Magazine di informazione economica di Brescia e Provincia

Category archive

Aziende - page 3

Barone Pizzini cresce ancora: obiettivo 400mila bottiglie

in Agricoltura e allevamento/Alimentare/Aziende/Economia by

Barone Pizzini si espande. L’azienda vitivinicola di Provaglio d’Iseo, infatti, ha annunciato un investimento da 1,8 milioni di euro per acquisire 8,5 ettari di vigneti già esistenti e altri 400mila euro per i reimpianti. Un’operazione in parte già completata, che si completerà ad aprile con un nuovo contratto.

L’obiettivo è quello di arriare a una produzione annua di 400mila bottiglie entro il 2027.  Ad oggi Barone Pizzini gestisce circa 55 ettari, 70 considerando i conferitori fidelizzati. La produzione attuale è di circa 300mila bottiglie, mentre il fatturato è raddoppiato rispetto a un decennio fa superando quota 5 milioni di euro. Raddoppiato anche l’export, passato dal 6 al 12 per cento.

A questa quota contribuiscono anche le tenute di Pievalta nelle Marche (Verdicchio) e Poderi di Ghiaccioforte in Toscana (Morellino di Scansano), ma il grosso del fattura to (3,3, milioni) arriva dal Franciacorta Docg.

Gefran torna all’utile, dividendo di 0,25 euro per azione

in Aziende/Bilanci/Economia/Gefran/Meccanica by

Torna ai dividendi la Gefran di Provaglio d’Iseo, che il 20 aprile terrà l’assemblea per approvare lo stacco di una cedola da 0,25 euro per azione.

L’azienda, quotata in Borsa, è leader nella progettazione e produzione di sistemi e componenti per l’automazione e il controllo dei processi industriali. Circa 750  gli addetti. Il fatturato 2016 ha chiuso con 119,33 milioni di euro, in progresso del 3,4% (anche sul mercato italiano), mentre il margine operativo lordo è di 11,324 mln di euro (5,681 mln di euro nel 2015) con un ebitda di 12,513 milioni di euro.

Il risultato operativo – secondo quanto riportato da Bresciaoggi – è di 5,115 milioni di euro (-0,630 mln in precedenza), il risultato netto complessivo di 3,948 milioni di euro, mentre l’anno precedente l’azienda era andata sotto di 4,769 milioni.

Il patrimonio netto al 31 dicembre scorso è di 66,908 milioni di euro. La posizione finanziaria netta (-12,918 milioni di euro) migliora di 11,96 mln sul 2015.

INNOVATION CLUB/7. Br Car Service, un nuovo modello di gestione dei veicoli aziendali

in Automotive/Aziende/Br Car Service/Economia/Innovation club/Partner/Rubriche by
Paolo Ciotti

Inauguriamo l’iniziativa di Innovation Club dedicata alle più promettenti Startup Italiane con un’intervista a Paolo Ciotti, CEO di BR Car Service.

Br Car Service
Br Car Service

Innovare il mondo della gestione dei veicoli aziendali non è compito facile, è questo però l’obiettivo che si pone BR CAR SERVICE, start up innovativa fondata nel 2015, partendo da un’idea del suo creatore e grazie al coinvolgimento di diversi operatori del settore automotive sia in ambito locale lombardo che nazionale. Il servizio offerto da questa società, unico nel suo genere, consente alle aziende un notevole risparmio sulla gestione e manutenzione delle flotte aziendali, permettendo alle piccole e medie imprese di accedere alle condizioni normalmente riservate agli operatori del settore e garantendo un controllo sullo stato di gestione dei propri veicoli. Ne abbiamo parlato con l’ideatore e fondatore Paolo Ciotti.

