministeriale N°78/2016 del Marzo 2016.

Premesso, sottolinea in una nota il Presidente dell’Associazione Artigiani Bortolo Agliardi, che la necessità di colpire chi gestisce illecitamente i rifiuti attraverso un sistema che intensifichi i controlli su tutti i soggetti che partecipano alla filiera dei rifiuti è sicuramente un obbiettivo che va perseguito, il Decreto, pur introducendo alcune novità, di fatto non cambia nulla in termini di semplificazione, di riduzione delle procedure e dei relativi costi.”

All’impianto di procedure che comporterà un aggravio dei processi a partire dalle modalità di conferimento di delega alle Associazioni di categoria, Associazione Artigiani attraverso il centro studi Poisa risponde con otto proposte elaborate per semplificare e risparmiare:

  1. Chiarire relativamente al delegato se questi sia il soggetto che munito di certificato, di fatto appone la firma digitale sui documenti SISTRI e se in virtù di tale delega sia deputato dall’Ente o Impresa ad operare.
  2. Definire in tema di delegato il concetto del termine
  3. Predisporre una collaborazione tra SISTRI e Organizzazioni di Categoria presenti sul territorio al fine di approntare Corsi Tecnico Operativi dedicati a Consulenti e Imprese.
  4. Ottimizzare le procedure attraverso la semplificazione delle modalità di conferimento della delega alle Organizzazioni di Categoria
  5. Facilitare l’Inserimento Automatico al SISTRI per le imprese che effettuano l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali attraverso un reciproco scambio di informazioni tra SISTRI e Organizzazioni di Categoria
  6. Abolire gli attuali Strumenti di Identificazione Utente e Tracciamento Trasporto Token UUSB e Black Box sostituendoli con una App che interagisca con il SISTRI, oppure attraverso certificati virtuali e tachigrafi digitali abolendo contestualmente l’obbligo di Pianificazione informatica del viaggio.
  7. Semplificare gli oneri informativi attraverso l’integrazione del sistema con le principali banche dati, vedasi l’Anagrafe delle Imprese e quella dell’Albo Gestori Ambientali.
  8. Ridurre i costi di iscrizione annuali per le imprese che producono un quantitativo minimo di rifiuti all’anno, ad esempio Centri Estetici e Parrucchieri.

“Anche in questa occasione com’e’ nostra consuetudine, ribadisce Bortolo Agliardi, ci poniamo come interlocutori ne’ sterili ne’ polemici, certi di contribuire al miglioramento di un sistema virtuoso ma perfettibile“.

Confartigianato: sostenere l’apprendistato per l’occupazione giovanile

in Artigianato/Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Economia/Lavoro by
eugenio-massetti

«Lavoro e formazione? Insieme. E più posti sostenendo l’apprendistato». Questa la formula di Confartigianato per combattere la disoccupazione, inn particolare quella dei neodiplomati, secondo il  presidentebresciano Eugenio Massetti, che spiega: «È la formula vincente delle piccole imprese. Per combattere la disoccupazione giovanile bisogna cambiare la convinzione diffusa secondo la quale prima si studia e poi si lavora. Nell’immediato dobbiamo rispondere alle esigenze degli imprenditori attuando politiche che portino a risultati concreti come il recupero dell’occupazione».

Tra le preoccupazioni di Confartigianato, oltre allo stato delle imprese c’è anche infatti la disoccupazione giovanile, nell’ultimo trimestre, tra i 15 e i 24 anni risalita al 39,4%. «Bisogna dire basta una volta per tutte con il culturalmente corretto che fissa l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani dopo l’istruzione e la formazione – commenta il presidente Massetti che continua – dobbiamo farci carico di una piaga antica come la disoccupazione giovanile. Le cifre evidenziano che nell’ultimo trimestre nella fascia compresa tra i 15 e i 34 anni in Italia sono andati perduti 55 mila posti di lavoro». Eppure il dato non sembra più di tanto allarmare. «Siamo sinceri, il dato non scuote le singole coscienze abituate al pensiero culturalmente corretto che l’ingresso nel mondo del lavoro deve avvenire dopo l’istruzione e dopo la formazione dei giovani. E qui il corto circuito. Non facciamo finta: siamo in pochi a ritenere che il tempo della formazione e il tempo del lavoro debbano essere in parallelo e non in serie. Affrontare il problema significa rimuovere una convinzione profonda e diffusa: che lo studio è superiore al lavoro, che il sapere è superiore al saper fare, che chi studia non lavora ancora e chi lavora non studia più. La politica abbia il coraggio di indicare alle famiglie che quella non è la strada giusta per il futuro dei figli. La scuola italiana deve tornare a valorizzare anche la formazione tecnica, anzi politecnica, comprendendo, e non escludendo, le competenze della tradizione manifatturiera italiana – prosegue Massetti. Scelta che deve tenere insieme la straordinaria formazione umanistica di cui il sistema di istruzione italiano è campione».

