Imprese in crescita

Economia, nel Bresciano 587 imprese in più tra aprile e giugno

in Economia/Tendenze by

Tra aprile e giugno sono nate 1.727 imprese a fronte di 1.140 chiusure che hanno determinato un bilancio in attivo pari a 587 nuove realtà imprenditoriali.

Determinante, in questo trimestre, è stato l’andamento delle iscrizioni – in aumento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno- mentre le cessazioni si sono mantenute in linea con quanto registrato lo scorso anno.

Bilancio positivo anche per il comparto artigiano che chiude il trimestre con 174 imprese in più quale risultato della leggera ripresa iscrizioni, rispetto allo periodo dello scorso anno, e del contestuale calo delle cessazioni.

I risultati positivi del periodo primaverile non sono stati, tuttavia sufficienti a recuperare parte della base imprenditoriale. Lo stock delle imprese registrate al 30 giungo si colloca, infatti, a 117.687 unità, in calo dell’1,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

E’ questa la dinamica che emerge dall’analisi sulla natalità e mortalità delle imprese bresciane realizzata dal Servizio Studi della Camera di Commercio di Brescia e dell’Ufficio Studi e ricerche di AIB su dati Movimprese.

IL BILANCIO DEI SETTORI

Tra settori che vedono aumentare la propria base imprenditoriale si confermano le attività professionali e scientifiche (+ 174 imprese), tra le quali emergono le attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale e le altre attività di servizi. Positivo anche il bilancio delle altre attività di servizi (+79 imprese).

Sul fronte artigiano le imprese che chiudono il trimestre con saldi sono positivi le altre attività di servizi (+50 imprese) e le attività di servizi di supporto alle imprese (+25 imprese).

All’opposto, il settore che arretra maggiormente si conferma il commercio (-509 imprese), seguito dalle attività manifatturiere (-200 unità), dalle costruzioni (-151 imprese) e dall’agricoltura (-102 imprese). Sul fronte artigiano i saldi sono negativi soprattutto per costruzioni ed attività manifatturiere.LE FORME GIURIDICHE

Sono state principalmente le società di capitali e le imprese individuali a contribuire al saldo positivo del trimestre. Più dinamiche si confermano le società di capitali che hanno chiuso con un bilancio positivo di 300 unità.

Le imprese individuali hanno segnato un saldo positivo per 290 unità, tuttavia rispetto allo scorso anno sono diminuite del 2,1%. Persiste anche la diminuzione delle società di persone con una flessione annua del 2,9%.

Dinamiche speculari si confermano nel comparto artigiano con un aumento delle società di capitali (+8,3% annuo) ed un continuo arretramento delle società di persone (-4,7% annuo).

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*