Come è nata l’idea ?
L’idea è nata all’inizio del 2014, dall’esperienza accumulata in 15 anni di lavoro nel settore automotive, proprio grazie alla conoscenza
della filiera distributiva del ricambio e all’attuale modello di gestione delle flotte aziendali. Fin da subito è stata riconosciuta per il suo
aspetto innovativo, guadagnando l’opportunità di un esclusivo percorso formativo all’interno del progetto ISUP – Italian Start Up (un anno di Master in sviluppo dell’idea di business) promosso da Confindustria Brescia e diventando in seguito servizio in convenzione per le
aziende associate alla stessa.
Nel 2015 si è quindi deciso di costituire la BR CAR SERVICE SRL, start up innovativa regolarmente iscritta allo speciale Registro della Camera di Commercio e si è iniziata la graduale diffusione del servizio.
Cosa vi distingue dall’attuale offerta del mercato ?
Oggi, in Italia, la normale offerta del mercato per la riparazione dei veicoli, rivolta alle imprese, non è in alcun modo differente da quella destinata al cliente privato. Pur avendo il veicolo aziendale consumi più elevati, sono molto rare e, nei pochi casi documentati, irrisorie le condizioni riservate a questo tipologia di utenza.
BR CAR SERVICE tramite una bassa quota di adesione permette a tutte le aziende, anche con un solo veicolo in proprietà, di avere a disposizione una rete di officine, tutte operanti alle stesse condizioni, con un costante controllo sulla qualità del servizio e con l’applicazione di tariffe regolamentate. Grazie inoltre alla fornitura diretta all’ingrosso del materiale necessario alle manutenzioni e riparazioni dei veicoli, riusciamo a garantire un notevole risparmio sulle stesse, con una riduzione dei costi spesso superiore al 30%.
 
Non risulta complicato per il cliente ?
Assolutamente no, in senso pratico tutto resta normale, il cliente continua a portare il proprio veicolo in officina come ha sempre fatto, ma con la possibilità di avere a disposizione più punti dislocati sul territorio e la sicurezza di un trattamento certificato in ognuno di questi. Naturalmente, i vantaggi riservati vengono applicati senza che il cliente debba far nulla.
Il cliente ha la possibilità di sapere anticipatamente quale sarà la spesa da sostenere ?
Si, è facoltà del cliente chiedere preventivo di spesa prima di procedere all’intervento. Attualmente, stiamo implementando un sistema informatico che garantirà al cliente di ricevere il preventivo della stessa in anticipo per ogni riparazione, con la possibilità di personalizzare il proprio livello di informazione e controllo sulla gestione dei veicoli, ovvero di scegliere cosa rendere automatizzato dalla procedura BR CAR SERVICE e cosa controllare personalmente. Le condizioni riservate e gli standard di lavoro saranno chiaramente sempre garantiti ed il cliente avrà in più la possibilità di tenere sotto controllo ogni stato di avanzamento del lavoro.
Alcune aziende hanno adottato soluzioni di noleggio lungo termine dei veicoli, il vostro servizio in questo caso non serve ?
Anche nelle soluzioni di noleggio lungo termine BR CAR SERVICE è utile ai propri clienti. Il software che stiamo implementando non solo gestirà i veicoli in proprietà, sia a livello di riparazioni che di scadenza normative (bollo, assicurazione, ecc..), ma terrà, inoltre,
monitorato l’avanzamento chilometrico dei veicoli, automatizzando l’aggiornamento dello stesso con comunicazione agli utilizzatori e quindi, permettendone la verifica costante. Ciò è importante per il veicolo in proprietà, ma ancora di più per quello a noleggio,che
prevede chilometraggi precisi a livello contrattuale.
Inoltre, BR CAR SERVICE avendo stipulato un accordo con quasi tutte le principali compagnie di noleggio lungo termine nazionali, da la possibilità di poter accede a più quotazioni, formulate da diversi operatori e di poter personalizzare l’offerta destinata al cliente.
State già operando da un anno sul mercato, chi sono i vostri clienti ?
BR CAR SERVICE si rivolge a tutte le aziende, ma in particolare il nostro obiettivo è quello di diventare il primo servizio specifico per le piccole e medie imprese. Non serve avere grandi flotte per risparmiare e trovare vantaggi con le nostre soluzioni; già con pochi veicoli la
convenienza è evidente, chiaramente più è grande la flotta più si moltiplica il risparmio.
Tra i nostri clienti ci sono aziende con diversi veicoli commerciali e auto, abbiamo inoltre recentemente esteso il servizio anche ai veicoli superiori ai 35 quintali, ancora in modo limitato, ma è nostro obiettivo per il futuro servire anche questo specifico mercato.
 
Quali sono gli obiettivi raggiunti fino ad oggi e quali gli obiettivi dei prossimi anni ?
Il nostro obiettivo primario, fino ad oggi, è stato quello di creare internamente l’adeguata struttura aziendale per poter gestire tutti gli aspetti del servizio offerto ed esternamente abbiamo cercato di diffondere il più possibile il servizio per testarne tutti gli elementi, confrontandoci inoltre con le esigenze emerse dai nostri clienti e aumentando il numero degli stessi.
Tutto questo ci ha portato ad avere un notevole bagaglio di informazioni, nonché la sostenibilità dell’iniziativa, ma ancor di più ci ha permesso di individuare il giusto percorso e i necessari contatti per la diffusione su ampia scala del servizio.
Nel medio periodo prevediamo quindi di raggiungere il completamento degli strumenti informatici necessari ad automatizzare i processi e di diffondere ulteriormente l’iniziativa potenziando la struttura commerciale, stiamo valutando infatti la possibilità di cedere una quota minoritaria di azioni a potenziali investitori proprio per accelerare tale percorso.
Secondo lei qual è il segreto di una start­up di successo ? Cosa fa la differenza ?
Penso siano diversi i fattori necessari al successo di una start­up, in primis sicuramente la dedizione alla propria idea ed alla volontà di svilupparla. Creare una start­up non può essere un lavoro part­time, è necessario dedicarci tutto il proprio tempo, senza arrendersi davanti alle difficoltà. Inoltre un altro fattore importante riguarda la scelta dei propri collaboratori, perché la condivisione dello stesso spirito è fondamentale per il buon successo dell’iniziativa. Chiaramente alla base di tutto questo, ci deve essere un reale principio di innovazione nell’idea, con la capacità di vedere sempre anche oltre.

Stefana, sono 140 i lavoratori a rischio

in Acciaio/Aziende/Banche/Cgil/Crisi/Economia/Sindacati by

Sono 140 i lavoratori che rischiano il posto alla Stefana di Nave. Alla scadenza fissata per il sesto bando, infatti, non sono arrivate offerte per il sito di via Bologna, in concordato preventivo, nonostante le diverse manifestazioni di interesse arrivate nelle settimane precedenti da gruppi italiani e stranieri. E l’assenza di offerte sorprende tutti i soggetti coinvolti, che confidavano in una positiva chiusura della vicenda in tempi brevi come testimoniato dal fatto che per i lavoratori erano stati chiesti due mesi di cassa integrazione (scaduti a febbraio). Il commissario giudiziale Valerio Galeri, a Bresciaoggi, ha parlato di incredulità e angoscia per gli ultimi sviluppi. Mentre il segretario della Cgil Damiano Galletti ha accusato Aib di essere stato troppo assente.

La base della trattativa, lo ricordiamo, era di 10 milioni di euro, più la presa in carico dei 140 lavoratori (di cui 30 in vista di pensionamento).

Immigrati e lavoro, una domandina ai sindacati (e ai partiti)

in Ave/Aziende/Economia/Opinioni/Sindacati by

di Sandro Belli – Da anni il sindacato, con le sue graduali conquiste e le sue “vivaci” pressioni ha creato garanzie, assistenza e sicurezza per i lavoratori contribuendo alla realizzazione di un sistema di welfare complesso e protettivo di alto livello, anche se decisamente costoso. Ciò che si è venuto a creare, nei confronti di immigrati e in genere di cittadini stranieri è un po’ paradossale. Per cercar spazio nel mondo del lavoro o nelle attività commerciali o artigianali lo straniero è disposto a rinunciare a varie comodità, garanzie e protezioni (zero welfare)  riuscendo solo in tal modo a offrire beni e servizi a basso prezzo e creando indubbie difficoltà a chi è protetto ed “in regola”.

Un esempio. Nei bar di vicinato tutto costa meno nei locali gestiti da orientali, che, oltretutto sono sempre aperti, per più di dodici ore. Pare che nel retro i gestori dormano nel locale, anche se è senza finestre e molto piccolo. Ma il servizio sembra ottimo. La giovanissima cinesina (in regola?) che serve in tavola, per tutte le dodici ore sorride.

I pochi bar rimasti nella zona, gestiti da italiani, sono in piena crisi e non riescono a competere con prezzi ed orari così irraggiungibili. Le cameriere “in regola” costano molto di più: le pause, le ferie e l’orario giornaliero, la tassazione non sono confrontabili. Il sindacato che meritevolmente ha favorito negli anni il benessere, i diritti e le protezioni dei lavoratori oggigiorno non può che farsi carico di combattere contro questa insostenibile disparità. È pensabile? Non può certo respingere l’immigrato o boicottarlo!

È sicuramente consapevole che facendo pressione per portare lo straniero ad essere pienamente “in regola” alzerebbe a tal punto il suo costo o il costo dei suoi prodotti che  ne determinerebbe l’ uscita dal mercato. Diminuire le garanzie sindacali e, conseguentemente, il costo del lavoratore italiano per ristabilire un equilibrio, non è pensabile. Tollerare il lavoro in nero degli stranieri, l’evasione  o le gravi mancanze di sicurezza o igiene oggi largamente presenti non è accettabile.

Brescia e la sua provincia non sono affatto diverse dalle altre zone d ‘Italia. La insostenibile competitività sta diventando esplosiva e genera reazioni anche violente sopratutto nelle aree dove la crisi è più grave, sia nel settore dell’artigianato e delle piccole attività industriali ed agricole, sia nel lavoro dipendente. La politica ondivaga per natura, non riesce ad esprimere comportamenti coerenti e costanti.  Che fare?

LEGGI LE ALTRE OPINIONI DI SANDRO BELLI SU BSNEWS.IT

DESTRA O SINISTRA? IL PAMPHPLET DI SANDRO BELLI VE LO REGALA BSNEWS.IT

Aib, Pasini in campo per dare continuità al lavoro di Bonometti

in Acciaio/Aib/Associazioni di categoria/Aziende/Economia/Evidenza/Garda/Nomine/Zone by

“Marco Bonometti si è sacrificato molto e ha fatto tanto per l’Aib: ha dato una direzione generale all’associazione creando le condizioni per svolgere un ottimo lavoro a servizio degli associati, anche supportandoli nell’affrontare al meglio il percorso per l’internazionalizzazione. In generale Bonometti è un patrimonio che Brescia dovrebbe far fruttare al meglio”.

Con queste parole – in un’intervista rilasciata a Bresciaoggi – Giuseppe Pasini, patron del gruppo Feralpi e aspirante numero uno di Aib, si è espresso sui rapporti con il presidente in carica: una presa di posizione chiara che sottolinea la continuità con quanto fatto dal proprietario di Omr fino a oggi (“La chiamata – si legge ancora – è stata fatta da imprenditori che fanno riferimento all’attuale leader, Bonometti, capace nel suo mandato di far crescere l’associazione non solo in ter- mini di iscritti, ma anche in autorevolezza. Il presidente ha il merito di aver messo al centro dell’attenzione tante questioni in un confronto continuo con tutto il territorio: se ha fatto tanto bene, non vedo perchè si debba di- sfare quanto realizzato”).

Nell’intervista Pasini definisce Franco Gussalli Beretta – suo rivale nella corsa per la poltrona di presidente – “un’ottima persona”, ma sottolinea che “c’è il rischio che si possa arrivare a una spaccatura e questo va evitato”.

Aziende familiari, giovedì se ne parla alla Facoltà di Economia

in Economia/Eventi/Evidenza/Finanza/Formazione/Sei consulting by

“Convivenza tra generazioni e passaggi di responsabilità nella piccola e media impresa / La continuità delle aziende familiari in provincia di Brescia”. E’ questo il titolo della ricerca che verrà presentata giovedì 9 febbraio – dalle 15 alle 18.30 – nell’aula magna del Dipartimento di Economia e Management dell’Università degli studi di Brescia.

Dopo l’introduzione dei lavori affidata a Claudio Teodori e a Federico Sella, in rappresentanza rispettivamente dell’Università di Brescia e di Banca Patrimoni Sella, Achille Fornasini e Alberto Mazzoleni dell’Università di Brescia illustreranno le più rilevanti risultanze dell’indagine, che saranno oggetto nei prossimi mesi di una specifica pubblicazione.

A seguire si svilupperà una discussione moderata da Ivan Losio, della SEI Consulting di Brescia, che vedrà il coinvolgimento di due noti imprenditori bresciani, Giacomo Gnutti e Giuseppe Pasini, presidenti rispettivamente della Franco Gnutti Holding e della Feralpi Holding, di Veronica Buzzi, vicepresidente del Gruppo Buzzi Unicem, multinazionale quotata con sede a Casale Monferrato, e di Federico Ghidini in qualità di presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Lombardia.

La ricerca svolta nell’ambito del Dipartimento di Economia e Management dell’Università degli Studi di Brescia – con la collaborazione di SEI Consulting e il sostegno di Banca Patrimoni Sella – ha preso avvio nel mese di settembre 2015, intendendo individuare i modelli di governance per l’accompagnamento alla migliore continuità imprenditoriale in aziende familiari residenti in provincia di Brescia interessate da convivenze tra diverse generazioni. Il campione era formato da 98 piccole e medie imprese familiari bresciane.

Scarica il programma del convegno

 

Franciacorta Outlet Village si allarga: in arrivo 30 nuovi negozi

in Aziende/Commercio/Economia/Franciacorta Outlet by

È tutto pronto per l’ampliamento di Franciacorta Outlet Village di Rodengo Saiano. L’Outlet gestito da Multi Outlet Management Italy (MOMI), filiale italiana del gruppo olandese Multi Mall Management, è uno dei cinque outlet del portfolio Land Of Fashion acquisiti dal Fondo americano Blackstone.

I lavori di fase 3 per Franciacorta Outlet Village sono appena iniziati e prevedono uno sviluppo di circa 30 unità a doppia altezza distribuite su circa 5.000 mq di SLP (superficie lorda complessiva).

Attualmente Franciacorta Outlet Village ha una superficie di 32.650 mq e comprende una galleria commerciale di 150 negozi per un’offerta commerciale completa, dai marchi moda di fama internazionale a quelli di nicchia, a prezzi ridotti fino al 70% tutto l’anno. L’obiettivo di questa terza fase è quello di continuare ad arricchire l’offerta del Village puntando sull’ampliamento del già considerevole numero dei fashion brand più prestigiosi e di creare una nuova area ristorazione adeguata agli spazi e al design del Village.

Le nuove unità commerciali si svilupperanno attorno alla Food Court e alla Cascina già esistenti e si presenteranno con grandi vetrine, pensiline in vetro, decori e arredi caratterizzati da uno stile che si si ispira all’architettura del territorio. Un elemento distintivo sarà la lussuosa galleria con copertura in metallo e vetro, che richiama le gallerie cittadine dell’800 collegando le varie aree commerciali.

«ll piano della terza fase dell’outlet, come sottolineato dal Direttore Marketing Multi Outlet Management Luca Zaccomer, è finalizzato a realizzare 5mila metri quadrati di ampliamento per un totale di 190 boutique. Con questa operazione vogliamo che i nostri visitatori abbiano un’offerta ancora più completa e caratterizzata dalla presenza di fashion brand di sempre maggiore prestigio. Inoltre, con la finalizzazione di questa terza fase saremo in grado di offrire un livello di ospitalità sempre più adeguato e all’altezza delle aspettative dei visitatori che speriamo possa contribuire a rendere ancora più attrattivo un territorio già fantastico come quello della Franciacorta».

 

Franciacorta Outlet Village

Inaugurato nel 2003 come prima destinazione outlet della Lombardia, con oltre 160 negozi il Franciacorta Outlet Village è facilmente raggiungibile da Milano (meno di 40 minuti di macchina) da cui parte anche uno Shopping Shuttle giornaliero. Il Village è parte del portfolio Land of Fashion gestito da Multi Outlet Management Italy (MOMI), filiale italiana del gruppo olandese Multi Mall Management. In portfolio cinque Outlet Village situati da nord a sud lungo tutto lo stivale italiano: Franciacorta Outlet Village, Mantova Outlet Village, Palmanova Outlet Village, Puglia Outlet Village, Valdichiana Outlet Village. Acquisiti dal Fondo americano Blackstone, i 5 Outlet Village sono stati scelti da ben 17 milioni di visitatori solo nel 2015 grazie alla elevata qualità dello shopping proposto negli oltre 600 punti vendita che li costituiscono.

Land of Fashion è la collezione di cinque uniche shopping destination che si distribuiscono da nord a sud, lungo tutto il territorio italiano: Palmanova Outlet Village (Friuli), Franciacorta Outlet Village e Mantova Outlet Village (Lombardia), Valdichiana Outlet Village (Toscana) e Puglia Outlet Village (Puglia). Gestiti da Multi Outlet Management Italy (MOMI), filiale italiana del gruppo olandese Multi Mall Management, i cinque Outlet Village ospitano collezioni originali delle stagioni precedenti di marche di moda di fama internazionale e di nicchia, a prezzi ridotti fino al 70%, tutto l’anno. Collocati in regioni note per la loro storia e cultura, gli Outlet Village offrono un mix esperienziale unico di shopping e intrattenimento. 150 mila metri quadrati commerciali, di proprietà del Fondo americano Blackstone, che nel 2015 sono stati scelti da ben 17 milioni di visitatori, per uno shopping di qualità con formula outlet negli oltre 600 punti vendita dei Village.

La bresciana Ave inserita tra le 100 eccellenze italiane

in Ave/Aziende/Economia/Emanuele Belli/Manifatturiero/Personaggi/Sandro Belli by
Emanuele Belli, Ave

È stato ritirato a Roma presso Palazzo Montecitorio il “Premio 100 eccellenze italiane”, un prestigioso riconoscimento che ha visto AVE tra i protagonisti eletti a simbolo di quell’Italia virtuosa, tesa a dar valore al Made in Italy come patrimonio nazionale ed internazionale. Un valore su cui AVE crede da sempre e sul quale ha costruito la propria filosofia aziendale.

Promosso dall’Editore Riccardo Dell’Anna, il “Premio 100 eccellenze italiane” richiama a quel complesso tessuto di unicità che definiscono il Made in Italy, quell’ Italia contemporanea dove innovazione, tradizione, audacia e creatività non sono semplici suggestioni, ma qualità pregnanti, culturali e dense di significato. Tenutasi il 1 dicembre scorso nella Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio la cerimonia di premiazione ha inserito AVE tra le 100 eccellenze italiane più eclatanti, insignendola dell’importante riconoscimento. Durante l’evento è stato presentato in anteprima anche l’omonimo volume “100 eccellenze italiane”, dove vengono raccontate le storie di queste importanti realtà e, tra queste, quella di AVE.

Protagonista da oltre 110 anni dello scenario internazionale dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate all’installazione in impianti residenziali e terziari, AVE è storicamente la prima azienda italiana produttrice di materiale elettrico. Negli ultimi anni, in particolare, l’Azienda ha dato un notevole impulso a soluzioni assolutamente innovative conseguendo nuovi importanti brevetti. Oggi AVE è una realtà in continuo sviluppo, che esporta in oltre 70 paesi ed è presente in varie nazioni con filiali commerciali e joint venture industriali.

Punto di forza di tutta la produzione AVE e simbolo del Made in Italy di qualità e di prestigio, il design rappresenta il valore aggiunto su cui l’Azienda ha fondato il proprio successo. I prodotti AVE sono stati installati nelle case, negli uffici e nelle aziende in Italia e più di 100 paesi nel mondo. Con oltre 200 brevetti e numerosi premi ricevuti, tra cui il Premio Compasso d’Oro per il Design, a cui si aggiunge il Premio 100 eccellenze italiane, AVE è in grado oggi di proporre soluzioni facilmente inseribili in qualunque ambiente, che si adattano ad un mercato sempre più esigente ed in continua evoluzione.

IN FOTO EMANUELE BELLI (TERZO DA DESTRA) CON IL PREMIO

Go to Top
Vai alla barra degli strumenti