E per far sì che non se ne approfitti dei tirocini dei giovani per comprimere il costo del lavoro: «I tirocini devono essere tirocini, punto. La formula dell’apprendistato con tanta formazione in azienda, con il tutoraggio continuo, con rapporti di lavoro dove i diritti non superino i doveri, rappresenta la formula migliore di ingresso nel mondo del lavoro da incentivare. Visto che è la formula che si realizza proprio nelle micro e piccole imprese, dove si concentra più di due terzi dell’occupazione privata italiana. Dobbiamo ritrovare il coraggio di essere l’Italia, di lasciar fare alle imprese il proprio lavoro sostenendo e valorizzando la nostra straordinaria capacità manifatturiera integrata con le nuove tecnologie 4.0, puntando sulla cultura e sul turismo. Settori nei quali i giovani possono applicare le loro capacità, senza creare artificiose e caduche economie delle app e delle start up» conclude Massetti.

A2A Energia illumina la sede dell’Associazione Artigiani di Brescia con un messaggio di auguri a led

in A2A/Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Economia/Partecipate e controllate/Partner by
aa12

In occasione delle Festività natalizie A2A Energia, società commerciale del Gruppo, illumina la sede dell’Associazione artigiani di Brescia e celebra così la lunga collaborazione con il sistema delle imprese artigiane del territorio spina dorsale dell’economia bresciana.

Da oggi la sede dell’Associazione sarà ben visibile grazie ai led che faranno brillare la facciata con gli auguri di Buone Feste dedicati ai cittadini bresciani: un’esperienza unica a Brescia 2, che ospita il palazzo dell’Associazione.

 

 

Sabato agli Artigianelli la festa dell’associazione tipografie bresciane

in Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Economia/Evidenza by
angelo lumini tipografie

Sabato 22 ottobre 2016 dalle ore 9,30 l’auditorium Capretti dell’Istituto Artigianelli di Brescia ospiterà le manifestazioni per i quarant’anni di ATAB, Associazione Tipografie Artigiane Bresciane, gruppo affiliato all’Associazione Artigiani della Provincia di Brescia. Un’occasione di festa ma anche di riflessione e confronto su un comparto radicalmente modificato dall’evoluzione tecnologica che, proprio sul tema del futuro dell’arte tipografica, ha voluto focalizzare l’intervento centrale della mattinata affidato al professor Luca Chiavegato dell’Istituto Universitario Salesiano di Venezia.

“I quarant’anni di attività, come sottolineato dal Presidente di categoria Angelo Lumini, saranno l’opportunità per associati e amici di confermare ancora una volta l’attività sociale attiva e continuativa di ATAB, contraddistinta da un denominatore comune che è stato da sempre quello di un profondo senso di amicizia e di condivisione di un’unica grande passione, quella per la stampa. Esprimere con la stampa, essere aperti verso gli altri, significa aver voglia di comunicare, avere il desiderio di ritrovarsi per discutere e confrontarsi.”

Confartigianato Acconciatori, il bresciano Aurelio Salvoni Eugenio Massetti

in Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Economia/Evidenza by
Massetti-Salvoni 2016

Brescia – Si è svolto il rinnovo delle cariche nazionali di Confartigianato Acconciatori: l’assemblea dei presidenti regionali ha eletto all’unanimità il bresciano Aurelio Salvoni alla guida dell’associazione per il prossimo quadriennio. Elezione all’unanimità anche per il Consiglio Direttivo nazionale ora composto da Barbara Catani (Toscana), Tiziana Chiorboli (Veneto), Rossano Trobbiani (Marche) e Michele Ziveri (Emilia. Romagna).

Aurelio Salvoni, originario di Chiari e classe 1961, è titolare dell’omonimo salone di acconciature di Chiari dal 1992. Cavaliere del lavoro, è attuale presidente della categoria di Confartigianato provinciale e regionale, presidente del Mandamento di Chiari e past president dell’Accademia Acconciatori di Brescia, oltre che membro della Giunta provinciale di Confartigianato e componente della Cooperativa Artigianato di Garanzia.

Particolare soddisfazione quella espressa dal presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia Eugenio Massetti: «Ennesima conferma della considerazione bresciana a livello nazionale nel campo del lavoro e dell’operato di Confartigianato in rappresentanza di lavoro e imprese».

Il neo presidente Aurelio Salvoni ha innanzitutto voluto dedicare un ringraziamento particolare al predecessore Lino Fabbian per il lavoro svolto nei due mandati della sua presidenza. «Raccolgo un’eredità importante – ha detto Salvoni – ora, l’impegno sarà quello di dare continuità ad un’attività che ha portato alla Categoria grandi soddisfazioni. Continueremo ad essere una squadra forte e determinata, in grado di valorizzare le risorse e creare opportunità per le imprese del settore aderenti al sistema Confartigianato». Nel programma di attività del prossimo quadriennio le tematiche legate a legalità, fisco, ambiente, formazione professionale, lotta all’abusivismo e alla concorrenza sleale, evoluzione normativa e semplificazione burocratica, nonché la realizzazione di iniziative in grado di promuovere il settore e stimolare il coinvolgimento della base, linfa vitale del sistema associativo.

Associazione Artigiani chiama a raccolta chi si occupa di impianti elettrici

in Associazione Artigiani/Associazioni di categoria/Eventi by
Bortolo Agliardi (presidente Associazione Artigiani dal 2015)

L’Associazione Artigiani invita tutti gli imprenditori che trattano di impianti elettrici a partecipare all’incontro di giovedì 9 Giugno alle ore 14,30 presso la sede in via Cefalonia 66 a Brescia al fine di condividere uno stato di fatto della categoria e iniziare, insieme, un percorso di cambiamento radicale e migliorativo utilizzando un unico strumento chiamato sistema impresa. “L’attività delle categorie, afferma Bortolo Agliardi Presidente dell’Associazione Artigiani, è il motore della vita associativa e la nostra Organizzazione offre l’opportunità agli artigiani di aggregarsi e creare gruppi associativi che possano attivarsi ed affrontare le difficoltà del settore di appartenenza creando occasioni di confronto con le istituzioni e coordinando le attività propositive che i vari gruppi vogliono trattare”. Un installatore elettrico è un artigiano ma per competere nel mercato di oggi ha bisogno di gestire la sua attività come un imprenditore.

Il sistema impresa è un metodo semplice e di comprovato successo che permette di focalizzarsi sulle azioni che portano un’attività ad affermarsi. Si tratta di un sistema composto da 7 fasi, ognuna delle quali migliorerà l’organizzazione del business elettrico e nasce per supportare l’imprenditore, nella concretezza della sua quotidianità, fornendogli tutti gli strumenti per costruire e gestire una organizzazione di successo. “Come qualsiasi attività artigiana rende unico chi la sa eseguire, la capacità di saper costruire e riparare un impianto elettrico, afferma Davide Bontempi Presidente di categoria dell’Associazione, ci rende unici. Ho avuto la fortuna di avere un padre che, nei primi anni ottanta, mi ha insegnato che il vero valore di questo mestiere, che stavo imparando, stava in ciò che sarei stato capace di fare nel tempo e non in quello di saper rivendere determinati materiali ad un prezzo più alto di quello di acquisto. Nonostante il guadagno sul materiale sia un fattore importante, di sicuro non è il principale. Per prima cosa bisogna riconoscerci, in quanto professionisti, per ciò che siamo in grado di fare grazie alla nostra capacita tecnica e alla continua crescita, necessaria per stare al passo con le innovazioni tecnologiche, senza dimenticare la grande responsabilità che ci assumiamo ogni qualvolta dichiariamo l’idoneità di quanto fatto nel certificato di conformità”.

Il 9 giugno gli installatori elettrici hanno l’opportunità di prendere coscienza delle grandi potenzialità della categoria per affrontare e superare le difficoltà del settore.

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti